Quote rosa: Tanto rumore per nulla. La Campania lo ha risolto con il 50e50%

Quote rosa, tanto rumore per nulla. Ha ragione la Carlassare e abbiamo ragione noi, dicono le donne dell’UDI.

La costituzionalista Lorenza Carlasse: Non servono le quote, serve 50e50. Cominciando dall’esempio della Campania.

.

.

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo dell’UDI, che ci è stato segnalato da Cecilia Francese, leader del Movimento Politico Etica per il Buon Governo e Candidata a Sindaco di Battipaglia alle prossime elezioni Amministrative, che affronta la questione della parità di genere e delle così dette “quote rosa“.

Gli uomini in Parlamento non hanno voluto neanche la meschina concessione del quaranta per cento di donne nelle liste elettorali.

Le hanno chiamate quote rosa, per allontanare, di più se possibile, l’idea che le donne siano state ascoltate. Hanno riproposto un linguaggio superato dalla consapevolezza femminile diffusa nel paese, un linguaggio stucchevole che evoca il paternalismo di facciata che copre pensieri e gesti violenti.

Cecilia Francese

Cecilia Francese

Che siano oltre le quote rosa, una concessione poco dignitosa, le donne lo hanno detto e dimostrato coi fatti: presentando una legge d’iniziativa popolare per la democrazia paritaria, rendendosi protagoniste, con l’UDI e le altre associazioni delle donne della Campania, della della scrittura della migliore legge elettorale Italiana.

La legge della Campania, impugnata da Forza Italia, ha ottenuto la sentenza favorevole della Consulta, n.49 del 2003. Oggi le stesse obiezioni perdenti nel 2003, sono state sollevate in un Parlamento che dovrebbe essere, per ruolo ed obbligo istituzionale, informato di quello che avviene nel paese.

Colpisce la malafede con la quale si sono scatenati gli animi su una proposta pessima e su un emendamento minimalista. Quote di genere, quote rosa, l’uso delle parole rappresenta un ulteriore affronto alla cultura cresciuta tra le donne in Europa.

La vicenda, in se, si presenta con la rituale evocazione dei diritti delle donne niente altro che per usarli come paravento dietro il quale si rielaborare il patto tra interessi maschili. La tanto attesa legge elettorale è l’ultimo ennesimo spreco in un paese che non sa che fare delle passioni politiche.

Le procedure d’infrazione comminate al nostro paese, per i nostri politici, sembrano avere una cogenza solo quando si tratta di tagli ai servizi. Infatti i nostri governi hanno accumulato una vera e propria collezione di infrazioni e richiami per quanto riguarda i diritti delle donne.

La logica perversa che guida le classi dirigenti, il patriarcato, nel nostro paese è quello di concedere poco, male e a fatica. Una legge per legislatura: in questa un provvedimento pomposamente chiamato “contro il femminicidio“, hanno pensato fosse già troppo.

Non siamo deluse, ci saremmo sorprese di qualche segnale contrario.

Napoli, 14 marzo 2014

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente