Visconti (ASI) alla Francese: Abbandoni i preconcetti e collabori

Sindaca di Battipaglia: ASI senza Ruolo. Presidente ASI: L’amministrazione collabori. È botta e risposta Visconti-Francese. 

Il Presidente ASI Salerno: “Dieci anni di immobilismo. Il Comune si liberi da posizioni preconcette e collabori per il bene della città. Amministrazione passiva e assente negli ultimi 5 anni adesso vuole scaricare le responsabilità dei suoi errori”.

Antonio Visconti

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Non si fa attendere la pepata risposta di Antonio Visconti nella sua doppia veste di Presidente del Consorzio ASI Salerno e di candidato sindaco di Battipaglia a capo della coalizione di Centrosinistra, al comunicato della Sindaca di Battipaglia Cecilia Francese. Un botta e risposta con al centro il tema del Consorzio ASI e i rapporti con il Comune e le Aziende che operano nella Zona Industriale cittadina assoggettata all’ASI.

«Battipaglia si liberi da posizioni preconcette e si ponga nell’ottica della collaborazione». – Dichiara il presidente del Consorzio Asi di Salerno, e candidato a sindaco per la coalizione di centrosinistra, Antonio Visconti, a seguito delle aberranti dichiarazioni della prima cittadina di Battipaglia Cecilia Francese in merito alle presunte responsabilità dell’Asi in materia di finanziamento e realizzazione delle infrastrutture primarie necessarie allo sviluppo del territorio. – «Battipaglia ha combinato un casino negli ultimi dieci anni – commenta Antonio Visconti -. Qualcuno si lamenta dell’impossibilità di intercettare finanziamenti e di favorire lo sviluppo, dimenticando che il recesso non aveva chiarito le competenze e che il Comune non si è mai reso diligente. Il funzionamento dei consorzi prevede che gli Enti propongano e i consorzi attuino. Battipaglia, al contrario, in una condizione che definirei quasi anacronistica, si è posta per l’ennesima volta sul piano dello scontro istituzionali». Responsabilità secondo Visconti, che sono da attribuire a un’amministrazione passiva e immobile, oltre che poco propensa alla collaborazione nell’ultimo quinquennio.

«L’amministrazione – aggiunge Visconti – non ha capito come funzionano le procedure e oggi vuole ribaltare la situazione addossando le colpe al Consorzio. Fossi stato io il sindaco di Battipaglia avrei collaborato con l’Asi innanzitutto per lo sviluppo industriale del mio comune, e in secondo luogo per riconsegnare il ruolo di protagonista alla città capofila della Piana del Sele». Mentre la sindaca fa la caccia alle streghe è doveroso ricordare l’impegno fattuale del Consorzio Asi. «Abbiamo affidato la progettazione esecutiva – conclude il presidente Visconti – a bando regionale per il completamento del complesso impianto di videosorveglianza finanziato per circa 1 milione e mezzo di euro. E allo stesso tempo è in corso d’opera il rifacimento di viale Brodolini. Nonostante il Comune sia assente dalla compagine consortile, l’Asi intende costruire percorsi virtuosi e per l’area industriale più importante della provincia».

Raffaele Femiano

A correre in soccorso di Visconti è Raffaele Femiano della Direzione Provinciale del PD, il quale ormai dopo i dovuti chiarimenti interni al suo partito, ha ammainato la bandiera della protesta e lancia in resta si è schierato a favore del candidato Sindaco del Centrosinistra: «Mi sembra strumentale proprio in questi giorni l’attacco al consorzio ASI, alle sue prerogative ed al suo Presidente, da parte della sindaca di Battipaglia. – scrive in una nota Femiano – Io vorrei rivolgermi alle amministrazioni che si sono susseguite che non hanno esercitato il ruolo di controllo a loro preposto.

E del tutto evidente che quando un’azienda si tenta a farla scomparire con essa si perdono posti di lavoro e famiglie che finiscono in strada, ma d’altra parte le regole non sono state rispettate da chi ha usufruito di un bene pubblico per poi cambiare destinazione d’uso. – prosegue Femiano – E pur vero che la giustizia amministrativa con la sua lentezza e la burocrazia ci impiega decenni per risolvere i contenziosi.

Io credo che sia arrivato il tempo di modificare il ruolo e le funzione del Consorzio, ma contemporaneamente i Comuni devono intervenire per quanto di loro competenza e non sempre buttare via il bambino con l’acqua sporca. – prosegue ancora il leader democrat – Le responsabilità del Comune capofila della piana del Sele (Battipaglia) sono iniziati con modificazioni dalla legge 19 luglio 1993, n. 237 (Interventi urgenti in favore dell’economia), disciplina l’assetto, le funzioni e la gestione dei consorzi per le Aree di sviluppo industriale della Regione Campania, di seguito denominati consorzi.

Il ruolo e le competenze dei comuni non sono irrilevanti! – aggiunge – Tuttavia l’attacco della sindaca di Battipaglia mi sembra inopportuno, considerato che il Presidente dell’ASI, è l’antagonista per la corsa alle elezioni del comune di Battipaglia. – conclude Raffaele Femiano Questa Sindaca continua a stupirmi in negativo per le sue uscite estemporanee, come se fosse un corpo estraneo alla catastrofe che è stata consumata sul suolo ASI, di competenza del comune di Battipaglia».

Battipaglia, 23 aprile 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente