Referendum: I sondaggi spaventano Renzi. Il NO é avanti

Secondo alcuni sondaggisti, i dati sulle intenzioni di voto degli italiani sul Referendum spaventano Renzi.

Il ”No” è ancora nettamente avanti sul ”Sì”: 53,1 a 46,9%. Inoltre calano gli indecisi: da 44,7 a 35,8%. E il M5S spaventa: Al Sud e specie nelle isole sfonderebbe.

Matteo-Renzi

Matteo-Renzi

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

ROMA – Circola nei salotti istituzionali e finanziari una tabella che mette in fila i sondaggi da luglio a settembre 2016 sul referendum costituzionale. Il ”No” è sempre in vantaggio e le cifre legate agli indecisi su cui il presidente del Consiglio Matteo Renzi vuole puntare continuano a diminuire. Il segnale per i renziani è pessimo.

MA LA FORBICE SI RESTRINGE. Se però ai primi di luglio secondo Euromedia Research il ”No” era in vantaggio sul ”Sì” di quasi 10 punti (54,3 a 45,7%), il 19 settembre Emg per il TgLa7 conferma il trend negativo, anche se la forbice pare diminuire (53,1 a 46,9). Il problema è che allo stesso tempo vanno riducendosi gli indecisi. Erano il 44,7% il 5 settembre, mentre adesso sarebbero il 35,8. La gravità della situazione è palpabile a Palazzo Chigi. Tanto che la war room renziana starebbe effettuando pure sondaggi su base regionale.

A quanto pare, come confermato pure dal Corriere della sera, i problemi maggiori per il premier e segretario del Partito democratico arriverebbero da Sud, in particolare da Sicilia, Sardegna e Basilicata, tre regioni dove il ”No” sarebbe in netto vantaggio. A Catania ha fatto particolare impressione la differenza di pubblico che c’è stata durante i comizi di Alessandro Di Battista e quelli di Renzi. Per il grillino c’erano almeno 8 mila persone, per il secondo appena mille durante la festa dell’Unità con tanto di contestazioni.

LOTTI IN MISSIONE SARDA. In terra sarda invece, dove il Pd è spaccato, a cercare di rianimare gli animi è stato inviato da alcuni mesi Luca Lotti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, che sta provando, a quanto pare invano, a rasserenare la situazione. Non è un caso poi che il comitato per il ”Sì” stia riempiendo a macchia d’olio di appuntamenti e convegni il Sud Italia. Sono impegnati tutti, pure ex esponenti di governo come Maurizio Lupi del Nuovo centrodestra. Ma in due mesi è probabile che Renzi possa aumentare la pressione mediatica. Una Rai sempre più militarizzata sulle posizioni del ”Sì”.

Renzi-Merkel

Renzi-Merkel

Da sinistra Ilaria Dallatana, Angelo Teodoli, Monica Maggioni, Antonio Campo Dall’Orto, Daria Bignardi e Andrea Fabiano.

La Rai è ormai nel mirino da mesi per lo spazio che sta dando alle ragioni del ”” al referendum. Il trend è in costante aumento. E gli ultimi dati di agosto testimoniano che il Tg1 è quello più schierato: ha riservato alle motivazioni del ”” il 60,9% del tempo di parola, mentre il ”No” è stato rappresentato per il 36,0%. È invece del 2,2% la percentuale di tempo neutro, relativo cioè a posizioni non schierate o non riconducibili a una chiara indicazione di voto.

DUBBI ANCHE SU BIGNARDI. Ora si aspettano nuove rilevazioni, anche alla luce dei cambi di direzione e delle nuove nomine in Rai. Scelte che a quanto pare non hanno del tutto convinto il giro renziano con il presidente del Consiglio che non starebbe risparmiando critiche all’amministratore delegato Antonio Campo Dall’Orto e alla gestione di RaiTre: qualche dubbio sarebbe stato mosso anche sulla gestione di Daria Bignardi, direttrice di rete.

Gli attacchi alla Merkel come tentativo di guadagnare consenso a destra Matteo Renzi e Angela Merkel. L’impressione è che gli attacchi all’Europa di Angela Merkel siano stati un modo usato da Renzi per intercettare più voti in Italia, cercando quindi il consenso del voto anti-europeista, in particolare quello di Forza Italia: gli ex berlusconiani a Nord sembrerebbero più positivi verso la consultazione referendaria, ma a Sud invece continuano a dire ”No”. Il problema è il Movimento 5 stelle di Beppe Grillo che sotto il Po sta continuando a sfondare, ritagliandosi la figura di un partito sempre più presente nelle piazze e nelle istituzioni.

Matteo renzi

Matteo renzi

BERLUSCONI SCETTICO. A questo si aggiunga che Renzi sta cercando sempre di più di trovare sponde a destra e a sinistra, dall’apertura sulle modifiche all’Italicum (rispedite al mittente) fino al tentativo di arruolare storici commentatori come Emanuele Macaluso al quotidiano l’Unità: anche qui la risposta è stata negativa.

Un aiuto aiuto a Renzi, a quanto pare, potrebbe arrivare da Silvio Berlusconi che però avrebbe cambiato idea sul presidente del Consiglio e lo considererebbe già fuori dai giochi, sicuro che il referendum non passerà. «Mi piaceva all’inizio, ora ho cambiato idea», continuerebbe a ripetere l’ex Cavaliere nei suoi incontri politici in quel di Arcore.

sondaggi-referendum-costituzionale

sondaggi-referendum-costituzionale

Roma, 22 settembre 2016

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente