Eboli: “Attacco” da Covid di Confesercenti al PD

Meglio tardi che mai“: Confesercenti territoriale Eboli in una dura nota politica attacca il gruppo PD cittadino. 

Confesercenti con 10 “forse” sferra al PD un attacco frontale ma anche un rimprovero e un accusa per la sua scarsa presenza sulle tematiche territoriali affrontate negli anni. “La citta’ e’ viva ed esiste se oltre al commercio, al turismo funziona tutta la citta’. Confesercenti territoriale di Eboli agisce in questo modo“.

Donato_Santimone_ foto_Politicademente

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota politica di Confesercenti territoriale Eboli, un vero e proprio attacco politico al Partito Democratico cittadino, all’indomani di un suo comunicato diramato nell’occasione della ripartenza, la così detta Fase 2 che dovrebbe accompagnare il Paese fuori dalla crisi da Coronavirus e aiutare la ripresa economica.

Meglio tardi che mai“, scrive Confesercenti territoriale Eboli, con la penna “avvelenata” del suo responsabile Donato Santimone, nella sua dura nota politica, attraverso la quale Confesercenti con 10 “forse” sferra al Partito Democratico e al suo Gruppo consiliare, un attacco frontale ma anche un rimprovero e un accusa ben precisa addebitandogli una scarsa presenza sulle tematiche territoriali affrontate negli anni, sebbene questi sia il Partito che governa Provincia, Regione, e con LeU e il M5S il Governo Nazionale.

Le ragioni del l’affondo partono dall’ultimo comunicato stampa del Gruppo ebolitano del PD, il quale sebbene viva in un equivoco politico dal momento che pur trovandosi all’opposizione dell’amministrazione Comunale, si trova, a seguito del “movimentismo” istituzionale della stessa Amministrazione, a vivere una “convivenza” politica da “alleanza allargata” al punto che all’abbisogna, quando deve attribuirsi meriti esalta la sua appartenenza alla Giunta Regionale e ne rimarca vicinanza ai suoi massimi esponenti, Luca Cascone, Franco Picarone, Vincenzo De Luca in testa, quando al contrario intravede delle difficoltà si rivolge per tramite di interrogazioni o interventi diretti al Sindaco Massimo Cariello anch’egli parte di quel Partito della Filiera Istituzionale. Di qui l’attacco da Covid di Confesercenti al PD locale.

«Abbiamo appreso dalla stampa – si legge in una nota di Confesercenti Territoriale di Eboli – che il Pd di Eboli in una nota a firma dei consiglieri comunali che lo rappresentano si e’ accorto della crisi nella quale e’ piombato il settore del commercio e del turismo.

Meglio tardi che mai.

Eppure  sono il partito che governa la Regione, la Provincia, ed e’ presente nel governo nazionale. Appartengono pero’ al partito che negli ultimi anni aveva teorizzato che gli organismi intermedi: sindacati, associazioni di categoria, associazioni di imprese non servissero piu’. A Eboli ci sono cascati di nuovo.

La Confesercenti e’ l’unica associazione con tesserati, sedi, organismi dirigenti, che fa iniziative, informa cittadini, famiglie, imprese e che in queste settimane non ha mai smesso di essere operativa pur con tutte le cautele e precauzioni.

Il Pd ebolitano forse non si e’ accorto di questo. Eppure viene sistematicamente invitato alle nostre iniziative alle quali pero’ con la stessa disattenzione e’ puntualmente assente.

Siamo contenti che oggi si sia risvegliato.
Forse non sa o non trova il tempo di verificare che alcune proposte del loro comunicato stampa sono piu’ che populiste perche’ le richieste che formulano nascondendosi dietro alla sigla ‘’Commercianti ebolitani‘’ di apertura con altre modalita’ dei pubblici esercizi e di altre attivita’ commerciali sono figlie del Dpcm governativo e delle ordinanze del Presidente della Regione Campania a guida Pd.

Forse non sa che il fondo straordinario di sostegno alle piccole imprese e’ stato appena proposto dalla Confesercenti nella riunione col Sindaco di Eboli  dello scorso  lunedi’ 27 aprile.

Forse non sa il Pd ebolitano che la moratoria sui tributi comunali e sulle aliquote irpef e’ stato richiesto dalla Confesercenti gia’ all’inizio del lock-down.

Forse non sa il Pd ebolitano  che abbiamo chiesto la cancellazione oppure drastica riduzione della quota a carico delle famiglie per gli asili nido.

Forse non sa il Pd ebolitano che per ridurre la tassa sui rifiuti a favore delle imprese abbiamo proposto di incentivare la consegna direttamente all’isola ecologica.

Forse non sa il Pd ebolitano che abbiamo proposto di non privatizzare le spiagge pubbliche concedendole ai lidi gia esistenti e invece costruire delle spiagge pubbliche attrezzate e vigilate dai percettori di reddito di cittadinanza, guardie ambientali, protezione civile per consentire a tutti i cittadini, specialmente a chi avra’ meno reddito di godere del mare e delle spiagge del nostro litorale. Abbiamo annunciato pubblicamente che nel caso si percorra questa strada saremo pronti a ricorsi in ogni sede amministrativa e ordinaria.

  1. Forse non sa che abbiamo proposto una banca del tempo.
  2. Forse non sa che abbiamo proposto di stimolare ulteriormente il vero volontariato a sostegno degli anziani.
  3. Forse non sa che abbiamo proposto una rivoluzione degli orari della citta’, che peraltro diventera’ obbligatoria per garantire il distanziamento sociale.
  4. Forse non sa che abbiamo proposto da tempo di modificare il regolamento di polizia urbana per riavere di nuovo una vera pattuglia annonaria che contrasti abusivismo, aumenti indiscriminati dei prezzi e dia certezze ai cittadini e alle imprese in orari anche notturni oltre le h 21,30.
  5. Forse non sa il Pd ebolitano che abbiamo proposto piste ciclabili e bike sharing per limitare l’aumento previsto delle automobili private e diminuire gli inquinanti atmosferici veicolo ormai accertato del covid19
  6. Forse non sa il Pd ebolitano che abbiamo proposto che l’amministrazione proponga a Apple Huawey e altri di adottare una scuola ebolitana e informatizzarla completamente. Abbiamo proposto la scuola piu’ periferica e con meno strumenti tecnologici.
  7. Forse non sa il Pd ebolitano che abbiamo proposto un grande piano di digitalizzazione della citta’.
  8. Forse non sa il Pd ebolitano che abbiamo proposto la definitiva chiusura alle auto del centro antico.
  9. Forse non sail Pd ebolitano che abbiamo proposto per gli esercizi pubblici la concessione gratuita di spazi esterni di suolo pubblico ma anche privato.
  10. Forse non sa il Pd ebolitano che da anni chiediamo la istituzione di un vero, autentico, efficace ufficio turismo che governi, indirizzi, proponga e stimoli l’economia ad esso collegata.

Il Pd ebolitano evidentemente tutto questo non lo sa o forse non lo sapeva. La Confesercenti in questa citta’ e’ presente da oltre 30 anni.

Oggi nel tempo del Covid 19 e’ ancora piu’ presente e non si occupa solo delle piccole imprese perche’ sappiamo, ci hanno insegnato che la piccola impresa e’ un pezzo della citta’.

La citta’ e’ viva ed esiste se oltre al commercio, al turismo funziona tutta la citta’. Confesercenti territoriale di Eboli agisce in questo modo.

Eboli, 30 aprile 2020

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente