Eboli: Inaugurata Piazza “Luigi Pezzullo”

Doppio cerimonia a Eboli per l’intitolazione a don Luigi Pezzullo della nuova Piazza e la sistemazione urbanistica del Parking di via Adinolfi.

Riconsegnata alla Città la nuova Piazza ricavata dalla realizzazione del Parking interrato di via Fratelli Adinolfi. La Piazza Luigi Pezzullo ospita anche un parco inclusivo per bambini disabili. Il taglio del nastro alla presenza di autorità civili, militari, religiose, della Figlia Mary. Il Sindaco Cariello: ”Oggi si celebra un doppio momento storico per la nostra comunità!”

Eboli-piazza Luigi Pezzullo-inaugurazione-Massimo Cariello-Mary Pezzullo

Eboli-piazza Luigi Pezzullo-inaugurazione-Massimo Cariello-Mary Pezzullo

di Marco Naponiello
per POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI-  Per chi non conoscesse la Storia della Città di Eboli, non potrebbe egli appieno ben comprendere l’importanza che la famiglia Pezzullo ed in specie il suo fondatore  Luigi, hanno avuto per oltre mezzo secolo nell’assetto economico e sociale dell’intero comprensorio eburino e della Piana del Sele. Per generazioni svariate centinaia di ebolitani e non solo, hanno trovato lavoro e dignità nelle industrie Pezzullo (Molini-Pastifici e Mangimifici),il fondatore Luigi partendo da una piccola società negli anni ‘30 , allargandosi in seguito con altri soci negli anni ’50 (S.A.M.P.E. una spa ante liettram insieme ad un altro conosciuto imprenditore del posto Antonio Polito),fino a metà degli anni ’70 ove si trasforma in una società per azioni vera e propria.

Luigi Pezzullo

Luigi Pezzullo

Luigi Pezzullo e suo figlio Sossio (originari di Frattamaggiore) hanno incarnato l’ideale del “buon Padrone”, difatti lavorare al Pastificio era una garanzia, la conduzione familiare era il volano del successo, e successo ebbe la Pezzullo fino all’avvento della globalizzazione. Essi furono operatori economici rinomati in Italia e all’Estero, operanti in vari settori: cerealicolo, pastaio, conserviero ed avicolo – zootecnico, essi sono stati nella conduzione delle aziende famiglia di stampo paternale nei confronti dei loro dipendenti, benevoli e munifici, tanto da essere a tutt’oggi  universalmente rimpianti per la loro grande umanità. Dopo il sisma del 1980 un momento di svolta: il vecchio stabilimento allocato sulla statale 19 al centro cittadino fu via via dismesso in ottemperanza ai dettami normativi (legge 219/1981) e all’obbligo per chi ottenesse finanziamenti ex novo di de-localizzare le attività industriali in apposite aree industrializzate per poter rispettare parametri ambientali e di sicurezza moderni nei centri cittadini.

Sossio Pezzullo

Sossio Pezzullo

Una tale politica  imprenditoriale paternalista, non poteva di certo reggere la  concorrenza cinica della nascente era della globalizzazione come detto poc’anzi, i Pezzullo cosi cedettero man mano delle quote aziendali prima alla Buitoni (azienda leader di pasta alimentare) sul finire degli anni ’80 e poi alla subentrante multinazionale elvetica Nestlè ed in seguito alla cessione di tutta le attività di stampo molitorio, situate in località Pezza Grande nella zona industriale  di Eboli, ad oggi passate di mano alla corporate Newlat,del magnate di origine campagnese Angelo Mastrolia.

Come ogni grande famiglia, purtroppo anche quella in oggetto ha subito delle luttuose vicende dal sapore shakespeariano: dopo la morte del mitico fondatore “Don Luigi” nel 1967 e il subentro nelle gestione del figlio Sossio, avviene la prematura morte di Luigi Jr nel 1979 a seguito di una embolia post immersione a soli 19 anni e il successivo vile trafugamento del feretro, si è aggiunta la recente scomparsa del secondogenito maschio Marino, il 20 novembre u.s. in seguito ad una rovinosa caduta da motocross a 45 anni di età, rimane superstite la figlia di Don Sossio (od anche appellato il Dottore) Mary, abile manager ed amministratrice delegata dell’AgriOvo, l’unica e florida azienda della galassia Pezzullo spa rimasta operante in quel Eboli, in località Grataglie.

mimmo Caso-Luigi Lambertini-Sossio Pezzullo

mimmo Caso-Luigi Lambertini-Sossio Pezzullo

Da ricordare la figura di Sossio (Frattamaggiore2 marzo 1929 – Salerno23 febbraio 2012) che ha ricoperto anche ruoli sociali importanti: fin dagli anni ’80-’90 nel panorama industriale della città è stato molto attivo, sino a portare la sua esperienza in Politica, quando fu eletto Senatore della Repubblica per il Partito Socialista, di cui l’ex ministro Carmelo Conte ne era il Leader. Ricoprì diversi ruoli: membro della Commissione Industria, commercio e turismo dal 1987 all’89, e poi della Commissione permanente Agricoltura e Produzione agroalimentare, e della Commissione parlamentare ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi di partecipazioni statali dall’89 al ’92. Sossio Pezzullo è stato sempre attivo in Confindustria, fino diventarne il presidente a  metà degli anni ’80 ed è stato un costante punto di riferimento irrinunciabile per gli industriali salernitani, e proprio per la sua serietà e per il suo impegno un imprenditore di meritato successo sia nel settore della pasta, che in quello della trasformazione del latte bufalino.

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mary Pezzullo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mary Pezzullo

Mecenate dello sport, ha patrocinato instancabilmente la N.A.G.C. delle giovani leve calcistiche dove si son formati diversi atleti,presidente della Società Sportiva Ebolitana 1925 Football Club oltre alla locale squadra di Rugby, ha cosi rivestito il ruolo di padre nobile della gioventù cittadina per diversi lustri.

Ultimo pensiero doveroso va a quei dipendenti costantemente grati alla famiglia napoletana, i quali con il loro impegno e sotto l’egida benevole dei Pezzullo stessi, crearono nel lontano 1950 il C.R.A.L. (Circolo Ricreativo Aziendale Lavoratori), ove per decenni ed in virtù dell’impegno delle maestranze eburine, si sono organizzate centinaia di apprezzatissime manifestazioni ludico culturali: eventi sportivi,musicali, viaggi e specialmente la “Befana dei Bambini della Pezzullo”, vero appuntamento liturgico e molto atteso dai più piccini, dove ogni Epifania dei ricchi pacchi doni erano distribuiti ai figli dei dipendenti, un esempio di sinergia empatica tra l’imprenditore ed i suoi collaboratori.

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Moscariello-Mary Pezzullo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Moscariello-Mary Pezzullo

La giornata odierna, oltre celebrare idealmente la figura di Luigi Pezzullo, ha una finalità urbanistica con risvolti politici molto importanti, meno nobile forse più prosaica, ma che ha inciso negativamente nell’opinione pubblica ebolitana. Stiamo parlando dei parcheggi interrati di via F.lli Adinolfi, la “ground zero” eburina, (https://www.massimo.delmese.net/?s=parcheggi+adinolfi) ossia quella sgradevole voragine che tante polemiche, strascichi giudiziari tra acquirenti, ditte appaltanti ed Ente comunale, oltre alle comprensibili reiterate paure di eventuali danni strutturali agli edifici circostanti, hanno verbosamente accompagnato la vita collettiva cittadina dal lontano oramai 2009, sotto la vecchia Amministrazione di Martino Melchionda.

Oggi tale triste quanto vergognoso capitolo collettivo fortunatamente si conclude, con la definitiva riappropriazione della cittadinanza di questo spazio centralissimo accompagnato da una sorta di senso della dignità comunitaria riacquistato, un vulnus morale orbene sanato, che fa l’efficiente paio ad un sensibile miglioramento della viabilità congestionata del centro, sia per i veicoli che per i pedoni, uno spazio dunque fruibile e luminoso che abbellisce l’intera città ed arricchisce il già copioso arredo urbano, con comprensibile soddisfazione del sindaco in carica Massimo Cariello e di tutto il suo staff.

Parcheggio interrato via Adinolfi-lavori

Parcheggio interrato Via Adinolfi-lavori

Si è registrata (puntualmente) una polemica ante-inaugurale della Piazza F.lli Adinolfi, ovvero quella riguardante l’opportunità o meno di intitolarla all’illustre industriale pastaio. Infatti sarebbe stata acconcia secondo taluni commentatori la vecchia intitolazione commemorativa risalente alla seconda metà degli anni ’90, riguardante Sofia Costa, una amatissima insegnante e prima consigliera comunale nelle fila dell’allora Partito Comunista Italiano. Una scelta emblematica realizzata dall’Amministrazione dell’epoca targata Gerardo Rosania, la quale riqualificò per prima l’area retrostante la Scuola Elementare Giudice da lustri abbandonata all’incuria, e dunque la polemica si corrobora in vista anche della funzione ludico-pedagogica odierna della zona (cosa che invero insisteva già prima degli scavi), che si avvale dell’ istallazione di un parco giochi per bambini con finalità inclusive, ossia che permetta pure ai loro coetanei con disabilità fisiche o sensoriali (previo opportuni accorgimenti) di usufruirne tranquillamente. Secondo questi osservatori critici pertanto al mitico “Don Luigi”, avrebbe dovuto essere intitolata la strada principale della zona industriale cittadina o meglio l’area a tutt’ oggi dismessa del suo antico opificio situato nel cuore moderno della città (una volta venga questa riqualificata secondo i dettami dell’attuando Project Financing), magari intitolandola con l’emblematica dicitura “Villaggio Pezzullo”.

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Mary Pezzullo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Mary Pezzullo

Ad ogni buon conto ed indipendentemente dalle rispettabili opinioni in merito, le quali scivolano in second’ordine, la nostra Eboli oggi celebra una festa e l’occasione è l’inaugurazione della nuova piazza intitolata al Commendatore Luigi Pezzullo, padre putativo della rinascita economica e sociale della nostra città e si vorrebbe che i suoi spazi trasmettano ai cittadini, di oggi e di domani, la nostra comune Storia di cui possiamo esserne orgogliosi.

Perciò dopo questa lunga e doverosa premessa, una folla impaziente accalcatasi già molto prima l’orario statuito dalla cerimonia,insieme a frotte di giornalisti, autorità civili, militari e religiose, inizia questa giornata che sicuramente rimarrà negli annali civici della Città di san Vito. Voce narrante della manifestazione la giornalista Silvana Scocozza, la quale oltre ad introdurre i relatori della kermesse, ha letto una piccola cronistoria delle tappe aziendali tratta dall’opuscolo di Paolo Sgroia “50anni di Storia C.R.A.L. Pezzullo Eboli”, appresso è stata la volta della benedizione di Don Alfonso Raimo, reggente della parrocchia di San Bartolomeo con la sua breve ma pur toccante omelia, cadenzata dalle orazioni di Santa Romana Chiesa.

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-don Alfonso Raimo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-don Alfonso Raimo

Prima relatrice della giornata, l’assessore ai LL.PP. Matilde Saja, molto soddisfatta per la riapertura dello spazio pubblico a ridosso del salotto della città: ”Oggi inauguriamo dunque una bellissima Piazza con un bellissimo parco giochi per i bambini e la conclusione di un’opera che molti non pensavano sarebbe mai stata portata a termine, oltre alla dedica dovuta ad un imprenditore illuminato che ha sempre mantenuto vivo il rapporto con territorio, un grande debito morale da dover onorare verso la famiglia Pezzullo!

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Saja-Mary Pezzullo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Saja-Mary Pezzullo

Il prof. Vittorio Moscarelli, suggeritore dell’intitolazione al Commendatore Luigi Pezzullo, si è lasciato andare ai ricordi, come la sirena dello stabilimento che scandiva i ritmi giornalieri 4 volte al dì, poi il C.R.A.L. e  le attività ludiche, le colonie ed i veglioni organizzati dalla Ditta, la staffetta lavorativa tra padri e figli,le palazzine per i lavoratori e i pacchi di pasta mensili: ”Poi l’impegno nello sport, nel calcio N.A.G.C. e nel Rugby molto amato dal compianto nipote Luigi. Ringraziamo il Sindaco Cariello per la sensibilità verso questa grande figura umana, oramai entrata a buon diritto nella Storia cittadina!

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Mary Pezzullo-Prete

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Cariello-Mary Pezzullo-Prete

Invece Andrea Prete, presidente di Assindustria Salerno, ha sottolineato di contro, l’importanza sinergica tra lo sviluppo delle aziende e quelle del territorio ove esse sono allocate: ”Noi grazie a queste comunanze tra imprese e cittadini siamo diventati una potenza industriale. E ricordiamo anche Gigi e Marino, scomparsi troppo giovani e una famiglia tragicamente toccata dai lutti; ma in questa bellissima giornata voglio congedarmi con il complimentarmi a tutti voi, grazie!”

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mary Pezzullo

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mary Pezzullo

La nipote del Commendatore, Mary imprenditrice di successo, visibilmente coinvolta dalle parole espresse, ha tenuto da subito a ringraziare i presenti e rimembrato alcuni passaggi fondanti della sua infanzia-giovinezza, primo tra tutti quello della condivisione del benessere della famiglia con la comunità eburina, attraverso anche un connubio da ritrovare tra il pubblico e privato: ”La nostra è stata un’azienda a livello internazionale che ha ricevuto premi ragguardevoli, mio padre  è stato anche per 5 anni anche Senatore della Repubblica, sempre proteso,come mio nonno al benessere della collettività. Mio fratello Marino ha seguito poi le orme familiari – con voce rotta da un singulto– a cui va tutto il mio amore ed il mio ricordo!” Conclude l’imprenditrice:”Mi fa piacere che il Sindaco abbia voluto intitolarla alla mia famiglia, ricordo le nostre attività sociali, con il mitico Don Gino Patron, e mi fa piacere il ricordo che ancora persiste ed i sentimenti sinceri e genuini di gratitudine, verso il benessere che ha cercato di dare la mia famiglia!

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Massimo Cariello

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Massimo Cariello

Le conclusioni come di prammatica toccano al Sindaco Massimo Cariello, il quale dopo i rigorosi ringraziamenti di rito ai relatori presenti, inizia: Oggi giornata storica, recuperiamo uno spazio degradato da troppi anni, ci sono vari aspetti da sottolineare: Adesso è la nostra Eboli ancora più bella! Stamane termina pertanto il degrado prolungato per troppi anni di questa zona, noi ci siamo impegnati e riusciti a rimarginare la ferita facendo posto ad una nuova pelle. Un area recuperata Piazza Luigi Pezzullo, un punto di ritrovo naturale per la sua centralità,per famiglie e bambini,con giostre inclusive accessibili a tutti i bambini, è solo un primo passo ma molto importante!Oltre al ringraziamento per Mary in questo momento difficile per il recente lutto, ha sottolineato il primo cittadino, la grandezza dell’imprenditore e dell’uomo Luigi Pezzullo: ”Per l’impegno costante alla crescita della nostra comunità, ponendo le basi per l’economia e  lo sviluppo del sociale, la fabbrica come un microcosmo di sviluppo delle persone. Sono fiero come Sindaco ed ebolitano che questa piazza porti il nome di Luigi pezzullo, come la stragrande maggioranza degli ebolitani. Io stesso ho avuto contezza, per ragioni di famiglia dell’umanità di Luigi e Sossio Pezzullo, che erano vicini sempre ai problemi delle maestranze anche a livello personale,una grande storia che merita tutte queste belle parole adesso spese: W l’Italia W Eboli!

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mimmo Spinelli.

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Mimmo Spinelli.

In appendice di questa gioiosa giornata ebolitana, dopo la scopertura della targa fatta a quattro mani tra  il Sindaco Cariello e la D.ssa Pezzullo, riceviamo e volentieri pubblichiamo in esclusiva per POLITICAdeMENTE  due autorevoli dichiarazioni tra i protagonisti dell’appuntamento odierno commemorativo: la prima del coordinatore della commissione comunale toponomastica, il Prof. Domenico Spinelli: Sta molto a cuore a me come a tanti ex dipendenti che hanno spinto per l’intitolazione al commendatore Luigi Pezzullo della Piazza, e un grazie sentito va al Sindaco Massimo Cariello e alla sua maggioranza che ha portato avanti la lodevole iniziativa. Egli più che un imprenditore, era un padre per i suoi tanti dipendenti i quali li aiutava sia moralmente che economicamente anche nei loro personali bisogni,casi oggigiorno di rara umanità!

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Saja-Cariello-Mary Pezzullo-Prete

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-Saja-Cariello-Mary Pezzullo-Prete

La seconda alla protagonista dell’evento, unica erede rimasta di Sossio Pezzullo e nipote del commemorato Luigi, una grande dinastia imprenditoriale di provincia ingiustamente punita nei suoi affetti più cari da un fato cinico e baro, ovvero la dottoressa Mary Pezzullo, circondata alla fine della cerimonia dagli ex dipendenti giunti in massa oramai pensionati da anni, che con fare grato e commosso le hanno rivolto parole di eterna stima e gratitudine: ”Sento ancora forte il legame con Eboli e degli ebolitani con la mia famiglia e l’affluenza di stamane dimostra il grande affetto immutato; tanti sono i ricordi che mi sovvengono:la Befana Pezzullo, l’unione costante nel tempo con la Città e la speranza della rinascita imprenditoriale della stessa! Poi commossa sul limitare della propria dichiarazione alla stampa ricorda il giovane fratello Marino recentemente scomparso, dopo Luigi Jr nel lontano 1979, a cui son stati tributati un lungo, sentito applauso dagli astanti: ”Mio fratello Marino aveva recentemente rilevato e con successo la gestione del Mangimificio Meridionale oramai dismesso da anni, che ora a causa della sua scomparsa viene gestito da me, in continuità con le altre attività nostre familiari, grazie della vostra disponibilità!”

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-pubblico

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-pubblico

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-pubblico

Piazza Luigi Pezzullo-Intitolazione-pubblico

Piazza Luigi Pezzullo-Inaugurazione-pubblico

Piazza Luigi Pezzullo-Inaugurazione-pubblico

Eboli  19 marzo 2017

5 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Quando c’è un problema è colpa dell’amministrazione precedente , se , al contrario , ci sono dei vantaggi è merito vostro.
    Caro sindaco sei quasi a metà mandato e attendiamo ancora qualche cosa fatta esclusivamente da questa amministrazione, attendiamo con pazienza ma credo che attenderemo invano.
    Il 2020 arriverà presto , se non vi incartate prima.

  2. IN FIN DEI CONTI, TOLTI I POLITICI E PARENTI, LO STAFF ORGANIZZATORE,I PROMOTORI, QUALCHE EX DIPENDENTE ED I BIMBI PRECETTATI, DI POPOLO EBOLITANO CE NE è STATO POCO!

  3. Ci vuole veramente una grandissima faccia tosta a prendersi il merito di una cosa per la quale questo Sindaco non ha fatto assolutamente niente.

  4. è sicuramente capacità politica vendersi quello che non hai fatto!!Si poteva fare meglio, si poteva fare una piazza con più verde con più alberi invece che cemento…neppure questo si è osservato…si potevano evitare polemiche sull’assegnazione del chioscho (pare verso un parente assessore Ginetti o altro)…utilizzare meglio…
    Adesso sono curioso di capire come migliorare la viabilità visto che la strada non comunica più sul viale….sono curioso di vedere la sistemazione di via adinolfi che collega la piazza a via carlo rosselli..dovrebbe esserci sistemazione marciapiedi, illuminazione, fognature, etc etc….vediamo di completare l’opera.

  5. laciat pazzià ancor nat poc!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente