Editoria: Il Sottosegretario Crimi è inadeguato, denuncia l’On. Casciello

Forza Italia con l’On. Casciello sull’Editoria: Il Sottosegretario Crimi è l’uomo sbagliato nel posto peggiore. 

Il Parlamentare azzurro e giornalista Gigi Casciello: “Pronto a difendere in Parlamento l’ordine dei Giornalisti”; Contro Crimi che quando non dorme è nemico della democrazia e dell’informazione libera. 

CascielloGigi

CascielloGigi

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

ROMA – «L’ennesima stucchevole polemica del sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi, – Scrive in una dura nota l’onorevole Gigi Casciello, deputato di Forza Italia, a proposito del botta e risposta tra Crimi e l’Ordine dei Giornalisti – l’uomo sbagliato nel posto peggiore, conferma come questo governo, già per il solo fatto di affidargli la responsabilità di un settore cruciale, sia nemico della democrazia, dell’informazione e della professionalità.

Da giornalista professionista di lungo corso e da parlamentare che per primo ha pubblicamente ricordato a Crimi, più di una volta, che quando esprime giudizi sommari su giornalismo e giornalisti non sa di cosa parla, – Prosegue il Parlamentare azzurro Gigi Casciello, tra l’altro giornalista e direttore di diverse testate giornalistiche – accolgo immediatamente l’appello lanciato dal presidente nazionale dell’Odg, Carlo Verna: in Parlamento continuerò a far sentire, sempre più forte, la voce dei giornalisti contro l’intollerabile e arrogante atteggiamento del sottosegretario Crimi che manca di rispetto a un Ordine che tra l’altro ha già inoltrato una propria proposta di riforma.

vito-crimi

vito-crimi

Non si può consentire a Crimi e al Movimento 5Stelle, con le loro idee astratte e confuse, di mortificare una professione e migliaia di professionisti. – aggiunge Casciello ricordando a Crimi il tipo di democrazia “obbediente” a cui volontariamente si sottopongono – Loro che hanno irresponsabilmente tagliato i fondi dell’editoria per il pluralismo, parlando di fine di presunte caste ma ignorando che a perdere il lavoro tantissimi giornalisti e poligrafici che si sono messi insieme costituendosi in cooperative per tener vivi i giornali in tempi di crisi tremenda – prosegue l’onorevole Casciello ricordando ancora all’inadeguato sottosegretario Crimi il voto di obbedienza a cui è sottoposto e il tentativo di distruggere ogni ostacolo alla malata e quanto mai “interessata” democrazia diretta in capo alla Ditta Casaleggio per affermare ed estendere all’intero Paese quel verbo malato della obbedienza, proprio quella che i giornalisti respingono e combattono -. Loro che non vorrebbero l’Ordine perché credono che l’informazione sia solo qualche post sui social e soprattutto le condivisioni dei contenuti della loro macchina da soldi chiamata piattaforma, esempio emblematico della deriva del mestiere di giornalista. Crimi e i 5Stelle hanno imposto questa idea, d’improvvisazione e dilettantismo, anche al giornalismo dopo averlo già fatto con la politicaconclude il parlamentare di Forza Italia -. Ed è questo il vero dramma, cui io di sicuro non mi rassegnerò”.

Roma, 25 luglio 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente