"Referendum abrogativi" tag

Battipaglia: Il M5S raccoglie firme per il Referendum Costituzionale

BATTIPAGLIA – Domenica 24 aprile, Via Italia angolo via Mazzini, prosegue la raccolta firme per i Referendum abrogativi dell’Italicum.
Depositato il quesito alla Cassazione a partire dal 25 aprile il M5S di Battipaglia darà inizio alla raccolta delle firme per chiedere il Referendum costituzionale di ottobre.

Referendum trivelle. Renzi e la vittoria di “Pirro”

ROMA – Referendum trivelle. Non si raggiunge il quorum. Affluenza sempre più in calo. Vince l’astensione. Perdono tutti e si bruciano 300 milioni di euro.
Vittoria di Pirro per Renzi e per i referendari: Il primo perdendo ha “vinto”; i secondi vincondo hanno perso. Il risultato sputtana definitivamente lo strumento referendario abrogativo e condanna una classe politica inadeguata

Di Pietro e i Referendum: Tocca ai cittadini e deposita le firme in Cassazione

ROMA – Il Comitato referendario ha consegnato oltre un milione di firme in Cassazione per l’Abolizione della Riforma Fornero e l’art. 8 del Decreto Sacconi.
Ma per via dello scioglimento anticipato delle Camere prima della fine dell’anno, ha messo a rischio la validità delle firme. Sarà presentato un ricorso alla Corte costituzionale affinché sia rispettata le volontà dei cittadini.

Nominati i 111 scrutatori al Comune di Eboli: Un’altra occasione persa

EBOLI – “Nominati” dai Consiglieri Comunali di tutti i partiti, escluso SEL, i 111 scrutatori per le prossime consultazioni referendarie.
Il 12 e il 13 giugno si va alle urne per votare 4 Referendum. Con un SI o con un NO si possono abrogare o meno i 4 quesiti referendari proposti. Perché siano validi si deve recare a votare la metà più uno degli italiani.

Referendum del 12 e 13 giugno 2011: Estratti i 468 scrutatori a Salerno

SALERNO – Ecco i nomi sorteggiati dei 468 scrutatori dei 152 seggi elettorali del Comune di Salerno.
I quesiti referendari sono 4: sul Nucleare, sul Legittimo impedimento e 2 sull’acqua. Si vota SI se si vuole abrogare la legge o l’articolo di legge oggetto del quesito, si vota NO per il contrario.

PD a Congresso: tra Franceschini e Bersani arriva Ignazio Marino

E’ ufficiale: Ignazio Marino si candida alla segreteria del PD
La corsa a 3 potrebbe ben presto diventare a 5 con la discesa in campo della Binetti e Adinolfi: ecco i candidati

ROMA – Massimo D’Alema intervenendo ad una festa del PD a Roma si dice contrario allo statuto del Pd che prevede che a eleggere il Segretario siano anche i votanti alle primarie – “è una regola assurda” -, ha detto D’Alema. L’ex presidente del Consiglio ha sottolineato che bisogna fare il congresso anche per cambiare questo statuto, senza per questo abbandonare le primarie, che sono sicuramente necessarie per scegliere il candidato premier o magari i candidati di collegio, ma non possono accettarsi quando si tratta di scegliere il segretario del Partito, che resta una prerogativa solo deglli iscritti.

REFERENDUM: ALLE H.22 HA VOTATO IL 16% – PROVINCIALI AL 32,14 – COMUNALI AL 44,94

Affluenza in calo: sarà un miraggio raggiungere il50 % più 1 dei votanti

E’ dal 1995 che un Referendum non raggiunge il quorum

ROMA – Si colloca al di sopra il 15% l’affluenza alle urne per i tre referendum sulla legge elettorale. Alle 22.00 di questa sera, mancavano ancora i dati di un migliaio di comuni. Seggi ormai chiusi, le urne si riapriranno domani dalle 7,00 alle 15,00. L’affluenza è bassa rispetto a due settimane fa, quando gli italiani hanno votato per le Europee, per il primo turno del rinnovo delle Amministrative provinciali e comunali

Italia ai BALLOTTAGGI: affluenza in calo

Provinciali: alle 12,00 ha votato il 7,9%
Comunali: a mezzogiorno alle urne il 12,6%
Referendum: alle 12,00 ha votato solo il 4%
Ore 14,10
ROMA – Per i ballottaggi delle elezioni Provinciali fino alle ore 12,00 di oggi ha votato il 7,9% degli elettori.

Per i ballottaggi delle elezioni Comunali, invece, fino alle ore 12,00 di oggi, ha votato il 12,6% degli elettori.

Le percentuali di votanti per i tre Referendum rilevata alle 12,00 di oggi dal Ministero dell’ Interno

50 milioni di italiani al voto per i Ballottaggi amministrativi e i Referendum abrogativi

Referendum: Segni e Guzzetta – “votiamo si contro il Parlamento dei nominati” -.
Ballottaggi: influenzati dalle avventure private di Berlusconi.

ROMA – Le urne saranno aperte oggi dalle 8,00 alle 22,00 e lunedì dalle 7,00 alle 15,00. Si procederà subito dopo con lo spoglio: prima i referendum, poi i ballottaggi. I referendum saranno validi solo se almeno il 50% più uno degli elettori si saranno recati alle urne indipendentemente se voteranno bianca o nulla.
Si recheranno alle urne per i ballottaggi anche gli elettori di 22 province (tra cui Milano e Torino) e di 102 comuni superiori ai 15mila abitanti tra cui Battipaglia [….]

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente