Antonio Manzo nella Piazzetta S. francesco di Cetara intervista il PM Ingroia

L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Antimafia “Libera”, presieduta a livello nazionale da Luigi Ciotti.

Manzo giornalista, Ingroia magistrato, in prima fila contro le Mafie.

Antonio Manzo

Antonio Manzo

CETARA – SA – 22 luglio – Lo scenario è la Costiera Amalfitana. L’appuntamento è alle 20,00. Il “palcoscenico” è Piazza S.Francesco a Cetara. I protagonisti: Antonio Manzo Caporedattore e Inviato speciale de “il Mattino”; Antonio Ingroia, Sostituto Procuratore di Palermo; don Tonino Palmese dell’ Associazione Libera Campania.

L’iniziativa, è stata voluta e organizzata dal coordinamento regionale di “Libera”, l’associazione antimafia presieduta a livello nazionale da Luigi Ciotti, e rientra in una campagna ben più vasta, che è  partita a marzo scorso dal titolo: «L’etica libera la bellezza».

Con Antonio Manzo, che sta conducendo con le sue inchieste una serrata battaglia alle Camorre e Antonio Ingroia in prima fila contro le Mafie, di cosa si poteva parlare se non della penetrazione dei Casalesi nella provincia di Salerno e l’economia sommersa gestita dalla malavita nei nostri tormentati territori. Saranno presenti anche i familiari di vittime della camorra, tra cui la moglie e la figlia di Marcello Torre, ex sindaco di Pagani, e Alessandra Clemente, figlia di Silvia Ruotolo.

I lavori saranno introdotti da Antonio De Felice, referente Libera Scafati, seguiranno i saluti di: Secondo Squizzato, Sindaco di Cetara e Edmondo Cirielli, Presidente Provincia di Salerno. Poi in dialogo con Antonio Manzo, giornalista de Il Mattino, Antonio Ingroia, Proc. Agg. D.D.A. Palermo e Tonino Palmese, Referente Libera Campania. Successivamente sarà proiettato il film: “Giovanni Falcone“, regia di Giuseppe Ferrara.

Un appuntamento importante da non perdere, e questo blog, POLITICAdeMENTE, vuole dare ampia pubblicità a questo e a tutti gli altri eventi che sono volti a combattere tutte le Camorre e tutte le Mafie. In un certo senso vuole essere “fiancheggiatore” di quanti stanno in prima linea per incoraggiarli a proseguire e per darci coraggio e reagire.

Noi viviamo in una Regione che è condizionata nel suo sviluppo morale, civile, politico ed economico dalla presenza della Camorra. Leonardo Sciascia parlando della Mafia, coniò il termine “mafiosità“, per sott’intendere il coinvolgimento “ambientale” dei siciliani rispetto a quel fenomeno.  Alimentare quei fenomeni a cui faceva riferimento Sciascia e che mi permetto di coniare, imitandolo, “cammorrosità“, indebolisce le istituzioni e finisce per condiziona inevitabilmente le scelte in negativo della società. Il coinvolgimenti di gente senza scrupolo che si prestano a queste operazioni e favoriscono l’infiltrazione a tutti i livelli di organici alle mafie, sono il primo pericolo e la prima emergenza da combattere.

E’ ora di vivere una battaglia di orgoglio, occorre alzare la testa. La storia dell’uomo è lunga, quella dell’uomo libero dovrebbe avere la stessa durata, ma per la prepotenza di alcuni, che hanno voluto esercitare il dominio sugli altri (homo homini lupus), la storia dell’uomo libero è ancora nell’agenda democratica di tutti i paesi civili.

Ecco perché una presa di distanza è indispensabile, senza se e senza ma, per dare un messaggio e far capire da quale parte si è, in modo da individuare, isolare ed allontanare chi di questi metodi vive.

Non si può pretendere che i semplici cittadini si espongano, l’importante è far crescere la cultura della legalità. I nostri figli, è sicuro, saranno più coraggiosi di noi, sempre che, almeno nelle nostre famiglie, riusciamo a infondere i sentimenti giusti, quelli più nobili, patrimonio dell’uomo onesto.

3 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2023 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente