SU e Rifondazione sull’Agrario di Eboli: L’Improvvisazione al Governo

Il Caso della pedita di autonomia dell’Istituto Agrario di Eboli per Sinistra Unita e Rifondazione è L’improvvisazione al Governo.

Chiameremo la Destra e il PD locali a dare conto delle scelte che le loro parti politiche adottano ai livelli sovracomunali, massacrando la nostra area geografica e la nostra città. Per questo stiamo lavorando chiamando tutte le forze sane della Città.

Silvio-Masillo-Gerardo-Rosania

Silvio-Masillo-Gerardo-Rosania

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – “La strampalata vicenda della perdita di autonomia dell’Istituto Agrario di Eboli – si legge in una nota pervenutaci da Rifondazione Comunista e Sinistra Unita il movimento che ha come leader l’ex Sindaco ed ex Consigliere Regionale Gerardo Rosania, che intervengono sul tentato scippo all’autonomia scolastica dell’Istituto Tecnico Agrario “G. Fortunato“, uno dei più antichi e prestigiosi istituti scolastici della Provincia di Salerno, della Campania e del Mezzogiorno – una delle scuole più antiche della nostra città, una delle più ricche di tradizioni e maggiormente “legata” alla vocazione economica del territorio, pensata dalla Provincia di Salerno, dà l’idea del caos in cui versano le istituzioni locali, dopo la “Riforma (??? ) Del Rio“, quella che sulla carta ha abolito le Province ! Queste però sono rimaste in piedi con le loro competenze e con il problema di circa 20 mila dipendenti, sulle cui sorti nessuno oggi sa dire una parola di certezza.

– Per Rifondazione e Sinistra Unita si tratta di – Un altro capolavoro di Renzi!

L’unica cosa certa – si legge nellanota – è che alla fine ai cittadini è stato tolto il “diritto di voto” e di scelta dei propri rappresentanti a livello provinciale, rappresentanti che una “casta” politica screditata ed improvvisata si è scelta da sola e senza alcun controllo democratico! (e questo ci riproporranno anche per il Senato!). A Salerno, così, siamo arrivati, dopo anni di malgoverno della destra “cirielliana”, alla “Improvvisazione al Governo!

Questo ha dimostrato Canfora sulla vicenda della riorganizzazione delle dirigenze scolastiche – aggiungono Sinistra Unita e Rifondazione – : improvvisazione! D’altro canto, deve questo signore dare conto a cittadini che lo hanno eletto a quell’ incarico? No! Il suo unico problema è quello di dare conto ai potentati politici che lo hanno posto ai vertici della Provincia, sulla base di accordi chiusi nelle oscure stanze del potere!

Esprimiamo apprezzamento per la dura presa di posizione della Commissaria Straordinaria che oggi regge le sorti del Comune di Eboli, la dott.ssa Vincenza Filippi, la quale ha dimostrato come tecnicamente la scelta di accorpare l’Istituto Tecnico Agrario di Eboli al Professionale per l’Agricoltura di Salerno fosse una assurdità:

  1. perchè il “Fortunato”, proprio per evitare che la direzione didattica fosse portata via da Eboli, era stato già accorpato negli anni passati con l’ Istituto Tecnico Industriale ebolitano;
  2. perchè l’Istituto Agrario da solo regge perfettamente, grazie al numero degli iscritti , la prova del limite di alunni necessario per conservare l’autonomia;
  3. perchè il Professionale per l’Agricoltura di Salerno appartiene ad un altro ambito scolastico;
  4. perchè nessuna concertazione è avvenuta sulla scelta in questione, quindi la scelta dell’accorpamento si presenta come una scelta unilaterale arrogante ed immotivata !

Insomma – per Rosania e la Sinistra estrema – un grande pasticcio tecnico ed una clamorosa figuraccia sotto l’aspetto politico.

Noi – aggiungono – crediamo che sia giunto il momento di dire sia al PD, sia alla destra, che governano (male!) fra Provincia e Regione, e che pensano di potere utilizzare la Piana del Sele come “area da sacrificare” sull’altare del risparmio della spesa ( la famigerata “spending review “), che i cittadini ormai hanno scoperto il loro “gioco” di corto respiro. Questi governanti fidano sul fatto che in questo momento le principali città della Piana sono commissariate, senza propri rappresentanti in seno alla Regione ed alla Provincia, per cui

  • se occorre tagliare la spesa sanitaria si colpisce la Piana del Sele;
  • se occorre tagliare la spesa per i finanziamenti delle opere pubbliche si colpisce la Piana del Sele;
  • se occorre tagliare la spesa per la giustizia si colpisce la Piana del Sele ;
  • se occorre tagliare la spesa scolastica si colpisce la Piana del Sele!

E noi – si prosegue nella nota – chiameremo la Destra locale ed il PD locale a dare conto delle scelte che le loro parti politiche adottano ai livelli sovracomunali, massacrando la nostra area geografica e la nostra città.

Noi siamo convinti che Eboli debba cambiare completamente pagina, che debba cioè riaffermare il proprio ruolo di capofila della Piana del Sele e di centro propulsore della politica dell’intera provincia di Salerno!

Per fare questo occorre una svolta radicale nella Amministrazione della città, a partire dalle prossime elezioni amministrative del 2015.

E’ per per questo  – concludono Rifondazione Comunista e Sinistra Unita, avendo iniziato un giro di consultazioni partendo dai Riformisti del PD di Conte, e stabilendo con essi un rapporto privilegiato, e continuando con i vari gruppi politici e i vari movimenti che gli stessi ritengono siano parti sane – che noi stiamo lavorando, chiamando tutte le forze sane della città ad assumere la responsabilità del governo cittadino, superando sfiducia, rassegnazione, disinteresse e rispondendo alla sfida di rimettere in piedi la nostra Eboli e ridarle dignità!”

Eboli, 3 gennaio 2015

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente