Fisciano difende l’Acqua pubblica: La sottrae alla Gori

Fisciano unico Comune della Valle dell’Irno ad aver firmato il Protocollo d’Intesa per sottrarre la gestione del servizio idrico alla Gori.

La firma è stata apposta dall’assessore al bilancio Gioia, il quale intende redigere una delibera di giunta per contrastare, in maniera efficace e decisa, gli sconsiderati aumenti registrati per il costo dell’acqua.

.

.

FISCIANO – Il Comune di Fisciano è stato l’unico, tra tutti quelli della Valle dell’Irno appartenenti all’ATO 3, a firmare il protocollo d’Intesa per sottrarre la gestione del servizio idrico alla Gori spa. La sottoscrizione è avvenuta lunedì scorso, nell’aula consiliare del Comune di Roccapiemonte da parte di dieci Comuni: Fisciano, Siano, Nocera Inferiore, Palma Campania, Roccapiemonte, Angri, Sarno, Casalnuovo di Napoli, Castel S. Giorgio e Pompei. A rappresentare il Comune di Fisciano c’era l’assessore al bilancio Franco Gioia, delegato dal sindaco Tommaso Amabile, sin dall’inizio, a seguire questa delicata vicenda.

“I soggetti che aderiscono alla RETE DEI  SINDACI DEI COMUNI DELL’A.T.O. 3 PER LA GESTIONE PUBBLICA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO – si legge nel protocollo – si impegnano a perseguire l’obiettivo di salvaguardare e promuovere la proprietà, la gestione ed il controllo pubblici dell’acqua, intesa come bene comune e che considerano l’accesso all’acqua nella quantità e qualità sufficienti alla vita come un diritto umano, in un contesto di salvaguardia delle risorse idriche e di sostenibilità ambientali e altresì di cooperazione e di solidarietà internazionale”.

In particolare la Rete intende:

  • confermare e sostenere il diritto umano all’acqua;
  • attivare ogni mezzo utile volto ad ottenere la messa in liquidazione della società G.O.R.I. Spa, attuale soggetto pubblico-privato gestore del servizio idrico integrato nell’Ambito Sarnese-Vesuviano (ATO 3);
  • ribadire il principio della proprietà e gestione pubblica del servizio idrico;
  • riconoscere che la gestione del servizio idrico è un servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini
  • sostenere la Proposta di legge d’iniziativa popolare concernente: “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico”;
  • promuovere, pertanto, ogni iniziativa atta al raggiungimento della ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato nell’intero territorio dell’Ambito Sarnese-Vesuviano (ATO 3);
  • promuovere la partecipazione dei cittadini alle scelte fondamentali relative alle politiche di tutela dell’acqua e di gestione del servizio idrico integrato
    Franco-Gioia

    Franco-Gioia

Da segnalare anche l’intesa raggiunta sulle osservazioni che i Comuni firmatari hanno esposto sulla determinazione della tariffa del SII per gli anni 2012 – 2013 per il territorio dell’ATO 3 Campania. Con le presenti osservazioni, I Comuni intendono evidenziare l’illegittimità della delibera n. 17 del 29.04.2013 approvata dal Commissario Straordinario dell’Ente d’Ambito Sarnese Vesuviano con cui è stato adottato un aumento tariffario del 6,5% per il 2012 e di un ulteriore 6,5% per il 2013 (per un aumento complessivo del 13,4%), con significativo aggravio di spesa per i cittadini utenti, attualmente al vaglio di questa Autorità (in realtà, in assenza di limite, la percentuale di aumento sarebbe schizzata addirittura al 29% per il 2012 e il 34% per il 2013).

“In particolare – si legge nel documento – con la presente memoria si intende rappresentare che il Piano d’Ambito di cui alla delibera di CdA n. 6/2007, ritenuto vigente nella suddetta delibera commissariale n. 17/2009, è stato posto nel nulla dall’assemblea dei sindaci con delibera n. 9 del 10 luglio 2009 e da quella data non è stata mai più posta in discussione la sua inapplicabilità e inefficacia. Infatti, da quella data, ed in attesa dell’approvazione di una nuova pianificazione, l’ammontare dei ricavi tariffari è stato determinato sulla base dei dati di bilancio forniti dal gestore a consuntivo. In tale ottica nella delibera n. 5 del 27 ottobre 2012, l’assemblea dei sindaci ha approvato i conguagli tariffari da riconoscere al gestore per le annualità 2009 – 2010 – 2011 non sulla scorta di un Piano d’Ambito, bensì sulla scorta dei dati di bilancio forniti da GORI s.p.a. (la società ha prestato totale acquiescenza a tale deliberato)”.

Sull’argomento, il Comune di Fisciano, come ricordato dallo stesso assessore Gioia, intende redigere una delibera di giunta per contrastare, in maniera efficace e decisa, gli sconsiderati aumenti registrati per il costo dell’acqua.

Fisciano, 10 luglio 2013

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente