Referendum costituzionale: “Manifesto” di 40 giovani ebolitani per il NO

40 giovani ebolitani in vista del Refetendum del 4 dicembre lanciano il loro manifesto per il NO.

Una riforma che deforma la Costituzione senza migliorarla, è una riforma scevra di senso e prospettive, è una riforma che non ci convince.

NO Riforma costituzionale-Eboli

NO Riforma costituzionale-Eboli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «È una riforma che deforma la Costituzione senza migliorarla, è una riforma scevra di senso e prospettive, è una riforma che non ci convince. – scrivono i 40 giovani Ebolitani che intendono con un loro “manifesto” dire NO alla riforma costituzionale promossa dal DDL Renzi-Boschi, annunciando il loro voto contrario al Referendum del 4 dicembre prossimo.

Non ci convince l’accentramento dei poteri a favore dello Stato centrale. Non ci convince l’illusoria eliminazione delle competenze concorrenti tra questo e le Regioni.

Non ci piace – Aggiungono – il ritorno di competenze allo stato di materie come Energia ed Infrastrutture, temendo sia esso un percorso verso la privatizzazione e la svendita.

– Non ci convince il risparmio che è di fatti solo fittizio: secondo i dati della Ragioneria di Stato, ammonterebbe ad un risparmio di 0,80€ annui per cittadino. Dubitiamo sulla convenienza.

NO Riforma costituzionale-Eboli-1

NO Riforma costituzionale-Eboli-1

– Non ci convince la composizione del nuovo Senato. Non ci convince come i delegati dei territori possano adempiere alle loro funzioni multiple. Non ci piace lo smarrimento della connotazione naturale di tale organo: è di rappresentanza territoriale oppure statale?

Il nuovo Senato – proseguono i giovani – avrà compiti fondamentali come l’attuazione delle politiche dell’UE (che oramai riguardano tutti gli ambiti della nostra vita): possiamo fidarci di gravare di questa funzione i nuovi senatori?

Ne dubitiamo fortemente.

– Non ci convince l’imposto equilibrio, per la composizione dello Stato e del Senato, tra uomini e donne. E’ mero frutto di una retrograda concezione sessista.

Riteniamo che i nostri organi statali debbano essere composti dalle persone più valide, al di là della loro natura.

-Non ci convince il nuovo quadro dei procedimenti legislativi. Vi è il superamento del bicameralismo paritario (non del tutto), certo, ma vi è l’introduzione di un bicameralismo approssimativo.

Si conteggiano tra i 9 e i 12 metodi legislativi: – fanno rilevare – una approssimazione, la cui conseguenza non potrà che essere foriera di una serie di conflitti.

– Non ci convince il privilegio di autonomia dei poteri solamente per le Regioni che vengono ritenute “virtuose”: è un atto pregiudiziale nei confronti della nostra terra.

Non ci convince la ripartizione dei poteri tra Stato e Regioni, come prospettato nella riforma, perché ambigua e quindi tendente a creare una confusione che potrebbe portare ad un’ulteriore accentramento dei poteri (il vero fil rouge della deforma).

E ci spaventa accettare la “clausola di supremazia”, sia a livello sintattico che di contenuto.

– Non ci convince la strada intrapresa verso elezioni sempre più di tipo indirette. Una privazione di sovranità popolare, perché per la prima volta una deforma costituzionale porta ad una soppressione di un diritto e non ad un estensione.

Una tecnica – conclude il “manifesto” dei 40 giovani ebolitani, – negativamente innovativa».

1. COSIMO NIGRO (24 ANNI)
2. TERESA CIOFFI (24 ANNI)
3. VALENTINA D’AMBROSIO (25 ANNI)
4. ALESSANDRO REMOLINO (25 ANNI)
5. LUCA CARBONE (23 ANNI)
6. MICHELANGELO NIGRO (24 ANNI)
7. SOFIA CIOFFI (22 ANNI)
8. GIUSEPPE PIEGARI (28 ANNI)
9. DAMIANO CARDIELLO (31 ANNI)
10. GIANMARIA CATALDO (26 ANNI)
11. MARIO VISCONTI (18 ANNI)
12. PASQUALE RUOCCO (18 ANNI)
13. JONATHAN COPPOLA (21 ANNI)
14. MARIAGRAZIA MAZZELLA (23 ANNI)
15. PASQUALE ARPAIA (24 ANNI)
16. MANUEL MIRANDA (25 ANNI)
17. FILIPPO FOLLIERO (26 ANNI)
18. ALFONSO SCARPA (25 ANNI)
19. SABATINO CAPPETTA (21 ANNI)
20. NADIA GUARNACCIA (23 ANNI)
21. COSIMO BERGAMO (26 ANNI)
22. ALESSANDRO MONACO (23 ANNI)
23. FRANCESCO SCOCOZZA (23 ANNI)
24. ANGELA GRAZIADEI (25 ANNI)
25. SARA CIANCIO (21 ANNI)
26. EMMA SINOPOLI (25 ANNI)
27. ROMEO PRESUTTO (27 ANNI)
28. MARIA ROSARIA CIAO (21 ANNI)
29. EUGENIO CIAGLIA (25 ANNI)
30. FABIO PERCOPO (23 ANNI)
31. SARA ROCCO (25 ANNI)
32. CARMELO DI STEFANO (18 ANNI)
33. VALENTINA MARGARELLA (27 ANNI)
34. VALENTINA CICALESE (25 ANNI)
35. COSIMO ALTIERI (22 ANNI)
36. AURELIA ALTIERI (27 ANNI)
37. GIOVANNI GERMANO (26 ANNI)
38. FEDERICO MANZIONE (20 ANNI)
39. LUCIO MASIELLO (18 ANNI)
40. ANTONIO VIGNES (19 ANNI)
41. MARCO LAMBERTINO (25 ANNI)

Eboli, 30 novembre 2016

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente