Rifondazione e le “bufale” “nere” della destra battipagliese

Il Circolo di Rifondazione Comunista A. Gramsci contro l’arroganza dell’ignoranza e la bufala “nera” di Battipaglia. 

“Il circolo Antonio Gramsci non ha in alcun modo strumentalizzato i fatti tristemente noti del 1969. Carmine Citro appartiene alla Storia di Battipaglia e noi lo abbiamo semplicemente omaggiato come ogni anno con un garofano rosso”.

Sezione Antonio Gramsci Battipaglia

Sezione Antonio Gramsci Battipaglia

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – La nostra cara Battipaglia è famosa per essere la patria delle bufale rinomate in tutto il mondo.  – si legge in una nota della segreteria cittadina di Rifondazione Comunista a commento di alcune critiche subite in merito all’iniziativa della raccolta firme proposta ai battipagliesi nella circostanza del 25 aprile prossimo festa Nazionale della liberazione dal fascismo e dal nazismo – Quello che non tutti sanno sulle bufale battipagliesi è che a produrle non sono solo i caseifici ma anche i nostri politici locali e alle volte anche qualche pseudointelletuale di destra, che magari crede pure di star citando un pensiero di Pasolini, senza accorgersi che si tratta di un falso clamoroso.

55822153_1294278080697000_539275058598641664_o

Nel caso specifico, Battipaglia Nostra l’associazione guidata da Zara, nel criticare la raccolta firme per fare diventare regola l’antifascismo nella nostra città, promossa dal Circolo Gramsci di Battipaglia, mette in bocca a Pasolini parole sull’“antifascismo rabbioso in assenza di fascismo” che il grande intellettuale di sinistra di fatto non ha né detto né scritto.

Il nostro Circolo non ha mai avuto un atteggiamento intransigente verso l’ignoranza, perché la conoscenza è vasta e sono tante le cose che si possono non conoscere. Quello contro cui ci battiamo è l’arroganza dell’ignoranza, su cui la dittatura fascista ha costruito la sua propaganda e la sua grande menzogna. Non è nostra intenzione farci trascinare nella logica dello scontro tra gli opposti estremi. La nostra semplice intenzione è difendere i valori e i principi della nostra Costituzione.

Il circolo Gramsci non ha in alcun modo strumentalizzato i fatti tristemente noti del 1969. Carmine Citro appartiene alla Storia di Battipaglia e noi lo abbiamo semplicemente omaggiato come ogni anno con un garofano rosso.

Carmine Citro 1

Carmine Citro 1

L’antifascismo è un reato e l’attacco subito da Angelo Minelli e dal Circolo Gramsci ci fa capire che l’ignoranza e l’arroganza fascista sono ancora marcatamente presenti nella nostra società. Ora più di prima ci rendiamo conto che l’idea di inserire parole come antifascismo e antirazzismo in un regolamento comunale infastidiscono enormemente chi si sente padrone del comune pur non essendolo.

Questo ci sprona nel continuare le nostre iniziative politico-culturali di cui fa parte la petizione di iniziativa popolare per la quale stiamo raccogliendo le firme, per festeggiare degnamente il 25 aprile, festa della liberazione dal nazifascismo, nell’unico modo possibile, facendo cioè in modo che non si ripetano più gli stessi errori del passato.

Circolo A. Gramsci di Battipaglia

Battipaglia, 16 aprile 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente