Chiusura Radiologia Battipaglia:Allarme Cisl-Fp

Allarme Cisl-Fp per chiusura della Radiologia per mancanza di tecnici al presidio Ospedaliero di Battipaglia. 

Pepe-Antonacchio-Della Porta

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Non passa giorni che non succeda qualcosa di negativo dalle parti della Sanità della Piana del Sele che non complichi la vita agli utenti della Salute. Il tema centrale è sempre lo stesso:

il depauperamento sistematico degli Ospedali di Battipaglia, Eboli e Roccadaspide, della così detta Valle del Sele;

e oggi arriva l’allarme da parte del Segretario Aziendale Gaspare Pepe, il Capo Dipartimento Sanità Pubblica Pietro Antonacchio e il Segretario Provinciale Alfonso Della Porta, preoccupati per una possibile chiusura del Reparto di Radiologia dell’Ospedale di Battipaglia per la carenza dei tecnici di radiologia. Quale sarà il prossimo allarme?

«Purtroppo che il DEA della Piana del Sele sia stato totalmente dimenticato dalla direzione strategica dell’ASL Salerno è sotto gli occhi di tutti. I reparti non riescono a garantire i turni di lavoro senza una moltitudine di straordinario oltre ogni limite legislativo e contrattuale in spregio alle elementari tutele a carico dei lavoratori, ma addirittura alcuni servizi rischiano il collasso e la chiusura per mancanza di tecnici professionisti – dichiara Gaspare Pepe, Segretario Aziendale del Presidio Ospedaliero della CISL FP. – Infatti la Radiologia conta attualmente solo 5 addetti con la impossibilità di garantire la turnistica e l’elezione. Sarebbe opportuno sospendere le attività ordinarie e dedicarsi solo alle emergenze, poiché la situazione attuale necessita di un segnale forte e risoluto, dato che il continuare con questo stillicidio significa non avere a cuore le sorti del presidio».

Sulla questione interviene Pietro Antonacchio Capo Dipartimento della Sanità Pubblica della CISL FP salernitana, il quale senza mezzi termini sottolinea: «.. la necessità di affrontare la carenza dei tecnici di radiologia medica immediatamente e con determinazione, altrimenti inevitabile sarà la chiusura del nosocomio battipagliese per consunzione. Corre l’obbligo denunciare che l’assenza di programmazione dell’ASL Salerno, accentuatasi negli ultimi mesi, si manifesta nel paradosso che avendo, a seguito di una constatazione di carenza di tecnici di radiologia medica, deliberata una mobilità in entrata, si fanno chiedere i nulla osta agli interessati e poi si blocca la procedura. Non solo ma non si riscontrano nemmeno i lavoratori che avendo ricevuto l’assenso in entrata al trasferimento dalle aziende di appartenenza, stanno nel limbo della controriforma del burocratismo salernitano, elemento caratterizzante dell’attuale gestione aziendale».

«Purtroppo abbiamo più volte sollecitato la direzione strategica dell’ASL Salerno – conclude Alfonso Della Porta Segretario Provinciale della CISL FP di Salerno – ma sembra che alla stessa non interessino le sorti della struttura battipagliese come quella di tutto il DEA Battipaglia/Eboli/ Roccadaspide. E la questione non sembra interessare nemmeno i sindaci di Battipaglia e di Bellizzi. Spero che il loro impegno possa cambiare. Vedremo se almeno parteciperanno allo sciopero che saremo costretti a promuovere se le cose non cambiano, ovviamente con la speranza che a qualsiasi livello la cosa possa cambiare

Il Segretario Aziendale Gaspare Pepe, il Capo Dipartimento Sanità Pubblica Pietro Antonacchio e il Segretario Provinciale Alfonso Della Porta

Battipaglia, 30 marzo 2022

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente