Eboli: Intitolata al Prof. Paolo Merola la “Sala Antica” della Biblioteca comunale

Sabato 24 maggio 2014, ore 10.00, cerimonia di intitolazione ufficiale della Sala Antica della Biblioteca comunale “S. Augelluzzi” al professor Paolo Merola.

Il Sindaco di Eboli Martino Melchionda: “Un riconoscimento al Prof. Merola, per l’importante ruolo che ha svolto di promozione della cultura nella nostra città”.

Paolo Merola

Paolo Merola

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – La Giunta Comunale, con proprio atto deliberativo, ha intitolato al prof. Paolo Merola la Sala Antica della Biblioteca Comunale “Simone Augelluzzi”. Sabato 24 maggio alle ore 10.00 è prevista la cerimonia di intitolazione ufficiale presso la Sala Antica della Biblioteca alla presenza dei figli del Prof. Merola: Vito, Marina e Marcello.

Il professore Paolo Merola (15-06-1921 / 30-03-2009) illustre ebolitano si unì in matrimonio con la nobildonna Maria Mastrangelo, dalla quale unione nacquero tre figli: Vito avvocato e professore; Marina dottoressa e ricercatrice presso l’Ospedale San Raffaele di Milano; e Marcello studioso e Ricercatore a Parigi; fin da giovane si distinse per il suo impegno civile e politico da Socialista e democratico convinto, che oltre ad essere rivolto alla cultura e alla conservazione di migliaia di libri e manoscritti, dei quali tantissimi di grandissima importanza storica e bibliografica, fu indirizzato anche alla sua partecipazione attiva in politica, ma sempre mantenendo il suo giudizio critico e mai prono ai poteri forti, che al contrario con stile, civiltà e coerenza combattè tenacemente per tutta la sua vita.

Sala antica-Biblioteca-Simone Augelluzzi-Eboli.j

Sala antica-Biblioteca-Simone Augelluzzi-Eboli.j

Nonostante il suo carattere fosse mite e conviviale, incline al confronto e sempre sorridente, premuroso e affettuoso, nelle sue “lezioni” di vita quotidiana, che solo chi lo ha conosciuto può ricordare con pari affetto, riusciva con fermezza ad affermare e a trasmettere i suoi valori, me compreso e alla mia famiglia, da “padre” nobile di un sentimento umano e politico ormai distrutto, accantonato e seppellito dalla “modernita” dei pifferai magici che affollano le tribune televisive.

L’intitolazione della Sala Antica della Biblioteca Comunale al Prof., o meglio come a lui piaceva essere chiamato “Maestro” Paolo Merola, completa un percorso che lo avvicina, anzi lo associa a sua volta, al suo Maestro Simone Augelluzzi al quale l’intera Biblioteca è stata dedicata, e se veramente esiste un aldilà potranno proseguire “insieme” quel grande lavoro, patrimonio storico e culturale, che oggi è giunto fino a noi.

Nell’aprile del 1926 il prof Simone Augelluzzi, insegnante elementare trasferitosi ad Eboli agli inizi del novecento dalla sua città natale Cava dei Tirreni, si inserì nell’attività sociale e culturale ebolitana quale pubblicista ed attivo radicale e costituì la Federazione Biblioteche Ebolitane raccogliendo il patrimonio librario di alcune piccole biblioteche appartenenti a vari circoli culturali.

Nel 1933 la Federazione divenne una biblioteca popolare-circolante la cui finalità era quella di avvicinare al libro ed alla lettura i giovani, i lavoratori e chi culturalmente non aveva l’abitudine di frequentare le biblioteche, allora riservate ad un pubblico colto.

 sezione moderna-Biblioteca-Simone Augelluzzi

sezione moderna-Biblioteca-Simone Augelluzzi

Durante la seconda guerra mondiale il patrimonio della Federazione venne notevolmente ridotto e danneggiato, ma fu ricostituito grazie all’opera infaticabile del suo fondatore Simone Augelluzzi e del suo giovane allievo e nostro concittadino Paolo Merola. che amorevolmente ed eguale passione anche dopo la morte del prof. Augelluzzi, avvenuta nel 1957, si dedicò alla biblioteca raccogliendone la pesante e gravosa eredità rendendosi pienamente interprete dello spirito di iniziativa del suo maestro, evitando la dispersione del materiale librario e documentario e mantenendo in funzione la struttura, nonostante le notevoli difficoltà incontrate.

Un riconoscimento dovutodichiara il Sindaco di Eboli Martino Melchionda nei confronti di chi come il prof. Merola ha offerto il proprio instancabile contributo alla promozione e alla diffusione del sapere, custodendo e consegnando alle future generazioni un prezioso patrimonio culturale.

Lintitolazione della sala antica della biblioteca comunale  – afferma l’assessore alla cultura Liberato Martucciellorappresenta il modo migliore per celebrare il Maggio dei libri, la lettura e, più in generale, la cultura.

Il prof. Merola è uno dei padri della nostra biblioteca, oltre che un importante punto di riferimento culturale della nostra Città.

Eboli, 17 maggio 2014

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. “Il prof. Merola ha offerto il proprio instancabile contributo alla promozione e alla diffusione del sapere, custodendo e consegnando alle future generazioni un prezioso patrimonio culturale” e la politica melchiondiana in dieci anni ha devastato ed annichilito il suo lavoro, nonostante le parole di prammatica.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente