Stabilizzazione precari: Accusa all’ASL SA dalla triplice

Mancata stabilizzazione dei Precari dell’ASL Salerno: La CGIL, CISL, UIL FP accusa la Dirigenza.

Nota congiunta de Segretari di categoria Cgil, Cisl e Uil Pasquale Addesso, Pietro Antonacchio e Lorenzo Conte: ”Avvio procedure di stabilizzazione dei precari all’ASL Salernoall’azienda ospedaliera ovviamente non si muove nulla! Fa il gioco delle tre carte sulla pelle dei nostri giovani!”.

Antonacchio-Addesso-

Antonacchio-Addesso-Conte

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – “L’ASL Salerno con deliberazione n° 60 del primo di agosto 2018 ha avviato le procedure di stabilizzazione per il personale precario di cui al comma 1 del Dlgs n° 75/2017 art.   20.- Questo l’incipit della nota stampa congiunta dei segretari di categoria di Cgil (Addesso) Cisl (Antonacchio) e UIL (Conte), che riguarda la procedura di stabilizzazione dei precari nell’Azienda Sanitaria salernitana-. E’ una delle prime aziende sanitarie in tutta la Campania che ha avviato le procedure di definitiva trasformazione a tempo indeterminato di tutti gli operatori che hanno i requisiti e che hanno maturato il diritto a vedersi riconosciuto tale adempimento.”  

“Finalmente si è attivato il primo step della definitiva trasformazione a tempo indeterminato di tutti gli operatori aventi diritto che nella fattispecie sono: in servizio successivamente alla data di entrata in vigore della legge n. 124 del 2015 con contratti a tempo determinato presso l’amministrazione che procede all’assunzione; – specificano le tre sigle sindacali- sia stato reclutato a tempo determinato, in relazione alle medesime attività svolte, con procedure concorsuali anche espletate presso amministrazioni pubbliche diverse da quella che procede all’assunzione; abbia maturato, al 31 dicembre 2017, alle dipendenze dell’amministrazione che procede all’assunzione almeno tre anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi otto anni.”

“Un plauso va alla direzione commissariale dell’ASL – Commissari Iervolino, Perito e D’Amato – per la solerzia con cui hanno attivato le procedure, ottemperando a quanto richiesto dalla Regione. Un plauso va anche al Direttore del Servizio Gestione del Personale dell’ASL Salerno –dr. Avitabile Francesco –prosegue la nota stampa – che ha immediatamente attivato la procedura per dare tranquillità ai numerosi dipendenti che da circa 10 anni aspettavano questo momento. Ovviamente l’Azienda Ospedaliera, oltre a proclamare quanto sta facendo, di cui nessuno si accorge, è ancora impelagata in paludosi processi burocratico – amministrativi in attesa che dalla Regione qualcuno le dice cosa fare. Turba e spiace constatare infatti che i vertici dell’Azienda male interpretano ciò che ai più, se non a tutti, è evidentemente palese. Queste organizzazioni sindacali invocano come già chiarito numerose volte l’attivazione delle stabilizzazioni, ai sensi della legge Madia e sono preoccupati quanto l’ente afferma che a breve pubblicherà i primi provvedimenti di stabilizzazione del personale precario, poiché deve attivare così come fatto nell’ASL, apposito avvio della procedura attraverso specifico avviso pubblico aziendale che deve indicare modalità e termini per la presentazione delle domande. “ 

“Appare evidente che come spesso accade, nell’Azienda Ospedaliera dove tutto il superfluo si sa, non si dubita che potrebbero essere in servizio operatori aventi diritto, che attraverso l’avviso potrebbero farsi riconoscere. CGIL FP, CISL FP e UIL FPL sono estremamente preoccupati, avendo preso visione di alcuni riscontri negativi predisposti dal Servizio Personale dell’ente – evidenziano Adesso, Antonacchio e Conte –  a chiara testimonianza che si confonde il tempo determinato con il lavoro a contratto di somministrazione. Per quanto attiene la questione degli operatori con contratto a tempo determinato, condizione che riguarda tutti i dipendenti assunti e pertanto non solo infermieri ed OSS, vincitori di concorso e graduati utilmente presso altre aziende sanitarie, si sono spese troppe parole. Infatti la questione riguarda norme di legge e non si assimila al processo di stabilizzazione attivato dalla legge Madia. Le affermazioni dell’Azienda mostrano la totale confusione su tali argomenti. D’altra parte non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

“Non il richiamo ad una delibera della Regione Lazio è fuorviante, poiché sono già state deliberate da aziende sanitarie della Regione Campania, un mediocre conoscitore di un po’ di geografia, può attestare, senza chiedere all’ente regionale una conferma in tal senso, che anche Salerno è parte integrante del sistema sanitario regionale della Campania. –Concludono con una promessa i segretari di categoria della “Triade” sindacale –  Inoltre da ultimo ma non per ultimo, se qualcuno aspetta disposizioni dalle Regione Campania, l’ente ha già provveduto ad esprimersi, con la nota 2017 prot. 0083762 del 07/02/2017 la quale espressamente sancito che si possono reclutare le risorse umane attraverso l’utilizzo di graduatorie vigenti approvate da altre amministrazioni con un accordo che può venire anche ex post rispetto al momento dell’indizione della procedura concorsuale e/o della formale approvazione della graduatoria. Pensare che all’Azienda si possa continuare a fare il gioco delle tre carte sulla pelle dei nostri giovani è intollerabile e inaccettabile.  Poiché CGIL FP, CISL FP e UIL FPL non fanno chiacchiere, si inviano tutti gli atti dai quali si evince la verità di quanto le stesse dichiarano.”

Salerno, 2 agosto 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente