Psicologi: La guerra più che il Covid aumenta stress italiani

Psicologi: con la guerra aumenta lo stress agli italiani. “Le donne più colpite degli uomini. Il Covid preoccupa meno”. 

Secondo lo “stressometro”: Il 31% degli italiani è molto stressato; L’ansia da Covid è scesa dal 37 al 3%; Tra gli intervistati al primo posto come fattore di stress è la guerra tra Ucraina e Russia (23% degli italiani), più della condizione economica (20%) e della salute (14%).

Guerra Nevrosi

da POLITICAdeMENTE

ROMA – «Si aggrava il quadro del disagio psicologico e dello stress degli italiani.  – si legge in una nota pervenutaci dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi – Secondo lo “Stressometro” realizzato questa settimana dall’Istituto Piepoli per il Consiglio Nazionale Ordine degli Psicologi, nonostante la fase più acuta dell’emergenza Coronavirus sia passata, nella popolazione italiana si rileva il 31% di individui molto stressati.

In particolare, – prosegue la nota degli Psicologi – si registra una crescita del 5% tra le persone che si considerano “altamente stressate”, un incremento a scapito proprio della fascia dei “poco” o dei “per nulla” stressati.

Si conferma dunque – secondo lo studio Piepoli commissionato dagli Psicologi – uno scenario di disagio diffuso, ma cambiano le motivazioni: un anno fa il Covid era la principale causa di preoccupazioni e ansie per il 37% degli italiani ma oggi, grazie all’allentamento delle restrizioni e alla diffusione dei vaccini, viene indicato soltanto dal 3% degli intervistati. A prendere il primo posto come fattore di stress è la guerra tra Ucraina e Russia (23% degli italiani), più della condizione economica (20%) e della salute (14%).

E se il 60% si ritiene stressato “allo stesso modo” rispetto a sei mesi fa, ben Il 27% percepisce in aumento il proprio livello di stress, una sensazione che riguarda soprattutto le donne (+32%) contro l’8% degli uomini. Soltanto l’11%, invece, si considera meno stressato. – conclude la nota degli Psicologi – Anche in considerazione di tutto questo, più di un cittadino su quattro usufruirebbe volentieri del bonus psicologico (28%) che però è una misura nota soltanto al 38% degli italiani».

Roma, 13 maggio 2022

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente