IO STO CON SAVIANO E CONTRO I LADRI DI VOTI E DI SPERANZE

IO STO CON SAVIANO e contro i ladri di voti e di speranze. Le parole di Salvini sono iquietanti: dovrebbe dimettersi.

Quel “Gli mando un bacione“: Una minaccia. Un linguaggio minaccioso e mafioso quello di Salvini alla pari del Camorrista che ti fa gli auguri sull’altare mentre ti sposi e poi ti fa sparare quando esci dalla Chiesa.

IO STO CON SAVIANO

IO STO CON SAVIANO

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – La scorta a Roberto Saviano non si tocca, e non perchè lo dice il Presidente della Camera Roberto Fico, che farebbe bene oltre a dirlo al Ministro dell’Interno Matteo Salvini a rammendarlo ai Deputati e Senatori per caso del Movimento 5 Stelle, ricordando loro che Saviano è il simbolo dell’ANTICAMORRA, di quella lotta che ha ingaggiato fin da giovane raccontandola e rappresentandone plasticamente la sua ferocia, la sua arroganza, la sua violenza, il suo radicamento, i suoi affari, i suoi uomini e denunciandone in qualsiasi momento la loro pericolosità. Saviano fa proprio quello che dovrebbero fare le Isttuzioni ed è il minimo quello di rixconoscergli la scorta.

saviano-scorta

saviano-scorta

Il silenzio del M5S, Fico a parte e non Di Maio che come Fico anche lui vive in Campania e in aree dove la Camorra o meglio le Camorre ci sono e come, è un autogol che certo non gradiscono quei suoi elettori che hanno votato 5Stelle per punire quella oligarchia rappresentata dal Partito Democratico rimettendo in dubbio la fiducia e pentendosene.

Quelle parole che Salvini ha detto ad Agorà, su Rai3, parlando della scorta a Saviano e non escludendo la possibilità che si decida a toglierlela con: “Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio”… “Anche perché mi pare che passi molto tempo all’estero. Valuteranno come si spendono i soldi degli italiani. Gli mando un bacione”; sono una minaccia vera e propria, una minaccia più pericolosa ancora dei fucili a canne mozze, trasmettendo il messaggio ai Camorristi che possono agire, perchè lo Stato lo ha scaricato, anzi che gli fanno un piacere.

Salvini-Saviano

Salvini-Saviano

Quel “Gli mando un bacione è uguale al mafioso che si presenta e ti fa gli auguri sull’altare mentre ti stai sposando e poi ti fa sparare quando esci dalla Chiesa. Sono di una gravità unica e dette da un Ministro dell’Interno sono pericolose, un messaggio che quel ministero è passato dall’altra parte, se poi si fa la somma con le accuse che senza veli Saviano gli ha rivolto a proposito di quelle presenze “scomode” di ‘ndranghetisti calabresi e ai rapporti della Lega con questi a proposito dei 50milioni di euro dei rimborsi elettorali riciclati dalla ‘ndrangheta allora il dubbio si alimenta e lascia spazio alla realtà.

Dopo che il Mondo si è indignato, ci sono volute delle ore perchè Roberto Fico, capo di quell’ala così detta ortodossa presente all’interno del M5S, quella che giornalisti e persone poco attente definiscono di “Sinistra” perchè intervenisse. E guarda caso non lo ha fatto nell’esercizio delle sue funzioni istituzionali bensì con un post su facebook. Ma quale sinistra. Un uomo di sinistra nemmeno si siede a fianco di un buzzurro minaccioso e inumano come Salvini. E gli altri Deputati e Ministri per caso del M5S? Nemmeno ci provano a dire qualcosa, capaci come sono di ammutolirsi, glissare e cambiare dichiarazioni alla bisogna, sempre per non contrariarsi la “Ditta”, sono muti, complici di una deriva di destra che non ha pari nell’Europa democratica.

Roberto Fico

Roberto Fico

Intanto nel video di risposta a Salvini che sta spopolando sul web Roberto Saviano da al vicepremier leghista del “buffone“, e lo appella “ministro della malavita“, in quello successivo invece, mentre montano i mal di pancia tra grillini ridotti a ruota di scorta del minaccioso Salvini, Roberto Saviano organizza una “ribellione” degli uomini delle Istituzioni dicendo “NO a Salvini” e promette “Non permetteremo in nessun modo e utilizzzeremo tutti i mezzi che la Democrazia ci consente per fermare la violenza del Ministro Salvini“. E come si fa a non aderire all’appello di Saviano nel dire basta e fermiamo il Ministro SALVINI. IO STO CON SAVIANO.

——-…….——-

——–…….——–

Roma, 23 giugno 2018

7 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente