Salerno, pericolo amianto a Brignano: I Verdi si schierano con gli abitanti

Pericolo amianto e polveri sottili a a Brignano. I cittadini protestano per le condizioni di abbandono e per la presenza nell’area di coperture in eternit.

I Verdi e l’associazione Fare Verde per la tutela dell’ambiente, si schierano con i residenti di Brignano che da anni denunciano la pericolosità di alcuni capannoni con le coperture in Eternit esistenti nella zona.

amiantobrignano

amiantobrignano

da  (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – I Verdi e l’Associazione Fare Verde, continuano la lotta a tutela dell’ambiente, infatti dopo la denuncia fatta nel corso di una conferenza stampa sul pericolo amianto e le polvere sottili a Salerno. Hanno denunciato un pericolo esistente da anni a Brignano atteso che pare nessuno si preoccupi dell’esistenza di capannoni coperti da eternit, condizione che al contrario preoccupa i residenti per la loro salute, in quanto pare che in quella zona sono aumentati i casi di malattie tumorali gravi.

Dopo la denunzia pubblica fatta giorni fa sul pericolo dell’amianto e delle polvere sottili in presenza del coordinatore provinciale dei Verdi Flavio Boccia, il referente cittadino di Fare Verde Federica Casella ed il Consigliere Comunale Raffaele Adinolfi, è stato posto il problema principalmente sull’Eternit esistente a Pastena in particolare nel bocciodromo e del pericolo per la salute dei cittadini.

Nella circostanza è stato posto dai Verdi e dall’Associazione Fare Verde è stato posto il pericolo dell‘inquinamento dovuto alla presenza delle polvere sottili, in particolare il PM2.5 dannoso per i cittadini e portatore di malattie quali tumore, leucemia ecc., in quella sede è stata fatta una denuncia pubblica sulla carenza ci centraline (3 di cui una non funzionante) e del pericolo di chi passeggia a Salerno sopratutto nelle zone di traffico (vedi Luci D’Artista) sempre in quella sede è stata fatta una denuncia pubblica all’Arpac sulla carenza di centraline. La denuncia dei Verdi e dell’Associazione “Fare Verde” molto probabilmente è stata uno stimolo per l’amministrazione comunale di Salerno che si è posta come priorità la risoluzione del problema dell’amianto e delle polvere sottili.

Verdi e l’associazione Fare Verde portano avanti la loro battaglia e si schierano con i residenti di Brignano che da anni denunciano la pericolosità di alcuni capannoni esistenti nella zona, i quali sono ancora coperti da Eternit, indicando particolarmente quelli nei pressi di Via Sant’Alfonso Maria dei Liguori (ex ceramica D’Agostino), ma anche lo stato di abbandono in cui si trovano e sebbene vi siano state ripetute segnalazioni, nessuno se ne è mai interessato. La vicenda unita anche alla paura e alle voci che circolano e che pare indichino un particolare eumento di patologie tumerali nei cittadini che abitano in quelle zone, desta non poche preoccupazioni, che obbliga gli enti preposti a questi controlli e di fugare ogni possibile dubbio, ma anche di rimuovere tutti i pericoli.

Angelo Aliberti(Verdi) e Federica Casella(Fare Verde), nel denunciare lo stato di pericolosità ed abbandono in cui versano i residenti di Brignano, chiedono un intervento immediato dell’amministrazione perché inizi a preoccuparsi del problema dell’ambiente: “Va bene, vogliamo i fatti, da tempo chiediamo l’istituzione di una commissione che unisca tutte le associazioni e le forze ambientaliste esistenti per cercare soluzioni condivise e sopratutto costruttive, ma come al solito non si accetta nessun colloquio anche se critico“.

Salerno, 5 maggio 2014

 

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente