La riduzione dei rifiuti: Una scommessa perduta

La scorretta gestione di tali rifiuti provoca danni al territorio, e altissimi costi per la bonifica e il ripristino ambientale.

Montagne di rifiuti

di Erasmo Venosi

Gli obiettivi fondamentali della gestione dei rifiuti dovrebbero essere la riduzione delle quantità e della pericolosità prodotte, la massimizzazione del recupero e del riciclaggio di materia, in un’ottica di sviluppo compatibile, finalizzato alla tutela della salute e dell’ambiente. Una corretta politica ambientale deve porsi l’obiettivo di scindere crescita economica e produzione di rifiuti.

Valutando retrospettivamente i risultati raggiunti, non ci sembra sia stato realizzato l’obiettivo primario della riduzione dei rifiuti prodotti. Nel 1997, primo anno del decreto Ronchi, i rifiuti urbani erano pari a 26,6 milioni di tonnellate, nel 2001 29 milioni e, con l’ultimo dato riferito al 2008, erano pari a 32,5 milioni di tonnellate.

I rifiuti speciali da 72 milioni di tonnellate del 2000 a 117 del 2006! Eppure i rifiuti generano emissioni nocive, se sono inceneriti, o possono inquinare le falde se smaltiti in discariche, creando costi sociali notevoli. Importante l’attenzione dei media sui rifiuti urbani, ma riteniamo dovrebbe essere ancora più importante e significativa, proprio per motivi ambientali, l’attenzione sui rifiuti speciali di origine industriale. Almeno 26 milioni di rifiuti speciali scompaiono nel nulla (Rapporto Commissione Parlamentare su ciclo rifiuti).

Una scorretta gestione di tali rifiuti provoca danni al territorio, e altissimi costi per la bonifica e il ripristino ambientale. Dal punto di vista economico il problema rifiuti può essere analizzato attraverso il concetto di esternalità negativa. Esemplificando: gli effetti prodotti dalla produzione di rifiuti sono scaricati non su chi li produce, ma sul benessere di altri soggetti non direttamente coinvolti nella produzione. Si tenta di risolvere il problema con vari strumenti: “la tassa di Pigou“ o con il “teorema di Coase. L’approccio di Pigou consiste nel tassare chi produce i rifiuti con tasse o tariffe per indurlo a ridurne la produzione.

La legislazione comunitaria imposta il problema delle esternalità da rifiuti attraverso la soluzione di Pigou. Il legislatore italiano ha accettato questa impostazione che consente di correggere i comportamenti individuali. La tassa sui rifiuti è prevista dall’art 49 del decreto Ronchi: la finalità della tariffa è di coprire il costo del servizio di gestione dei rifiuti, e promuovere comportamenti ambientalmente compatibili e mirati al contenimento degli sprechi. In tal modo grava sull’utente il costo del servizio di gestione dei rifiuti. La tariffa quindi è l’applicazione del principio “chi inquina paga”, e la componente variabile è rapportata alla quantità di rifiuti prodotti e conferiti.

Il Comune ha la facoltà di determinare la parte variabile tenendo conto dei rifiuti effettivamente prodotti, oppure ripartisce una quota dei costi variabili tra i cittadini. Solo l’Alto Adige ha adottato un sistema di determinazione puntuale dei RSU conferito da ogni utenza attuando l’applicazione del principio “chi inquina paga”, diversamente dalla gran parte dei Comuni italiani che applicano il cosiddetto “metodo normalizzato”. Solo a un terzo dei cittadini del Nord, a un quinto di quelli del centro e al 7% di quelli del sud è imputata la quota variabile, tenendo conto dell’effettiva produzione di RSU.

La sostituzione della TARSU (tassa rifiuti solidi urbani) con la tariffa viene periodicamente spostata nel tempo da parte del legislatore. La TARSU non tiene conto né della produzione dei rifiuti di ogni utenza e nemmeno della raccolta differenziata, al contrario della tariffa che collega quantità di rifiuti prodotti e ammontare del pagamento. La grave piaga dei rifiuti speciali potrebbe essere risolta con il “bilancio di massa”. Ogni prodotto connesso a un ciclo di produzione necessita di una certa quantità di materiale grezzo, e determinate sostanze chimiche con formazione di sostanze aeriformi che vengono scaricate in atmosfera, liquide e solide. Considerato che i processi sono standardizzati, è possibile determinare le quantità dei rifiuti prodotti incrociando i dati di produzione e le fatture di acquisto.

Relativamente alla raccolta differenziata, e ai “mitici” obiettivi raggiunti da alcune Regioni, va osservato che risulta improcrastinabile una concreta analisi dei materiali riutilizzati o riciclati. Infatti, se i materiali recuperati non trovano mercato, diventano rifiuti speciali che dovranno essere smaltiti o riciclati. Tali rifiuti possono prendere la via delle discariche che esistono in tutta Italia, con l’intrusione o il vero e proprio controllo da parte delle associazioni criminose! Si possono raggiungere percentuali da primato di RD, ma, se non vengono assorbiti, diventa solo la manifestazione dell’efficiente gestione, ma non un contributo al risparmio delle risorse, per ridurre gli impatti sull’ambiente e sulla salute di cittadini.

Crescita dei RSU e di quelli speciali, smaltimento in discarica per il 45% dei rifiuti prodotti, mancata adozione dei bilanci di massa dei rifiuti speciali, mancata adozione del principio “chi inquina paga” attraverso la tariffa e, infine, mancata attuazione del DM 203/2003, che comporta per le Amministrazioni Pubbliche di coprire il proprio fabbisogno di manufatti e beni con materiale riciclato nella misura non inferiore al 30%. Tali inadempienze rappresentano le condizioni di sviluppo per traffici illegali gestiti dalla criminalità organizzata, e crescita degli impatti sulle tasche e sulla salute dei cittadini, determinati da discariche e inceneritori.

L’obbligo, recentemente introdotto per le pubbliche amministrazioni, di acquistare il 30% dei propri beni attingendo dal recupero ambientale, impone di tener conto di tale significativo ulteriore sbocco finale, conformando opportunamente le operazioni di riciclo. Nel quadro giuridico nazionale va menzionato anche il D.M. 8 maggio 2003, n. 203 “Norme affinché gli uffici pubblici e le società a prevalente capitale pubblico coprano il fabbisogno annuale di manufatti e beni con una quota di prodotti ottenuti da materiale riciclato nella misura non inferiore al 30% del fabbisogno medesimo”, che, sebbene in vigore, per motivi tecnici e procedurali a tutt’oggi non ha conseguito i risultati attesi. Le norme del Piano d’azione sul GPP (Green Public Procurement) potranno essere un utile strumento per armonizzare i principi del DM 203/2003 con quelli del Green Public Procurement, che si basa su considerazioni riguardanti l’intero ciclo di vita ambientale di beni, di servizi e di lavori e per fornire, ove opportuno, un seguito operativo alle disposizioni del decreto.

Erasmo Venosi

Quotidiano Terra del 15 luglio 2010

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2022 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente