100 Firme denuncia “manifesto selvaggio”

La campagna elettorale è appena iniziata e parte la denuncia di 100 firme contro i manifesti selvaggi.

Ma da Alessandro La Monica arriva anche un messaggio distensivo e un auspicio: “Trascorriamo una serena campagna elettorale, rispettiamo gli elettori, e facciamo in modo che vinca il migliore, non il più aggressivo nella comunicazione

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – A meno di 24 ore dalla presentazione delle liste è già iniziata l’affissione selvaggia. In effetti la Comlissiobe elettorale sta ancora lavorando per assegnare anche gli spazi e i primatisti del manifesto subito si presentano ed occupano qualsiasi spazio dedicato alle affissioni. 

Sono trascorse meno di 24 ore dalla presentazione delle liste – si legge in una nota di 100 firme, la lista che sostiene come candidato Sindaco Alessandro La Monica e stamane, prima che il Comune determinasse quali spazi assegnare alle forze politiche in campo, già sono apparse le prime affissioni prepotenti.

100 Firme,  – prosegue la nota stampa – in una nota inviata via pec al Commissario dott. Antonio De Iesu e al comandante dei Vigili, Tenete Colonnello Sigismondo Lettieri, ha invitato l’amministrazione a vigilare sulle affissioni.

Troppo spesso abbiamo assistito in passato ad affissioni fuori dagli spazi preposti – aggiunge 100 firme nella sua nota – con conseguenze negative sul decoro della città, sull’ambiente e sul diritto all’informazione dei cittadini.

Alessandro La Monica

Appare assurdo che ci si offra di amministrare la città addirittura facendo della legalità il proprio slogan, e si incespichi nella legge così maldestramente. – conclude con un invito ed un auspicio la nota di 100 Firme che questa mattina nella piazza centrale di Eboli nel mentre con il suo candidato Sindaco Alessandro La Monica era impegnata a distribuire materiale elettorale ha verificato l’irregolarità dell’affissione – Trascorriamo una serena campagna elettorale, rispettiamo gli elettori, e facciamo in modo che vinca il migliore, non il più aggressivo nella comunicazione“.

A finire sotto i riflettori è stato neanche a farlo apposta il candidato al consiglio comunale nella Lista “Idea Futura” a sostegno di Antonio Cuomo Sindaco Pasquale Salviati, già Consigliere Comunale e delegato alle periferie nell’ultima Amministrazione Melchionda, uomo di legge ed ex appartenente alle Forze dell’Ordine, come egli stesso ne fa fregio con il motto che campeggia sul suo manifesto: “Sicurezza, legalità, amore per il territorio“.

Quelli di Salviati, al di fuori dei 3.00×6.00, sono stati i primi manifesti ad essere affissi in quegli spazi ancora non destinati e tutti vuoti, e sicuramente ad affigerli così repentinamente, battendo tutti i record, non sarà stato ditettamente l’interessato. Tuttavia il richiamo di 100 firme e di Alessandro La Monica a svolgere in serenità la campagna elettorale non è peregrino, e soprattutto va ricordato ai tantissimi candidati, che le elezioni non si vincono con i manifesti, ma con i voti e i voti arrivano, si spera, verificati programmi e proposte, sperando se ne abbiano e soprattutto sperando siano convincenti e condivisibili.

Eboli, 5 settembre 2021

7 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente