Allarme di Salviati (PD)- La Fascia costiera di Eboli è nel caos

Il Sindaco intervenga con immediatezza a ripristinare ordine e legalità.

Parcheggiatori abusi, prostitute, degrado e abbandono, ormai è un problema di ordine pubblico.

Pasquale Salviati

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente comunicato stampa del Consigliere Comunale del Partito Democratico Pasquale Salviati, il quale è seriamente preoccupato per le condizioni di assoluto abbandono della fascia costiera di Eboli e chiede l’intervento del Sindaco Melchionda.

Anche se la stagione balneare è già iniziata nel peggiore dei modi, con i recenti sequestri degli Stabilimenti Balneari da parte della Guardia Forestale di Foce Sele, i successivi dissequestri parziali, a seguito di vincoli ferrei dettati dal piano SIC (Siti di interesse comunitario), tutto lascia pensare che continuerà peggio di come è incominciata, tanto che la fascia costiera è nuovamente piombata nel caos, nell’abbandono, nella sporcizia, e nella depravazione.

Salviati sostiene che è una questione di ordine pubblico ed ha ragione. E’ una questione gravissima di ordine pubblico. Negli otto chilometri di fascia costiera ebolitana succede di tutto: Prostituzione, accampamenti Rom, ricoveri di fortuna di extracomunitari, campi di nudisti, luoghi di incontri di ogni specie di depravazione, (segnalati anche in una mappa, recentemente pubblicata su alcuni quotidiani e indicati in alcuni siti “particolarmente” specializzati in queste cose), abbandono, degrado, sporcizia, e ora fastidi da parcheggiatori abusivi di ogni nazionalità.

Pineta Eboli 1

Mentre si corre dietro a vincoli “capestro” si perde di mano il territorio. Le Forze dell’Ordine o non ci passano, o se passano sono miopi e non vedono quello che ognuno di noi invece vede. La famosa Guardia Forestale di Foce Sele, non si è capito bene cosa guarda e quali sono i suoi compiti e cosa fanno in una giornata, ma a giudicare dai Sequestri che ha operato, ha anche funzione di sicurezza, e quindi dovrebbe sorvegliare oltre i lidi che riesce a sequestrare, anche l’interno della pineta e lungo gli sparti fuoco.

La Polizia Provinciale poi, non si capisce i ruoli che svolge e perchè non è presente nell’azione di controllo di quella e di altre aree della Provincia.

I Vigili Urbani, potrebbero di tanto in tanto fare qualche blitz nella pineta, sulle spiaggie e negli spartifuoco, visto che sono dotati anche di squod.

Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza, potrebbero anziché sfrecciare sulla litoranea, rallentare e fare un poco di ordine pubblico, che non significa solo stare sotto un albero al fresco e fermare le automobili.

Spiaggia Eboli

Insomma parliamo di sei corpi di polizia, che non riescono a coordinarsi e svolgere un servizio  decente tale da restituire legalità e dignità a quel luogo, ormai divenuto un non luogo.

Il Consigliere Salvati e prima di lui il suo collega Santo Venerando Fido, potrebbero pretendere dal Sindaco di Eboli, la convocazione del Comitato Provinciale per l’Ordine pubblico e organizzare un piano di sorveglianza permanete. Ma questo forse è troppo. Meglio abbandonare quei luoghi a se stessi e vietarli definitivamente ai cittadini, in quel modo spunteranno indisturbati i gigli bianchi marini e tanti alberi: quello della delinquenza, delle porcherie sessuali, della prostituzione, dell’abbandono, della sporcizia, così oltre alla savana avremo anche una bella foresta della schifezza.

……….  …  ………

COMUNICATO STAMPA

Appena un anno dopo, la situazione in litoranea è completamente diversa da quella registrata la scorsa stagione balneare. Mentre lo scorso anno bagnanti e gestori degli stabilimenti balneari potevano registrare livelli di sicurezza ed ordine mai verificatisi prima, oggi lungo la fascia costiera di Eboli regna il caos. Tanto che un consigliere di maggioranza, Pasquale Salviati, ha voluto lanciare un appello al c affinché assuma interventi urgenti e di emergenza per fare fronte al caos scatenatosi già in questi primi giorni di attività balenare piena.

prostitute in litoranea

«Quello che è accaduto ieri mattina (domenica) deve farci riflettere – spiega il consigliere Salviati -. C’è stato un vero e proprio caos nei parcheggi, con decine di abusivi, sia extracomunitari, sia provenienti dall’area napoletana, che hanno cerato veri e propri disagi ai bagnanti.

Capisco che esistono oggi nella zona numerosi provvedimenti, ma la stessa strada che divide gli stabilimenti balneari dalla pineta è sostanzialmente fuori controllo. Questo cera anche un vero e proprio problema di ordine pubblico, che deve essere affrontato urgentemente, anche se con provvedimenti di emergenza.

Chi domenica scorsa ha frequentato la zona balneare, si è reso conto che persino le ambulanze avrebbero avuto problemi a transitare se ne avessero avuto necessità. Mi rendo conto che la situazione ceratasi lungo la fascia costiera di Eboli oggi registri nuove difficoltà, ma in ogni caso faccio appello al primo cittadino di Eboli, affinché mostri la sensibilità di sempre ed attui provvedimenti urgenti».

In sostanza, Salviati chiede che in qualche misura possano essere ritrovate le regole che fino allo scorso anno governavano la zona, garantendo una tranquilla stagione balneare.

«E’ necessario che vengano ripristinate le regole – conclude il consigliere comunale – altrimenti lasceremo sempre più spazio agli abusivi. Siamo tutti consapevoli che oggi esistono dei vincoli in quella zona, ma è necessario assumere in ogni caso interventi urgenti in questa fase di emergenza».

EBOLI, 12 LUGLIO 2010

5 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente