Emergenza Coronavirus, Piano Regione Campania e il ruolo centrale dei Patronati

Crisi Covid-19: Pioggia di milioni in Campania dal Piano Regionale di De Luca e il ruolo centrale dei servizi gratuiti dei Patronati. 

Roberto De Cesare ACAI-Enas:Il Patronato si occupa di fornire al cittadino, consulenza assistenza per il conseguimento di prestazioni soci-assistenziali e sanitarie o di benefici vari a cui ha diritto, attività svolte sotto la vigilanza del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, completamente gratuite.

Roberto De Cesare

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Il 4 aprile scorso il Presidente della Giunta Regionale della Campania Vincenzo De Luca con il contributo delle proposte pervenute da istituzioni locali, gruppi politici, organizzazioni sociali, sindacali e imprenditoriali, istituzioni bancarie, il volontariato e le organizzazioni religiose, ha definito il Piano Socio Economico della Regione Campania per fronteggiare la crisi economica procurata dalla pandemia da Coronavirus, predisposnendo un primo e massiccio stanziamento di fondi regionali di oltre 604 milioni di euro, portato successivamente a 900 milioni di euro per garantire la completa copertura delle integrazioni alle Pensioni minime e gli Assegni sociali a 1000 € per i mesi di maggio e giugno.

Intanto si sta completando il lavoro per la definizione della platea dei beneficiari di tutte le misure di sostegno previste dal Piano della Regione, e per l’attivazione della piattaforma informatica che consentirà semplificazioni e accesso ai benefici per i cittadini, o per chi si rivolge ai Commercialisti, oppure ai CAF autorizzati.

Vincenzo De Luca

Inoltre, a conclusione del lavoro, si è definito l’iter per un’altra misura straordinaria di sostegno alle imprese, con l’operazione finanziaria dei “mini bond” garantiti dalla società della Regione “Sviluppo Campania”. Un’operazione di sostegno al credito importante che va a integrare il Piano Socio Economico della Campania, e che sarà utilissima nei prossimi mesi.

Tra le misure principali assunte dalla Regione si segnala:

  1. Contributo alle famiglie con disabili
  2. Pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi
  3. Contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali
  4. Bonus a professionisti e lavoratori autonomi
  5. Bonus alle aziende agricole e delle pesca
  6. 30 milioni per il comparto del turismo

Scarica il documento:

Piano Socio Economico della Regione Campania contro la crisi

Una serie di provvedimenti e una pioggia di milioni di euro, da una Regione già provata di per sé e che sta facendo di tutto e più di tutto per uscirne fuori da questa ulteriore crisi, che le fa correre il rischio di azzerare quelle attività che a fatica hanno retto e che potrebbero non reggere, trascinando nel baratro lavoratori, famiglie, professionisti, imprese e soprattutto chi, pur non avendo un lavoro fisso, stagionale o precario, potrebbe non rialzarsi più. Provvedimenti e fondi, che in un momento di distanziamento sociale potrebbe essere anche difficile accedervi e di qui il ruolo dei Patronati, previsti per legge, che intervengono a tutelare dei diritti individuali di qualsiasi cittadino presente sul territorio italiano o estero.

Tutela e assistenza completamente gratuita.

Servizi ai disabili

«Tutela e assistenza completamente gratuita e per tutti i cittadini che si rivolgono ai Patronati – come ci spiega, ci sottolinea e precisa Roberto De Cesare dell’ACAI-ENAS – I quali Patronati hanno anche poteri di rappresentanza ed operano – e a chiari lettere sottolinea, in risposta anche a talune notizie di stampa – senza scopi di lucro.

In termini pratici – prosegue De Cesare – va precisato che il Patronato si occupa nelle sue attività di consulenza ed assistenza finalizzate al conseguimento delle prestazioni soci-assistenziali e sanitarie a cui ha diritto il cittadino-richiedente, e queste attività vengono svolte sotto la vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Si può fare un elenco lunghissimo delle pratiche che svolge il Patronato, dalle domande di pensioni alle disoccupazioni, dalle maternità ai permessi L.104, dai contributi ai versamenti volontari, anche le pratiche di immigrazione ed emigrazione da inoltrare ai vari Enti INPS, INAIL, ENASARCO ed altri provvedimenti legati al Piano Socio Economico della Regione Campania per fronteggiare la crisi economica procurata dalla pandemia da Coronavirus, fornendo assistenza e avviando le procedure per garantire ai cittadini i benefici economici per pensionati minimi, titolari di assegni di invalidità, lavoratori, famiglie, imprese, professionisti, commercianti.

Il ruolo dell’operatore di Patronato è quello di semplificare la burocrazia tra Enti e cittadini. – aggiunge Roberto De Cesare dell’Acai-Enas – Proprio in questi mesi, con l’emergenza covid-19 che ha visto l’Italia in seria difficoltà, siamo stati al fianco delle Istituzioni di ogni ordine e grado e dei cittadini.

Migranti_braccianti

Difatti con i primi interventi decreto cura Italia finanziati dal Governo, – aggiunge ancora De Cesare – bonus 600,00 euro, per i lavoratori non percettori di RDC e di pensione diretta: agricoli, dipendenti licenziati nel settore del turismo e termali, lavoratori autonomi artigiani, commercianti coltivatori diretti liberi professionisti iscritti alla gestione separata. Ogni operatore di Patronato, dietro anche un coordinamento Nazionale, ha svolto e sta ancora svolgendo il disbrigo delle suddette pratiche, non solo le domande che riguardano l’emergenza.

Attraverso sms e Whatsapp, con telefonini privati, si è provveduto  ad informare i lavoratori che avevano i requisiti, per inoltrare le domande e con il loro consenso, senza uscire dalle proprie abitazioni, sono state inoltrate le domande all’INPS a volte con grandi difficoltà telematiche. – conclude il responsabile ACAI-ENAS di Eboli Roberto De Cesare indicando metodi e procedure adottate per i cittadini che si sono rivolti e si rivolgeranno al Patronato, ovviamente rassicurando, servizi totalmente gratuiti – Molti sono i cittadini poco pratici nei sistemi informatici, pertanto, proprio in occasione dei prossimi decreti che la nostra Regione Campania si appresta a deliberare, si spera di condividere con i Patronati la possibilità di essere utili in questa fase caotica e di poter spiegare i provvedimenti e gli invii delle domande a tutti i cittadini».

Ora si attende che l’ultimo Decreto del Governo Conte sarà ampliato accogliendo le richieste del Governatore della Campania De Luca estendendo a tutta Italia le misure adottate dalla Campania, specie relativamente alle misure per le famiglie, per i pensionati e per i più deboli. Il Premier Conte ascolterà De Luca? Noi speriamo di sì, specie dopo tutti i casini che sono successi in Lombardia e Veneto a trazione Leghista e la signora logorroica  FdI, con il beneplacido dell’ex Cavaliere di Arcore.

piano-emergenza-socio-economica-us-n-89-del-04-04-2020 (2)

Ecco i quadri semplificati e di tutte le misure finanziate. 

Piano Regione Campania misure sostegno politiche sociali 2

Regione Campania misure in favore delle politiche sociale2

Quadro_Misure_Piano_Regionale_Campania_Covid_3

Quadro_Misure_Piano_Regionale_Campania_Covid_4

Quadro MISURE Piano Regionale Campania Covid_5

Eboli, 11 aprile 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente