"Presidente della Camera" tag

Supplenti no, reggenti si: Il diritto allo studio tra proclami e populismo

EBOLI – CULTURA SCUOLA & SOCIETÁ
Supplenti no, reggenti si: il diritto allo studio e i paraocchi della politica. Proclami e populismi ammorbano l’Italia e l’Europa, alla ricerca di un’identità politica continentale.

Rosania: Che c’è sepolto nella Discarica di Grataglie?

EBOLI – Vedere immediatamente cosa c’e’ sepolto nella ex discarica di Grataglie.
L’allarme è di Sinistra Unita, Rifondazione Comunista e di Gerardo Rosania all’epoca Sindaco di Eboli a seguito delle rivelazione “tardive” del pentito di Camorra Carmine Schiavone, desecretate solo l’altro ieri.

Il Presidente della Camera Boldrini consegna alla Fondazione Vassallo, l’opera “Segno Orma nel Mare”

ACCIAROLI – Pollica – Da una idea del laboratorio dei Pensieri Scomposti l’opera Segno “Orma nel Mare” è stata consegnata dal presidente della Camera Boldrini a Dario Vassallo in memoria del fratello Sindaco Pescatore.
L’opera “SEGNO, ORMA NEL MARE”, dell’artista Rosanna Giannino, tra le sue caratteristiche, oltre al valore artistico in se, ha quella, che è stata realizzata in legno massello tratto dall’essenza del Cedro del libano.

“La libertà degli eletti” e il divieto del vincolo di mandato

ROMA – Il divieto del mandato imperativo formulato dai costituenti della Rivoluzione francese, e da allora si ritrova in tutte le Costituzioni ottocentesche, compreso quelle del Novecento. Grillo-e-Guru non sanno nulla.
I parlamentari non devono essere emissari, portavoce dei loro padroni e signori. Esattamente come pretendono oggi Grillo e il suo guru. Fingono di praticare una nuova democrazia diretta (telematica) e violano magroscopicamenete la costituzione.

Con i “week end della legalita’”, Inizia da Sant’Egidio del Monte Albino la Campagna di FLI “Liste pulite”

SANT’EGIDIO DEL MONTE ALBINO – Il Partito di Gianfranco Fini approda anche a Sant’Egidio del Monte Albino e lancia la “Campagna Liste pulite”.
Allestiti Gazebo per la raccolta di firme, tra i presentiil Consigliere Attanasio, il coordinatore Maiorino, il Coordinatore di Generazione futuro Iuzzolino e il Segretario Provinciale Antonio Cammarota.

La Corsa è finita: Il Paese nelle “mani” dell’orgoglio di Berlusconi

ROMA – Berlusconi è leader indiscusso del centro-destra, chi lo conosce sa che non mollerà la presa. Lo scontro è tra antipolitica e politica, nuovo e vecchio, berlusconismo e realismo. Naturamente lui è il “nuovo”.
Con lo strappo vengono fuori nuovi leader: Bocchino, Viespoli, Della Vedova, Granata, Ronchi; al posto degli impresentabili La Russa, Gasparri, Santanché, fascisti sciacquati nel liberalismo democratico.

Si conferma la tregua. Ma Fini e Berlusconi pensano a soluzioni diverse

ROMA – La Riforma della Giustizia in Consiglio dei Ministri la settimana prossima ma il FLi nega che ci sia già l’accordo.
Il Presidente della Camera fa sapere che la trattativa è appena cominciata; che il percorso del “lodo Alfano” sarà lungo e che nulla è scontato.

La legislatura adesso è in bilico

MILANO – Dopo il voto di fiducia Berlusconi è più debole, Fini e Lombardo sono determinanti, Bossi è preoccupato.
Un punto è chiaro: non c’è sulla carta una maggioranza politica alternativa a Berlusconi. Ma il Cavaliere esce più debole dal dibattito e l’opposizione non è più forte.
MILANO – Silvio Berlusconi aveva urgente bisogno di tornare a indossare l’abito istituzionale di Presidente del Consiglio.

La macchina da guerra che schiaccia il dissenso

ROMA – La risposta di Fini è comunque tardiva, poteva e doveva arrivare molto prima, subito dopo le notizie pubblicate dal “Giornale” di Feltri.
Da un lato Gianfranco Fini e la famiglia Tulliani, dall’altro il comunicato di un ministro della Giustizia dell’isola caraibica di Santa Lucia, i giornali della famiglia di Silvio Berlusconi.
La responsabilità istituzionale avrebbe dovuto far premio su ogni altra considerazione anche a costo di mettere in gioco un assetto privato molto delicato.

Scontro a Destra il Ministro Carfagna contro Cirielli.

Il Presidente Cirielli in soli due mesi ha bruciato tutta la fiducia che gli alleati hanno riposto in lui.
Carfagna Presidente – Dietro lo scontro e la candidatura una guerra di lederchip.

SALERNO – Mentre a sinistra con le avance del Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, si apre il discorso delle candidature alla Presidente della Regione, nel Centro-destra si sta consumando un vero e proprio scontro tra il Presidente della Provincia l’On. Admondo Cirielli e il Ministro Mara Carfagna. La materia del contendere è evidentemente la leaderchip del PdL nel salernitano e in Campania.

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente