L’ebolitano Alessandro Pansa è il nuovo Capo della Polizia

Il Consiglio dei Ministri ha nominato il Prefetto Alessandro Pansa Capo della Polizia.

Alessandro Pansa, uomo fedele allo Stato e Poliziotto instancabile da oggi è il “Guardiano dello Stato”.
Il Vice Ministro  per le infrastrutture De Luca: “Auguri al nuovo Capo della Polizia il Salernitano Alessandro Pansa“.
Il Sindaco di Eboli Melchionda: “Auguri, a nome dell’intera comunità ebolitana, per il compito di grande responsabilità che è stato affidato al nostro autorevole concittadino”.

Alessandro Pansa-Nuovo Capo della Polizia

Alessandro Pansa-Nuovo Capo della Polizia

di Massimo Del Mese

EBOLI – L’ebolitano Prefetto Alessandro Pansa è il nuovo Capo della Polizia. Il Consiglio dei Ministri lo ha nominato oggi 31 maggio 2013, sostituisce il suo amico e collega Antonio Manganelli deceduto nel marzo scorso. Il neo-Capo della Polizia è attualmente capo del dipartimento Affari territoriali del Viminale. In passato aveva lavorato al Servizio centrale operativo, con lo stesso Manganelli e con Gianni De Gennaro.

La scelta come lo stesso Ministro Angelino Alfano ha dichiarato, non è stata affatto semplice e si è sbloccata, solo nelle ultime ore e dietro i pressanti inviti del Capo dello Stato Giorgio Napolitano, che sembra sia stato determinante per la scelta, sia per l’imminenza della festa della Repubblica, sia per completare il quadro istituzionale che attiene ai ruoli più importanti. Che la scelta di Pansa sia la migliore è data anche dalle reazioni positive dei Sindacati di Polizia: dell’Anfp, l’Associazione nazionale funzionari di polizia; e del SAP, il Sindacato autonomo di Polizia.

angelino Alfano-Alessandro pansa-1

angelino Alfano-Alessandro pansa-1

“Ringrazio il Governo per la fiducia, sono consapevole della grave responsabilità affidatami e le linee guida del’Esecutivo saranno seguite con grande impegno”. – Ha dichiarato dal canto suo il nuovo capo della polizia Alessandro Pansa, nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi, accanto al ministro dell’Interno Angelino Alfano, aggiungendo – “Puntiamo ad assicurare alla giustizia i criminali e a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini in modo che ognuno possa vivere libero dalla paura”.

Alessandro Pansa è nato a Eboli (Salerno) 62 anni fa, il 9 giugno 1951. È sposato e ha due figli, entrambi avvocati. Il nuovo capo della polizia Pansa si è laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, per poi entrare nell’allora Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza nel 1975, divenuto poi Polizia di Stato, come commissario. Successivamente è stato assegnato alla Squadra Mobile della questura di Cosenza, ed in quel ruolo ha passato anni importanti della sua carriera al Servizio centrale operativo (Sco) insieme ai suoi due predecessori al vertice del Dipartimento di Pubblica sicurezza, Antonio Manganelli e Gianni De Gennaro. Ha iniziato la sua brillante carriera in Calabria, sia nel settore del contrasto alla criminalità organizzata che al terrorismo. A Roma dal 1982, ha lavorato prima alla squadra narcotici della questura e, poi, presso il centro interprovinciale Criminalpol Lazio-Umbria. Trasferito presso la direzione centrale della polizia criminale nel 1985, Pansa ha contribuito alla costituzione del Servizio centrale operativo, la struttura investigativa di vertice della polizia di Stato, divenendone poi il direttore nel 1996. Ha condotto indagini contro le organizzazioni mafiose che hanno portato alla cattura di latitanti come Nitto Santapaola.

pansa-manganelli

pansa-manganelli

Prefetto dal 2000 – Nel giugno del 2000 è stato nominato prefetto, con l’incarico di direttore centrale per la polizia stradale, ferroviaria, postale, di frontiera e dell’immigrazione. Nel 2003 è diventato direttore centrale dell’immigrazione e della polizia delle frontiere. Due anni dopo la promozione a vicecapo della polizia, nonche’ direttore centrale della polizia criminale. In questa funzione, oltre ad essere dirigente della Criminalpol, struttura interforze che attua le politiche del governo in materia di lotta alla criminalità, ha coordinato la Direzione investigativa antimafia, la Direzione centrale per i servizi antidroga ed è stato responsabile per le strategie di contrasto al traffico di migranti. Nuovo cambio per Pansa, il 4 gennaio 2007 su proposta delll’allora ministro dell’Interno Giuliano Amato è stato nominato prefetto di Napoli dal Consiglio dei ministri, al posto di Renato Profili, e, per sei mesi, anche Commissario di governo per l’emergenza rifiuti nella Regione Campania. In questa veste è stato indagato, insieme all’allora governatore campano Antonio Bassolino e ad una ventina di persone, nell’ambito di un’inchiesta della procura di Napoli sulla gestione dello smaltimento di rifiuti. Successivamente la sua posizione è stata archiviata dal gip, su richiesta degli stessi pm. Nel 2010 è diventato capo Dipartimento per gli affari interni e territoriali, incarico che ha mantenuto fino ad oggi.

Immediate le congratulazioni giunte al nuovo Capo della Polizia Pansa dal mondo politico ed istituzionale, tra queste quelle del Sindaco di Eboli Martino Melchionda , la sua Città natale che a nome dell’intera Città, ha voluto rivolgere gli auguri per il prestigioso incarico assunto: “apprendo, con estrema soddisfazione, che il Consiglio dei Ministri ha conferito al nostro concittadino, il Prefetto Alessandro Pansa, il prestigioso incarico di Capo della Polizia.

Pertanto, interpretando il sentimento dell’intera comunità ebolitana, rivolgo al neo Capo della Polizia i più sentiti auguri per il compito di grande responsabilità che gli è stato affidato”.

Anche il Sindaco di Salerno e Vice Ministro per le Infrastrutture e Trasporti Vincenzo De Luca si rallegra per la nomina del salernitano Alessandro Pansa a nuovo Capo della Polizia: “Esprimo  – dichiara De Luca – le congratulazioni miei personali, della Giunta e del Consiglio Comunale e della cittadinanza tutta per il prestigioso incarico al quale è stato chiamato Alessandro Pansa. Nel corso della sua carriera ha sempre svolto i gravosi compiti affidatigli con alto senso dello Stato e grande capacità organizzativa. Anche nella sua nuova funzione di altissima responsabilità saprà ottenere importanti risultati a salvaguardia della legalità, della sicurezza dei cittadini, della convivenza civile e democratica. A lui gli auguri di buon lavoro e la disponibilità per ogni utile collaborazione istituzionale”.

Al nuovo Capo della Polizia Alessandro Pansa, mio amico personale e mio compagno di classe, va l’augurio più sincero e più affettuoso mio e di tutti i collaboratori di POLITICAdeMENTE che condividono con me questo momento di grande commozione e di grande gioia, per l’incarico così prestigioso, di “Guardiano dello Stato“, conferito dal Consiglio dei Ministri ad Alessandro, e da oggi conoscendo il suo carattere, la sua volonta, la sua tenacia, la sua serietà e il suo instancabile impegno di uomo delle istituzioni e di poliziotto fine, sicuramente staremo più sicuri e saremo certi che gli obiettivi che sia lo stato che lo stesso neo-Capo della Polizia si è dato saranno raggiunti.

Questo però deve significare che sia la Società, in tutte le sue promanazioni, e sia i singoli cittadini, devono concorrere perché si affermino i valori principali dell’onestà, della lealtà, della correttezza e della legalità, valori che fanno gli uomini liberi e rendono autorevole e forte lo Stato, consentengogli di vincere la guerra finale con le mafie, le camorre, le ndranghete, le sacre corone unite, la corruzione, ed ogni forma di delinquenza e di illegalità che ha impedito fino ad ora, soprattutto al mezzogiorno, di crescere e prosperare.

Auguri Alessandro.

Eboli, 31 maggio 2013

29 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2023 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente