Compra italiano: La campagna di FN per superare la crisi

È Natale, e FN Eboli e l’Associazione “Lega della Terra” invitano a “Comprare italiano”. 

“Compra italiano” e “L’Italia prima di tutto e tutti!”, sono gli slogan propagandistici ma anche una naturale soluzione per FN, “per aiutare l’economia italiana contro le nazioni che ricorrono a dazi protezionistici di vario genere in sostegno delle loro attività mentre tutto ci viene negato perché “ce lo chiede l’Europa”.

Compra italiano-FN Eboli

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «Anche quest’anno il Natale sta arrivando ed ovviamente tutti sono indaffarati nell’acquistare i doni per i propri cari; non bisogna dimenticare, tuttavia, che anche questo gesto di gioia può essere utile ad aiutare la nostra martoriata economia. – Dichiara il Segretario Cittadino di Forza Nuova Eboli Baffa VincenzoLa sezione ebolitana di Forza Nuova, unitamente all’associazione “Lega della Terra”, invita tutti ad acquistare i regali di Natale ed i vari prodotti alimentari esclusivamente di produzione nazionale.

Lo slogan “compra italiano – conclude Vincenzo Boffanon vuole essere una semplice trovata propagandistica ma è una naturale soluzione per aiutare l’economia italiana in un periodo nel quale molte nazioni ricorrono a dazi protezionistici di vario genere in sostegno delle loro attività mentre a noi tutto ciò viene negato semplicemente perché “ce lo chiede l’Europa”. L’Italia prima di tutto e tutti!»

Forza Nuova pur partendo da una motivazione giusta, quella di aiutare l’economia italiana, la produzione e il commercio, propone una soluzione sbagliata o quanto meno inappropriata rispetto ai mercati stessi, immaginando per un attimo se tutti, proprio tutti: Francesi, Spagnoli, Inglesi, Tedeschi; facessero la stessa cosa quali sarebbero le conseguenze. Innanzitutto salterebbe i liberi scambi, ed innanzitutto a perderci sarebbe proprio l’Italia che segna un forte utile tra i prodotti importati rispetto a quelli esportati.

Sarebbe il caso, anziché promuovere un’autarchia mondiale, di perseguire iniziative a favore del mondo produttivo, agevolando il credito alle imprese, ma anche con la protezione del lavoro dei salari e degli stipendi, unitamente ad iutare anche la distribuzione e il commercio, sviluppando una decisiva azione di contrasto al lavoro nero e quello sfruttato, e soprattutto spostando l’asse della competitività non sul costo del lavoro, che mette in contrasto i lavoratori dei paesi sottosviluppati e quelli d’Europa ma sulla qualità del lavoro e delle produzioni.

E se Trump mette i dazi ci dobbiamo convincere che non dobbiamo seguirlo, semmai immaginare che le sue politiche lo stanno portando all’impichmant e immaginare che il Mondo possa andare diversamente da quello che vuole e di quelli che vorrebbero i sovranisti nostrani.

Eboli, 18 dicembre 2019

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente