Il MPC festeggia il 1° compleanno e sostiene Cariello candidato Sindaco

Movimento Popolare per il Cambiamento a sostegno di Massimo Cariello come candidato Sindaco di Eboli.

E’ trascorso un intenso anno di attività. Un anno dalla fondazione del Movimento Popolare per il Cambiamento, che aderisce alla “Casa delle Idee”, è nato dalla fusione di “Cambiare Insieme”, “Movimento Cristiano Lavoratori”, “Cambiamo Eboli”.

.

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – “È trascorso ormai un anno – scrive in una nota Dario Landi, Coordinatore Movimento Popolare per il Cambiamento – da quando nel novembre 2013 il movimento “Cambiare Insieme”, il “Movimento Cristiano Lavoratori di Eboli” e l’Associazione “Cambiamo Eboli”, hanno deciso di fondare il “Movimento Popolare per il Cambiamento”, un contenitore civico basato su aspetti valoriali condivisi come l’identità cristiana, la tutela della persona e della famiglia, i principi di meritocrazia, legalità, libertà ed uguaglianza, avendo come punto di riferimento il Partito Popolare Europeo.

In un anno siamo riusciti ad essere presenti come realtà civica grazie ai tanti amici che hanno deciso di impegnarsi in prima persona, portando il proprio bagaglio di esperienza di vita quotidiana e dimostrando che il cambiamento è possibile solo con il contributo di tutti.

 Dario Landi

Dario Landi

Ci siamo posti come alternativi all’amministrazione comunale che ha governato Eboli, criticando scelte politiche su questioni come le borse di studio nell’Ente, la gestione del Piano Sociale di Zona, gli Uffici del Giudice di Pace, il sistema delle consulenze, la nomina degli scrutatori.

Allo stesso tempo abbiamo avanzato anche delle proposte rispetto non solo ai fatti specifici, ma soprattutto su un modo diverso di fare politica e di gestire la “cosa pubblica”.

Nel frattempo abbiamo instaurato un rapporto di collaborazione con altre realtà politiche, il Nuovo PSI e l’Associazione “Ascolto Cittadino”, con i quali abbiamo creato “La Casa delle Idee” trovando sin da subito sintonia sugli obiettivi, nonchè sugli strumenti per raggiungerli.

Massimo-Cariello

Massimo-Cariello

Ci siamo resi promotori di un’iniziativa chiamata “Se io fossi Sindaco di Eboli”, grazie alla quale siamo riusciti a promuovere uno strumento innovativo di confronto con i cittadini, attraverso il Dialogo Strutturato Europeo, consentendo loro di individuare le priorità programmatiche condivise e permettendo agli stessi di essere parte proponente dell’intero processo decisionale con idee e proposte concrete.

Abbiamo parlato di strumenti di partecipazione per favorire la cittadinanza attiva, di Cultura ed Istruzione e infine di Periferie, Sicurezza ed Integrazione: continueremo nelle prossime settimane con  altri appuntamenti mirati.

Adesso, nel confermare il nostro impegno politico, proponiamo e sosteniamo convintamente l’amico Massimo Cariello come candidato Sindaco di Eboli: siamo certi che sarà in grado di aggregare tutti coloro che amano la Città e sono stanchi della condizione attuale, mettendo al primo posto il cittadino e le sue esigenze, per garantirne un rilancio economico, sociale e culturale.

Eboli, 15 novembre 2014

11 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Vai massimo questa volta gli ebolitani hanno capito la lezione e sono con SINDACO

  2. Se Cariello perde anche questa volta, gli tocca davvero lavorare.

    • … e allora cerchiamo di non farlo perdere altrimenti avremo un disoccupato in più !!!

  3. Cuomo ha una marcia in più,si muove da mesi,e sta mettendo paura,fra poco molti si apparenteranno pur di non perdere.
    Il bravo Damiano farà la professione,Cariello se la inventerà.

  4. Basta con queste offese personali, Cariello un lavoro ce l’ha e l’ha sempre avuto: se qualcuno volesse muovere una critica farebbe meglio a concentrarsi sulla politica, parlando di contenuti. L’unico che sta creando una squadra competente, di gente che LAVORA a prescindere dalla politica ( imprenditori, professionisti, commercianti etc.), è proprio Cariello. Sugli avversari dobbiamo ancora vedere: al momento non c’è un granchè in giro.

  5. Ma smettetela di dire falsità su cariello, ha sempre lavorato e potete veirificarlo. Piuttosto non ricordo quando cuomo abbia mai lavorato per se e per Eboli, tonino a bugia questa volta farà la fine che merita insieme ai cardiello e sgroia: questi si che non hanno mai lavorato!!!

    • STRAVOLGI LA REALTA’ STORICA E SOGGETTIVA DEI PERSONAGGI,SEI DEGNO DI CHI APPOGGI!!!

  6. è proprio vero che la gente non ha memoria se arriva a pensare davvero che cuomo potrebbe essere un buon sindaco, dimenticandosi che è stato in amministrazione (per interposte persone) con melchionda, prima ancora con la destra provinciale (candidato PRESIDENTE della provincia nel 2004 con FORZA ITALIA) e da deputato sia nazionale che regionale non ha mai fatto nulla di tangibile per eboli in 15 anni….
    insomma:
    1) è passato da sinistra socialista anni 80 a destra forza italia, poi di nuovo a sinistra, ora civico…e la gente continua a dire che è cariello quello trasformista e cuomo la salvezza???
    2) cuomo ha fatto l’onorevole regionale con forza italia, poi il deputato col pd, e vorrei uno che mi dicessse COSA ha portato ad eboli. non so se ha fatto promesse, ma di certo ALLA CITTA’ NON HA DATO NULLA.
    3) ora si è fatto una squadra di zombie, presenti in un modo o nell’altro in tutte le giunte degli ultimi 20 anni, e sarebbero il cambiamento???

    ajajajaajajajaaj

  7. Cuomo ha lasciato forza Italia da coordinatore provinciale nel momento più alto della sua carriera politica quando sceglieva i candidati sindaco in provincia.
    Per coerenza si dimise quando il clan cosentino si impossessò del partito,andando contro i suoi interessi politici ma proteggendo la sua dignità umana.
    In una nazione dove x il potere si fa tutto, una posizione di rinuncia allo stesso in nome dell’etica é cosa rara.

  8. non male come storiella da raccontare ai bimbi….ed è stato per salvarlo da cosentino che è stato eletto per la prima volta alla Camera nel 2008 con liste bloccate, sotto le insegne del PD e con la bindi, mentre lo stesso anno 2008 era consigliere regionale sotto il simbolo di forza italia…mantenendo anche per alcuni mesi il doppio stipendio? “In una nazione dove x il potere si fa tutto, una posizione di rinuncia allo stesso in nome dell’etica é cosa rara.”…..beh io rivedrei qst commento, alla luce della lettura sui tempi….le favole lasciatele ai bimbi

    • PAOLINO-INO-INO:

      CI SONO POLITICI CHE SI SONO ADDORMENTATI COMUNISTI E DOPO LE ELEZIONI PERSE,MA AVENDO AVUTO I VOTI DI SINISTRA,SI SONO ALZATI FORZISTI….
      VERGOGNA,MI CONSENTA

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente