La Sede Giudiziaria di Eboli è salva: Melchionda ringrazia i Parlamentari locali

Le Commissioni Giustizia di Camera e Senato, hanno espresso parere favorevole al mantenimento della sezione distaccata di Eboli del Tribunale di Salerno.

Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda: “Siamo in prima linea per il mantenimento della nostra sede giudiziaria. Il parere della commissione giustizia, se pure non vincolante per il governo, e’ una buona notizia, che va nella giusta direzione”.

Tribunale-di-Eboli

EBOLI – L’azione volta a difendere della sezione distaccata di Eboli del Tribunale di Salerno continua ad essere una fondamentale priorità dell’Amministrazione Comunale.

Come è noto, difatti, i recenti provvedimenti del Governo in materia di riorganizzazione delle circoscrizioni giudiziarie hanno previsto la soppressione della totalità delle sezioni distaccate di tribunale, senza alcuna valutazione nel merito, senza vagliare caso per caso la funzionalità e l’importanza per la corretta amministrazione della giustizia di alcune di esse.

L’ipotesi di soppressione della sezione distaccata di Eboli del Tribunale di Salerno ha visto reagire all’unisono tutte le parti in causa, al solo scopo di tutelare la corretta amministrazione della giustizia in un territorio vastissimo. La stessa sezione di Salerno dell’Associazione Nazionale Magistrati, con un proprio documento, ha bollato come grave errore l’eventuale chiusura di questo importante presidio di legalità.

La battaglia, condotta in prima fila dall’Amministrazione Comunale di Eboli, che ha convocato, anche con il supporto dell’Associazione Forense della Valle del Sele, un tavolo dei 34 comuni ricadenti nella circoscrizione, cui sono stati invitati anche i parlamentari della provincia di Salerno, le rappresentanze di avvocati e magistrati, sta portando a significativi risultati.

Sgroia-Melchionda-Conte-Tortolani-Cardiello-Incontro-Soppressione-Tribunale-Eboli

La  Commissione Giustizia del Senato, difatti, ha espresso voto favorevole in merito alla revisione delle Circoscrizioni Giudiziarie, raccomandando di tenere nel debito conto la proposta di mantenimento, fra l’altro,  della sezione distaccata di Eboli del Tribunale di Salerno.

Di rilievo, in questo contesto, sono state le posizioni assunte dai parlamentari eletti in provincia di Salerno.

Difatti essi hanno offerto, in un impegno che è andato al di là degli schieramenti di partito, alla valutazione del Ministero della Giustizia e delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato dati, indicazioni ed elementi che con chiarissima evidenza si pongono a sostegno del mantenimento della sezione giudiziaria di Eboli.

Tra tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale, quella di Eboli ricopre un ruolo di assoluto rilievo; la sua paventata soppressione, in considerazione del numero di abitanti interessati, dei carichi di lavoro e del vasto bacino territoriale che essa ricomprende, comporterebbe un grave danno per l’amministrazione della giustizia, oltre che una ulteriore e irreparabile congestione del Tribunale di Salerno.

“Le posizione assunte dai parlamentari eletti in provincia di Salerno, su impulso anche dell’’Amministrazione Comunale di Eboli  – dichiara il Sindaco Martino Melchionda – sono state  di fondamentale importanza nell’ambito dell’azione tesa ad ottenere il mantenimento  della sezione di  tribunale nella nostra città..

Alcuni di essi, il senatore Franco Cardiello, il senatore Alfonso Andria, l’On. Antonio Cuomo, l’on. Tino Iannuzzi, si sono particolarmente spesi in questa battaglia, mostrando sensibilità rispetto alla problematica.

Noi continueremosostiene il primo cittadino di Eboli – a lavorare affinché vengano definitivamente recepite le nostre proposte, avanzate non per becero campanilismo, ma per difendere una delle sedi distaccate più grandi d’Italia ed evitare di compromettere irreparabilmente il diritto dei cittadini ad accedere alla giustizia.

Certo, i pareri delle Commissioni Giustizia di Camera e Senato non sono vincolanti, ma noi confidiamo nella capacità del ministro della Giustizia Paola Severino di recepire istanze che si fondano su dati oggettivi”.

Eboli 1 agosto 2012

3 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Sia ben chiaro. I politici non hanno fatto nessun atto eroico ma semplicemente il loro dovere. Hanno tutelato gli interessi del collegio elettorale dove hanno raccolto i voti che hanno loro permesso di sedere negli scranni del Parlamento ed incassare prebende non previste in nessun paese del mondo.
    Il problema ora è: il Tribunale di Eboli può mai continuare a lavorare in quelle condizioni o è il caso di immaginare una sede più adeguata (non credo che in quei luoghi la legge 626/94 venga rispettata)e personale sufficiente? Sarebbe il caso riprendere la battaglia per avere ad Eboli il Tribunale autonomo scongiurando rischi futuri?

    Per ora la preoccupazione più grande, per loro, è: a chi va il merito di quest’impresa? Speriamo solo di non assistere alla solita zuffa tra comari.

  2. Signori che banchettate …il tribunale ce l’ahhno tolto i politici nazionali. E quelli locali invece ci hanno tolto la dignità….BASTAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

  3. Come volevasi dimostrare il tribunale è stato soppresso.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente