“Il Mondo di Fiò” personale della pittrice Capuano al “Museo Gerbasi” di Vibonati

Chi è Fiò? E’ un’anima positivamente inquieta e la sua inquietudine sfocia nella ricerca che, costantemente, caratterizza i suoi lavori.

La mostra al Museo “Vicente Gerbasi” sarà visitabile fino al 1 Gennaio dalle ore 16.30 alle ore 20.

.

VIBONATI – Sabato 18 Dicembre, alle ore 18.00, presso il Museo “ Vicente Gerbasi “ ubicato nel suggestivo centro storico di Vibonati, avrà luogo la cerimonia di inaugurazione de “ Il Mondo di Fiò la  personale di pittura di Daniela Capuano.

Pittrice ricca di talento, l’artista di origini Valdianesi  in questi anni ha esposto le sue opere in numerose esposizioni personali e collettive. All’inaugurazione dell’evento, che gode del patrocinio del Comune di Vibonati e della Camera di Commercio di Salerno, parteciperanno il Sindaco di Vibonati  Massimo Marcheggiani, il Vice. Sindaco Manuel Borrelli e l’Assessore Biagio Midaglia.

Artisticamente, Daniela, nasce nel buio di notti spese all’introspezione, si evolve in un quotidiano mai privo di ansie e scorci di antichi dolori forse mai risolti, prosegue in un desiderio di voli sconfinati che danno al sua vagare la leggerezza di un fiore sospinto dal vento caldo della fantasia… Fiò è il nome con cui firma le sue opere.

La mostra sarà visitabile fino al 1 Gennaio dalle ore 16.30 alle ore 20.

…………………………  …  …………………………..

Brevi note sulla pittrice

CHI é FIO’

di Maria Gabriella Macina

L'innocenza di un bambino

Daniela Capuano é un anima positivamente inquieta e la sua inquietudine sfocia nella ricerca che, costantemente, caratterizza i suoi lavori, siano essi quadri o tegole che lei, abilmente, trasforma in piccoli mondi che ben si inseriscono nei corridoi temporali di ognuno, senza temere di essere tacciati di anacronismo, né di pretenziosità, nonostante la ricercatezza dei particolari e dei materiali che, di volta in volta usa. per arricchire queste opere di artigianato artistico.
E, mentre l’inquietudine crea, manipolando e inventando, Daniela sogna e lo fa con la magia dei suoi pennelli e dei suoi colori che, sapientemente, sponde come note musicali su tele intrise di visioni oniriche, spesso stupite (e stupefacenti) come quelle di un bimbo, sovente ermetiche, quasi volesse racchiudersi nell’emozione, per il timore di non essere compresa, a volte esplicite (ma mai banali) e comunque ricchi di simbolismi che, se in apparenza possono sembrare scontati, racchiudono una storia che dà, all’osservatore attento e sensibile,la possibilità di valicare il confine che esiste tra il guardare e il vedere.
Artisticamente, Daniela Capuano, nasce nel buio di notti spese all’introspezione, si evolve in un quotidiano mai privo di ansie e scorci di antichi dolori forse mai risolti,prosegue in un desiderio di voli sconfinati che danno al sua vagare la leggerezza di un fiore sospinto dal vento caldo della fantasia… Fiò è il nome con cui firma le sue opere: quasi un inconscia consapevolezza. Non credo l’abbia “studiato ” questo pseudonimo perché, istintiva com’é, nel farlo si sarebbe limitata, come spesso accade agli artisti: il precostituito limita! E circoscrivere emozioni è un limite per Daniela: lei, le emozioni, le sogna, le vive, le regala… ma non le “impacchetta”, lascia ad ognuno il piacere di farlo con i propri mezzi, lascia a ognuno il proprio volo, perché il suo, Daniela Capuano, lo conserva comunque, al di la del cielo, del tempo e dello spazio, al di la di ogni sogno,ancora più lontano…laggiù, nell’Isola Che Non C’è…perché Peter Pan e lei, sono molto amici e…chissà(?)…forse un po’ di più…
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente