Emergenza maltempo nel salernitano: Subito lo stato di calamità naturale

Il maltempo si abbatte su Salerno e provincia. L’On. Piero De Luca (PD) e CIA chiedono il riconoscimento dello stato di calamità naturale.

Sull’emergenza Maltempo, l’On. Piero De Luca(PD: “Solidarietà alle comunità colpite dall’emergenza.  Subito al lavoro per lo stato di calamità naturale”. Gaetano Pascariello (CIA): “Danni all’agricoltura e alle infrastrutture agricole, serre ed apprestamenti aziendali, alle produzioni sotto serra ed alle coltivazioni a maturazione autunnale come olive, vino, castagne”.

Emergenza maltempo Tromba d’aria a Salerno

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Il mal tempo si abbatte sull’agricoltura salernitana, fa rilevare la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) per i danni alle infrastrutture agricole, serre ed apprestamenti aziendali, danni alle produzioni sotto serra ed alle coltivazioni a maturazione autunnale come olive, vino, castagne. Fa eco alla CIA e al suo Presidente Gaetano Pascariello, il parlamentare salernitano del PD Piero De Luca: Entrambi chiedono e preannunciano di adoperarsi, ognuno per la propria parte, affinché vi sia il riconoscimento dello Stato di Calamità naturale.

Piero De Luca

Esprimo vicinanza e solidarietà ai Sindaci e alle comunità colpite dal violento nubifragio che in queste ore si è abbattuto sul Comune capoluogo e su tanti territori a nord e a sud della nostra Provincia”. – Dichiara in una nota l’on. Piero De Luca – “Non posso che essere vicino a tutte le famiglie che stanno vivendo momenti di grande difficoltà per allagamenti, crolli e altri danni che si sono verificati a seguito di queste incessanti e abbondanti piogge.

Ho sentito il Presidente della Provincia Michele Strianese ed altri amministratori impegnati in queste ore di emergenza straordinaria, e ho espresso loro il mio pieno sostegno e la mia forte vicinanza. – aggiunge De Luca – Sto valutando tutte le azioni possibili da assumere a sostegno della nostra comunità presso il Governo e le altre sedi istituzionali competenti, ma prima di tutto ho iniziato ad attivarmi per accompagnare e supportare gli amministratori nella richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale per i territori della Provincia di Salerno maggiormente colpiti. – conclude l’On. Piero De Luca – Un ringraziamento sentito va alla Protezione civile, alle forze dell’ordine, ai vigili del fuoco e a tutti volontari -conclude il deputato Dem- che in queste ore stanno prestando soccorso in condizioni davvero difficili”.

Gaetano Pascariello

«È il triste bilancio causato degli eventi atmosferici a carattere calamitoso, abbattutisi nei giorni scorsi sulla nostra provincia, – denuncia il Presidente della CIA Gaetano Pascariello che chiede immediate azioni di tutela delle nostre produzioni primarie già compromesse dall’evento COVID-19. – Purtroppo le aziende sono oramai allo stremo, denuncia Pascariello, e chiedono con forza una presa d’atto della Regione e del Ministero competente affinché si provveda tempestivamente all’avvio di azioni di tutela per gli eventi calamitosi a carattere eccezionale che, a causa dei mutamenti climatici, si susseguono con frequenza sempre maggiore.

Occorre rivedere, – denuncia il Presidente della CIA,il sistema assicurativo che oggi è oberato da procedure farraginose (un’azienda per usufruire del parziale rimborso dello stato sulla polizza assicurativa deve fare fino a 4 domande diverse ogni anno all’AGEA) e da costi improponibili delle polizze che scoraggiano le aziende all’adozione di tale strumento di tutela.

Albero sradicato nel salernitano

A ciò si aggiunge il frequente rifiuto delle compagnie assicurative alla sottoscrizione delle polizze ed il caotico sistema di gestione dei consorzi di difesa. – prosegue Pascarella – È quanto mai importante intervenire nell’immediato affinché le aziende possano proteggersi con sistemi assicurativi snelli, economici ed immediati riducendo il carico burocratico e consentendo, già all’atto della stipula della polizza, di beneficiare immediatamente del contributo statale sull’assicurazione agevolata.

Nel medio-lungo periodo occorre prendere atto dei mutamenti del nostro clima ed avviare, in sinergia con l’Università, programmi di ricerca per intervenire con tecniche innovative sui cicli colturali. – conclude il Presidente della CIA salernitana Gaetano PascarielloLa CIA-Agricoltori Italiani di Salerno, è in costante contatto con le migliaia di aziende che rappresenta nella nostra provincia e si propone come diretto interlocutore affinché le istanze degli imprenditori giungano nelle sedi istituzionali».

Allagamenti provincia di Salerno piana del Sele

Salerno, 28 settembre 2020

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Tutto questo succede perche ognuno non rispetta l’ambiente il paesaggio e la natura e le regole di legge. Ogni imprenditore agricolo piccolo e grande non mantiene i fossi di confine che servono da scolo durante le grandi piogge.le grandi medie aziende fanno impianti serricoli senza una mappatura della piana del Sele che oggi il territorio viene occupato da plastica oltre il 50% dell’area esistente creando dissesto igrogeologico.in citta e in montagna in costiera e in tutti i luoghi non si rispetta nulla purche i propri interessi vanno bene . ma la cosa piu penosa che gli organi di controllo sono assenti .

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente