Manifestazione provinciale FdI-AN: Fermiamo il Terrorismo Islamico

Manifestazione provinciale a S. Nicola Varco dei FdI-AN: Fermiamo il Terrorismo Islamico e l’immigrazione clandestina. Difendiamo le nostre radici cristiane.

La mobilitazione nazionale promossa dal Leader di FdI-AN Giorgia Meloni, chiama a raccolta dirigenti, militanti e simpatizzanti  Oggi domenica 22 febbraio 2015 alle 11:30 presso la Chiesa di S. Nicola in S. Vito al Sele, nel cuore della Piana del Sele dove si concentra il massimo numero di extracomunitari.

FdI-AN-Fermiamo il terrorismo

FdI-AN-Fermiamo il terrorismo

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Oggi domenica 22 febbraio 2015 alle ore 11:30 presso la Chiesa di San Nicola in San Vito al Sele, località Santa Cecilia di Eboli (via Talete), Antonio Iannone e Michele Cuozzo rispettivamente Presidente Regionale e Provinciale del Partito di Giorgia Meloni Fratelli d’Italia-AN, terranno una manifestazione provinciale per dire no al terrorismo islamico e all’immigrazione clandestina.

L’iniziativa si inquadra nell’ambito della mobilitazione nazionale promossa dal Leader di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale Giorgia Meloni e pertanto, si chiama a raccolta tutti i Dirigenti, i militanti e i simpatizzanti anche e soprattutto rispetto agli ultimi avvenimenti internazionali che vedono l’Italia coinvolta. La scelta di San Nicola Varco, il cuore della Piana del Sele è più che mai opportuna per FdI-AN, proprio perché in quest’area si concentra il più grande numero di extracomunitari provenienti dal Maghreb, che tra regolari e clandestini raggiungono un numero che si stima intorno alle 6000 unità oltra le altre etnie e i comunitari.

In Libia si è commesso lo stesso errore che è stato commesso in molti altri scenari simili, Iraq, Siria e altri Paesi: una politica di sgretolamento dei regimi esistenti con la convinzione poi di poter governare le diverse fazioni ribelli. In tutti gli scenari questa politica è stata fallimentare. In Libia le ragioni dell’intervento francese del 2011 (subito sostenuto da Obama e da Londra) appaiono ancora più bieche: dalla volontà francese e anglo-americana di scansare l’Italia dal rapporto privilegiato con la Libia per l’approvvigionamento energetico, al sospetto che l’azione di Sarkozy fosse diretta a sbarazzarsi della prova ingombrante dei fondi neri ricevuti da Gheddafi. Sull’argomento in Italia si è assistito ad una campagna mediatica tutta volta a spingere il governo italiano a schierarsi contro Tripoli. A partire dal Presidente Napolitano, che parlava di “risorgimento arabo”, agli editoriali di Scalfari, Ezio Mauro, Gad Lerner, oltre alle prese di posizione esplicite del Partito Democratico.

Qual è la situazione adesso? Tra mille fazioni e tribù, abbiamo due governi: quello legittimo, riconosciuto dalla comunità internazionale, di Tobruk, presieduto da Abdullah al Thani e sostenuto da Egitto e Emirati Arabi, e quello filo-islamico di Tripoli, guidato da Omar al Hassi, esponente dei Fratelli musulmani e appoggiato da Turchia e Qatar. Poi, sta crescendo con sempre maggiore forza la componente vicina ad Al Qaeda e all’Isis.

Senza isterismi, ripetiamo pacatamente quello che diciamo dal 2011: la situazione è grave e fuori controllo. E il pericolo per l’Italia è elevatissimo

Esiste il pericolo di tipo “tradizionale”, ovvero la possibilità di essere attaccati con missili e domani con azioni militari contro il territorio italiano, magari a Lampedusa, ma è assolutamente reale il pericolo che deriva dall’utilizzo dei profughi e degli immigrati da parte degli integralisti. Dall’inizio dell’anno, ci sono stati 58 sbarchi per un totale di 6.176 tra profughi e clandestini: +100% rispetto allo stesso periodo del 2014. La strategia è semplice: più sbarchi per creare caos. Ci sarebbero 500 mila profughi trattenuti dalle milizie per essere utilizzati come carne da macello in questa strategia contro l’Occidente.

Questo è il motivo per il quale, come Fratelli d’ItaliaAlleanza Nazionale, abbiamo chiesto lo stop all’accoglienza bloccando gli sbarchi dei clandestini finché l’Isis non sarà sconfitto.

L’Isis controlla le coste libiche e gestisce il traffico di profughi. Questo vuol dire che è l’Isis che decide chi viene decapitato sulla spiaggia e chi invece può imbarcarsi sui gommoni. Ma noi non possiamo consentire che dei terroristi facciano la selezione all’ingresso della nostra Nazione, perché è molto probabile che gli integralisti usino il traffico di disperati per far arrivare le loro cellule terroristiche.

Un’altra cosa che abbiamo chiesto al Governo Renzi e al finora inoperoso alto rappresentante della politica estera europea, Federica Mogherini, di porre immediatamente in discussione in sede Onu e Nato la necessità di un intervento militare volto a pacificare la Libia, condizione indispensabile per la nostra Nazione, non solo in termini di equilibrio geo-politico del Mediterraneo o di prevenzione del terrorismo, ma anche condizione essenziale per lo sviluppo economico ed il contenimento della spesa pubblica e privata.

Oggi infatti la bolletta energetica italiana è più cara del 18% rispetto alla media dei Paesi europei, comportando maggiori costi per le imprese, soprattutto quelle medie-piccole, minore efficienza e minore occupazione. Per sopperire a questa situazione, il governo di centrodestra aveva avviato una politica per differenziare il proprio approvvigionamento energetico, riuscendo a stringere accordi molto vantaggiosi con importanti sviluppi nel lungo-periodo con la Russia e con la Libia, ottenendo la possibilità di ridistribuire l’energia ricevuta nel resto d’Europa, ponendo così l’Italia in una posizione di grande forza contrattuale. Questo era la fotografia fino al 2011. Dopo 4 anni di commissariamento europeo della politica italiana, la fotografia è: perdita di queste due fonti privilegiate di approvvigionamento energetico, ritorno alla totale dipendenza dalla Francia, dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

Eboli, 22 febbraio 2015

7 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. La solita logica di destra: sei straniero? Sei nemico. Sei mussulmano? Sei terrorista. Che idiozia!!!
    QUEL terrorismo va condannato a tutti i costi ma visto che parlare di San Nicola Varco cercate di debellare anche quel tipo di terrorismo che ha speso 40 miliardi delle vecchie lire per realizzare una struttura che è servita da rifugio per centinaia di disperati e che ha fatto mangiare altrettanti terroristi della politica.

  2. Ma che strano? si strumentalizza tutto per raccattare voti!

    Strano di come questi movimenti di destra vedi anche la ariana lega poi investivano in Tanzania nell’africa nera.

    Strano di come questi della destra al governo erano amici dei dittatori arabi, che son stati la prima incubatrice di tali movimenti estremisti.

    Strano che un tipino come zu Silvio, criticava l’islam e poi feceva affari con gli islamici, i ricconi per intenderci, primo tra tutti l’imprenditore Tarek Ben Ammar e Al Waleed lo sceicco, ma si, devono essere ricchi per essere buoni!!!

    Purtroppo, la massima di Vespasiano che il danaro non puzza, e’ sempre attuale.

    Cari parlatoi,andate a lavorare davvero però, fate qualcosa di concreto, che crei ricchezza e civilta’ e non urlate solo!

    ps a maggio n’altra bella scoppola!

  3. Cari pseudo-moralisti di sinistra, facciamo una cosa: aprite le porte delle vostre case ai clandestini e, poi, inoltrate le foto qui sul blog. In questo modo ci possiamo rendere conto di che pasta siete fatti e se siete coerenti con ciò che dite.

    • moralisti siete voi tutto patria, fede e famiglia, e poi essere servi del berlusconismo che di questi ideali è agli antipodi.
      agitate fantasmi, la paura di accatto del diverso, dimenticando che i diversi son stati anche gli italiani,e che quanti poveri “schivi neri” tengono in piedi quel che resta dell’agricoltura del sele. per avere un consenso in più, sareste capaci di qualsiasi allarmismo. ma siete stati complici dello sfascio-fascio ventennale prima ora,e ventennale seconda repubblica.
      Fate un favore a voi stessie ai vostri figli, togliete il disturbo!
      non sarete mai moderni ed europei, solo suqadristi alle tagliatelle!

  4. @freedom

    se la situazione è quella che è lo si deve a gente che la pensa come te.

    Se questi psicopatici oggi stanno facendo tutti questi danni è perché stanno trovando terreno fertile tra gente che per secoli ha visto le proprie risorse depredate, i propri territori inquinati lasciando a loro solo briciole. E che dire delle guerre fomentate artatamente per vendere armi e fare affari sul sangue di questa gente?

    I proprietari di terreni nella Piana che votano per il tuo stesso partito questa gente gli sta bene perché per loro sono solo dei nuovi schiavi da sfruttare (tranne di notte, tra amici, poi parlarne male).

    ma cosa vuoi capire signor freedom che, visto il nick name, aspira solo alla propria libertà alla faccia di quella degli altri

  5. Quanta demagogia! Cari compagni comunisti che ne pensate della Cina, Corea del Nord o di Cuba? Perché non andate a liberare quei popoli dall’oppressione sanguinaria comunista? O quel sangue è giustificato solo perché fa parte della vostra sporca e violenta ideologia?
    Predicate bene poi razzolate malissimo finti moralisti che non siete altro!!!
    Personalmente, apprezzo coloro che vengono in Italia per lavorare e per crearsi una famiglia; ma la clandestinità è una fattispecie gravissima e va punita. Ci sono anziani ed italiani che cercano cibo nei cassonetti perché non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese mentre lo Stato sperpera denaro per fare campi rom e regalare case popolari a questi clandestini! Vergogna!!!
    La libertà va difesa rispettando le regole, se no la libertà sfocia in anarchia!
    Cari compagni comunisti ma che ne sapete voi di libertà visto che sposate ideologie sanguinarie, come il comunismo? Siete e rimarrete patetici.

    • MA PERCHE’ NON PENSI ALLE BOMBE A, SGANCIATE DAGLI USA, GLI UNICI AD AVERLO FATTO?
      AI DITTATORI COME PINOCHET NORIEGA HUSSEIN etc DEL MONDO ARABO, DA LORO, COME I TALEBANI NEGLI ANNI 80, FINANZIATI E SOSTENUTI?
      ALLA MODERNA FINANZA CAPITALISTICA SENZA REGOLE CHE PRODUCE DISPARITA’ ECONOMICA E DUNQUE, MORTE, LENTA, MA CMQ MORTE?
      O ALLE GRANDI MULTINAZIONALI, VEDI FARMACEUTICHE, CHE METTONO PREZZI ALTI SU FARMACI DI BASE E MUOIPONO BIBMBI X MANCANZE DI CURE MEDICHE?
      LA VOSTRA MIOPIA è LA MISURA DELLA VOSTRA DEMAGOGIA!

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente