SeaFood Bruxelles. Il M5S denuncia: Dalla Regione nessuna tutela per il settore Ittico

Campania, M5S: Nostra delegazione al SeaFood di Bruxelles, Regione all’anno zero in materia di pesca.

I Consiglieri Regionali del M5S Cammarano e Cirillo: «Occorre dare certezze agli operatori del settore ittico la pesca costituisce un volano fondamentale per l’economia campana».

Luigi Cirillo-Michele Cammarano-SeaFood-Bruxelles

Luigi Cirillo-Michele Cammarano-SeaFood-Bruxelles

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

NAPOLI – «Siamo stati con una nostra delegazione in visita al SeaFood di Bruxelles, dove erano presenti numerosi operatori della Regione Campania, – si legge in una nota pervenutaci dai consiglieri regionali del M5S Luigi Cirillo e Michele Cammarano di ritorno dalla capitale europea – abbiamo trovato la conferma di tutti i limiti della politica regionale in materia di pesca: Mancanza di programmazione, mancanza di mediazione, mancanza di rappresentanza nelle sedi istituzionali nazionali e europee e cosa assurda e vergognosa la mancata adozione del regolamento che disciplina la pesca marittima e dell’acquicoltura.

Se da un lato ci sono ancora piccoli e grandi pescatori, operatori appassionati che credono nella pesca campana – sottolineano Cammarano e Cirillo – dall’altro c’è una regione del tutto disinteressata al settore, alle sue potenzialità e al suo valore sociale soprattutto nelle aree periferiche del nostro territorio. Da oltre tre anni si è in attesa dell’attuazione del regolamento – denunciano – nonostante interrogazione, richieste di audizioni e sollecitazioni è tutto colpevolmente fermo.

Occorre fare presto e tutelare le nostre eccellenze – evidenziano i due consiglieri – come la tutela della pesca del presidio cilentano Slow Food delle Alici di Menaica e l’attività dei piccoli pescherecci. – Ribadiamo ancora una volta – che il presidente Vincenzo De Luca e il consigliere Franco Alfieri hanno la responsabilità politica di intervenire – spiegano – in un settore di loro esplicita competenza, e non di deputati, ministri o altri. Spetta alle Regioni e non ad altri la materia del governo del settore ittico – proseguono – la mancanza dell’esercizio di questo governo è indice quantomeno di inerzia e di grave inadempimento verso i pescatori, le aziende e le aziende collegate all’indotto.

Occorre dare certezze agli operatori del settore ittico – concludono Cammarano e Cirillo la pesca costituisce un volano fondamentale per l’economia campana».

Napoli, 26 Aprile 2017

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente