Eboli: Il Consiglio approva il Piano Casa

Il Consiglio Comunale ha approvato i provvedimenti urbanistici per il rilancio dell’edilizia e lo sviluppo dell’area PIP.

Nel rispetto del PUC ed in attesa della sua approvazione definitiva, il Consiglio ha approvato gli indirizzi strategici per la città e la sicurezza dei cittadini, a cominciare dalla prevenzione dei rischi sismici ed idrogeologici. Il Piano Casa prevede di dare risposte ai bisogni abitativi delle famiglie in condizioni di disagio economico e sociale, incrementando il patrimonio di edilizia residenziale pubblica.

MASSIMO CARIELLO STEMMA

MASSIMO CARIELLO STEMMA

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Il consiglio comunale, nella seduta di ieri sera, ha approvato il provvedimento sugli indirizzi di attuazione del cosiddetto “Piano Casa” nel territorio comunale. L’obiettivo dell’Amministrazione comunale e della maggioranza consiliare, centrato con il voto consiliare, mira a tradurre in atti concreti gli orientamenti della norma regionale che riguardano il contrasto alla crisi economica, la tutela dei livelli occupazionali, lo stimolo all’utilizzo delle energie rinnovabili, l’incremento del patrimonio di edilizia residenziale pubblica e privata, anche attraverso interventi di riqualificazione di aree urbane degradate o esposte a particolari rischi ambientali ed anche sociali.

Nel rispetto del PUC ed in attesa della sua approvazione definitiva, il Consiglio comunale ha varato indirizzi strategici per la città e per la sicurezza dei cittadini, a cominciare dalla prevenzione dei rischi sismici ed idrogeologici. Il cosiddetto piano casa prevede inoltre di dare risposte ai bisogni abitativi delle famiglie in condizioni di disagio economico e sociale, incrementando il patrimonio di edilizia residenziale pubblica.

Massimo Cariello Consiglio comunale

Massimo Cariello Consiglio comunale

«Abbiamo messo in campo un piano che garantisce tutti, grazie ad uno straordinario lavoro di squadra – commenta il sindaco, Massimo Cariello -. Ringrazio veramente tutti, dalle competenze tecniche del consigliere Mario Domini all’impegno del presidente di commissione Pierluigi Merola, alla partecipazione attiva di tutti i consiglieri di maggioranza che hanno permesso di raggiugere questo grande obiettivo. Abbiamo voluto rispettare le nostre priorità, che riguardano la riduzione del consumo di suolo, la riqualificazione delle aree degradate, l’incremento dell’edilizia residenziale ed il rispetto delle esigenze delle famiglie più disagiate».

Sul piano politico, il sindaco Cariello stigmatizza le posizioni assunte dall’opposizione: «Abbiamo varato un piano innovativo che garantisce la crescita al territorio e l’assenza dell’opposizione indica l’incapacità della minoranza di formulare proposte e programmazioni. Anzi, gli unici due rappresentanti dell’opposizione presenti, Sando Venerando Fido e Damiano Cardiello, ancora una volta hanno remato contro lo sviluppo di Eboli, votando negativamente sia all’impulso all’edilizia, sia allo sviluppo dell’area PIP».

Della soddisfazione della maggioranza si fa interprete il consigliere Mario Domini: «Iniziano ad intravedersi azioni di pianificazione e visione di lungo periodo di questa Amministrazione, che non potevano non passare per l’urbanistica. Mi auguro che esse siano da stimolo ad avere una visione di lungo periodo in tutti i settori per poter disegnare la città che vogliono i cittadini in termini di servizi, vivibilità e soprattutto lavoro. La strada è ancora lunga, per questo si chiama visione di lungo periodo».

Eboli, 8 agosto 2017

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. premesso che questo articolo è stato scritto con i piedi perché non dice nulla e ripete sempre le stesse cose invertendo gli aggettivi e i sostantivi, vi spiego il voto contro di qualche membro dell’opposizione: loro sono abituati da ordini familiari a costruire in campagna. il consumo di suolo gli viene facile.

  2. Secondo voi se il Sindaco dovesse spiegare che cosa hanno approvato, ci riuscirebbe ? Questi comunicati sono stucchevoli non entrano mai nel merito del provvedimento ma servono solo a distribuire ringraziamenti e a complimentarsi a vicenda non si sa per che cosa.

  3. Ecomiabile lo spirito del “Piano casa” cioè dare la possibilità di consegnare una casa a chi non può permetterselo ma avrei qualcosa da aggiungere (da semplice cittadino):
    – se non sono in grado di pagare un fitto, seppur minimo, in cambio di questa concessione i beneficiari (qualora non avessero la fortuna di lavorare) cosa daranno in cambio al Comune? Qualche ora al giorno di lavoro di volontariato potrebbe essere una soluzione;
    – la realizzazione di altre costruzioni è necessaria anziché lavorare per recuperare l’esistente? (il consumo continuo del suolo è un dramma che presto ci porterà a conseguenze inimmaginabili);
    – cosa si sta facendo per combattere l’abusivismo edilizio (avvelenata continua a parlare di ville di amici degli amici in località Prato)? sarebbe il caso che l’amministrazione intervenga duramente e che avvelenata faccia sapere alle autorità competenti chi è questo genio che fa quel cazzo che gli pare

    • @ armando: caro armando hai pienamente ragione. Devo premettere una cosa il marcio viene da lontano. ti spiego: il colpevole principale è Grardo Rosania, Vezio de Lucia e amministrazione del tempo, poi in seguito Caldoro e infine quest’amminsitazione. in un altro post ti dico dove solo le case e intuisci i propreietari

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente