Sanità: A Rischio rinnovi precari ASL Salerno e AOU Ruggi

Sanità: A Rischio rinnovi precari ASL Salerno e AOU Ruggi. Si faccia qualcosa per la Sanità campana. 

Mercoledì 19 ottobre, ore 8.30, Palazzo Santa Lucia, Sede Regione Campania presidio permanente della Cisl-Fp Campania. 

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – E’ incredibile come, nonostante la professionalità e il grosso impegno profusi per fronteggiare l’emergenza da Sars-Cov2, il presidente della Regione continui a negare e sfuggire dal confronto su tematiche quali il precariato della “Sanità”, delegando le funzioni a dirigenti che, nascondendosi dietro a leggi e decreti a volte inesistenti, nulla fanno per governare una situazione così complessa, a causa della improvvisazione con cui si stanno gestendo le dinamiche del confronto con le parti sociali su tutto il territorio regionale.

Ad oggi la CISL FP Campania ha in atto un contenzioso contro il presidente De Luca per comportamento antisindacale.

Mentre la regione Campania è ferma a fine Dicembre 2020 con l’emanazione mai attuata dalla Giunta Regionale del DEFR 2021/2023 che prevedeva il rinnovo a 36 mesi dei contratti dei precari del SSR e l’allineamento dei contratti già in essere alla medesima durata, molteplici regioni come la Puglia hanno invece dato seguito alle loro promesse procedendo a rinnovare i contratti di lavoro a 36 mesi anche al fine di far raggiungere alla sanità regionale massimi principi di efficacia ed efficienza.

Sono seriamente preoccupato per la sorte di tutti i contrattisti in forza nelle aziende sanitarie salernitane e campane, non oso pensare alla possibilità di non poter garantire loro la serenità che meritano da tempo. Sono uomini e donne, madri e padri che non hanno esitato a rispondere “presente”, trainando e permettendo che la macchina sanitaria non si fermasse garantendo così il diritto alla salute, venivano chiamati angeli … – afferma Pietro Antonacchio reggente CISL FP Salerno. Partendo quindi dal tema del precariato, la CISL FP chiede inoltre un cambiamento del modello organizzativo, da ospedale centrista, alla maggiore valorizzazione della medicina territoriale e distrettuale, alla restituzione al Servizio di Prevenzione e Protezione di un ruolo centrale nel SSR e ad investire sul personale e sulle professioni del sistema socio-sanitario. Con la manifestazione ad oltranza prevista per il prossimo 19 ottobre la CISL FP chiede una riorganizzazione del SSR e giustizia per tutti i precari che si sono fatti carico, in questi mesi, di essere in prima linea nella lotta al Covid mettendo in gioco le loro stesse vite.

“Battersi contro la precarietà del lavoro è sempre giusto. Lo è ancora di più se si parla di persone che ogni giorno si prendono cura di noi” – conclude così il reggente CISL FP Pietro Antonacchio – .

Napoli, 18 ottobre 2021

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente