Associazione “L’ALTRiTALIA”: Fermiamo i rastrellamenti dei mibranti

EBOLI – Riceviamo e pubblichiamo l’intervento pervenutoci dall’Associazione “l’ALTRAiTALIA” di Eboli, in relazione al sequestro dell’Area dell’ex Mercato Ortofrutticolo di S. Nicola Varco da parte della Procura della Repubblica di Salerno, allo sgombero degli 800/900 extracomunitari che vi alloggiavano clandestinamente, e agli effetti che hanno prodotto sugli stessi migranti.

………..  …  ………..

Fermiamo  i  rastrellamenti !

Quanto sta accadendo nella piana del Sele in questi giorni merita una segnalazione, sollecita alcune domande e impone alcune proposte (domande già da noi avanzate ufficialmente fin da oltre un mese, ma alle quali nessuno ha ritenuto dover dare risposta).

l

La segnalazione.

Dopo il sequestro dell’area di San Nicola Varco e il conseguente allontanamento dei migranti che in  quella zona alloggiavano si sono verificati alcuni sconcertanti episodi:

  • le forze dell’ordine hanno tratto in arresto alcune decine di migranti che avevano trovato accoglienza presso una struttura del comune di Sicignano degli Alburni, messa a disposizione dal sindaco;
  • stesso episodio si è verificato per alcune decine di migranti che avevano trovato accoglienza nella ex-scuola di Torre Barriate (località del comune di Eboli nei pressi di Santa Cecilia), struttura aperta e gestita da volontari della Caritas diocesana salernitana per conto del Comune di Eboli;
  • le istituzioni locali (amministrazioni comunali, assessorato regionale, strutture dei piani di zona) – secondo quanto dichiarato dall’assessore Sgroia del Comune di Eboli – stanno approntando “piani d’emergenza” per i migranti “regolari”, individuando alloggi  dove accoglierli e predisponendo progetti per il rimpatrio.

Le domande.

  1. Al Prefetto chiediamo:

Era la Prefettura uno dei partner del progetto regionale?

Il progetto prevedeva:

  • una bonifica del sito di San Nicola Varco, attraverso l’installazione di servizi igienici,
  • il potenziamento dell’assistenza sanitaria,
  • l’ attivazione di programmi per il rientro agevolato in patria dei migranti,
  • la ricerca di soluzioni alloggiative, attraverso l’uso di strutture abitative di proprietà pubblica o il sostegno alla locazione di alloggi privati.

Era sua responsabilità, per il rispetto della legalità, verificare se i datori di lavoro che avevano firmato contratti stagionali a lavoratori stranieri effettivamente li impiegavano nelle proprie aziende?

Era sua responsabilità, per il rispetto della legalità, verificare se i datori di lavoro dei migranti fornivano un alloggio adeguato ai propri dipendenti, come previsto dalla legge Bossi-Fini?

Perché, prima di procedere al sequestro dell’area di San Nicola Varco, non si è accertato dello stato di attuazione del progetto e perché non ha avviato le procedure per il rispetto delle normative da parte dei datori di lavoro?

  1. Ai Magistrati del Tribunale di Salerno chiediamo:

Erano a conoscenza dell’epidemia influenzale in corso?

Per quanto condivisibili le motivazioni di ordine sanitario che avrebbero indotto al decreto di sequestro, si rendevano conto di quali conseguenze il loro atto comportava sia per la salute dei migranti di San Nicola Varco “sgomberati” e messi in mezzo ad una strada senza un alloggio per quanto misero e illegale, sia per la diffusione dell’epidemia?

  1. All’assessore regionale chiediamo:

Era o no la promotrice del progetto di intervento umanitario e, come tale, responsabile di quanto previsto e sopraelencato?

Visto che si era al 10 novembre, perché non si era già attivata per verificare

  • quanti migranti avessero realmente aderito al programma di rimpatrio?
  • quanti alloggi erano stati approntati o trovati per i migranti in vista dello sgombero programmato per la fine dell’anno?
  • l’opportunità di approntare un piano straordinario di intervento sanitario in considerazione dell’epidemia influenzale?
  1. All’assessore comunale chiediamo:

Era un partner del progetto di intervento umanitario a San Nicola Varco?

E allora perché non ha fatto in  modo che la struttura di Torre Barriate fosse davvero utilizzabile, ristrutturata e adeguata per l’accoglienza quando fosse avvenuto lo sgombero di San Nicola Varco?

E perché  non ha individuato altri alloggi nelle proprietà disponibili del comune di Eboli?

Perché rincorrere sempre emergenze, quasi fossero calamità naturali imprevedibili, e non programmare gli interventi per tempo?

Perché aver creato illusioni di permessi di soggiorno per motivi umanitari?

Perchè nei mesi trascorsi dalla firma del progetto ad oggi non è stato fatto nulla per svuotare gradualmente l’area, invece di arrivare all’improvviso a mettere per strada 800 persone?

E infine alcune proposte imposte dall’emergenza:

  1. sospendere i rastrellamenti;
  2. utilizzare tutte le strutture abitative di proprietà pubblica presenti nella Piana del Sele – non solo nel territorio del comune di Eboli, ma anche in quelli vicini – in cui accogliere i migranti;
  3. utilizzare i container collocati nell’area di San Nicola Varco, spostandoli in altre sedi;
  4. allertare i servizi di Prevenzione Collettiva dei Distretti Sanitari per un programma di vaccinazione anti-influenzale con l’aiuto della Croce Rossa Italiana, di Medici Senza Frontiere e di quanti già operano nell’assistenza sanitaria (come l’Associazione “L’ALTRiTALIA”).

E, al di là dell’emergenza,

  1. attivare in tempi brevissimi gli ostelli per gli stagionali in forma stabile e regolamentata, utilizzando tutte le strutture confiscate alla camorra;
  2. contrastare quotidianamente il caporalato e il lavoro nero nella Piana del Sele, che sono la vera illegalità e che abbassano il livello dei diritti di tutti i lavoratori.

16.11.2009                                       Associazione “L’ALTRiTALIA” – EBOLI (SA)

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Ciò che nella vita reale mi ha sempre e ovunque ostacolato è stata la mia incapacità, fin negli anni della vecchiaia, di farmi un’idea autentica della meschinità e della bassezza degli uomini. (Arthur Schopenhauer)”Vile, tu uccidi un uomo morto” MARAMALDO OGGI ANCORA VIVE! Maramaldo un TERMINE ATTUALE,indica una persona che INFIERISCE sui più DEBOLI, gli INERMI, pronta a SOPRAFFARE, a tradire qualcuno non appena ne scorga i punti DEBOLI o l’impossibilità di DIFENDERSI.MA SIAMO ANCORA UNO STATO DI DIRITTO? O QUESTE SONO LE “AVANGUARDIE” DI UN “RADIOSO FUTURO”.I CONVEGNI ,LE CARTE INTERNAZIONALI, ETC FINISCONO PER ESSERE SCOLASTICI ADEMPIMENTI, LONTANI ANNI LUCE DALLA VERA UMANITA’ IN ESSE PRESCRITTA!

  2. Chi punirà gli sfruttatori di carne umana nella Piana del Sele?

  3. we là siete ancora vivi, nei giorni dello sgombero dove eravate, siete scomparsi, vi siete volatizzati, avete fatto qualche piccola apparizione e poi siete tornati alla vostre abitudini salottiere xxx xxxxx… Se non fosse stato per noi giovani comunisti e per tutti i compagni che si sono impegnati la situazione sarebbe diventata disastrosa.

  4. Continuate cosi’ miei cari pseudo “giovani comunsiti” e non avrete nei prossimi anni neanche un consigliere comunale in tutta la penisola.Le scoppole elettorali non vi hanno insegnato nulla, e l’insolenza unita alla volontà di offendere continua immutata…vi state riducendo a numeri atomici e siete baldanzosi come se aveste la Golden Share in mano…un quesito, e se il tuo Massimo traslocasse armi e bagagli nel PD, cosa faresti caro mio? Io penso che ti toglieresti di colpo la giacca Rossa con cui giochi a fare il rivoluzionario ( alla Tennent’s ) e ti faresti subito piddino, xke’ “TENGO FAMIGLIA!” CRESCI X IL TUO BENE….

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente