Dura replica di Landolfi (PD) alle dichiarazioni di Cirielli

Cirielli confonde le ammende con i reati associativi che riguardano esponenti provinciali e regionali del suo partito.

Landolfi: Il Presidente della Provincia Cirielli e il PdL, sul piano provinciale e regionale, non possono fornire alcun esempio di moralità ed insegnamento politico.

Nicola Landolfi

SALERNO – Il Segretario Provinciale del Partito Democratico Nicola Landolfi, a seguito di alcune dichiarazione che il Presidente della Provincia Edmondo Cirielli ha rilasciato circa alcune condanne di Consiglieri Provinciali del PD ha dichiarato: “Ancora una volta apprendiamo dal resoconto del Consiglio Provinciale di oggi di dichiarazioni prive di fondamento da parte del Presidente della Provincia, relativamente a condanne di tipo associativo di esponenti del Pd in Consiglio Provinciale.

L’On. Cirielli, – continua il Segretario Landolfi – evidentemente, confonde ammende pecuniarie di carattere amministrativo, con reati che sono ipotizzati nelle indagini che riguardano esponenti provinciali e regionali del PDL, il suo partito.

Confusione grave.

Edmondo Cirielli

Non vogliamo speculare, – sottolinea Landolfi – perchè intendiamo mantenere il profilo garantista e il rispetto per eventuali percorsi processuali delle persone coinvolte, ma il Presidente della Provincia e il suo partito, sul piano provinciale e regionale, non possono fornire alcun esempio di moralità ed insegnamento politico.

Chi non ha nulla da dire è bene che non dica nulla.

Mi piace, inoltre, ricordare – conclude la nota del Segretario del PD Nicola Landolfi – che quando qualcuno dei nostri attuali iscritti e dirigenti è stato appena coinvolto in indagini in una qualche misura analoga, si è dimesso immediatamente da tutte le cariche elettive per consentire il più sereno svolgimento delle indagini.

E, infine, mi fa piacere ricordare di appartenere a una forza politica che non ha mai attaccato la Magistratura e gli altri organi Costituzionali dello Stato“.

In effetti l’On. Cirielli ha un concetto tutto particolare della legalità, e negli ultimi tempi travolto da episodi che continuamente colpiscono uomini del PdL, lo sta dimostrando e accentua il carattere particolare di come egli interpreta la legalità.

Episodi come quelli di Pagani e altri, come quelli che colpiscono personalità molto influenti del del PdL, come ad esempio Nicola Cosentino, senza citare Papa, Milanese e altri, non escludendo quelli di Penati, non possono essere banalizzati ne tantomeno, cercando di imbastire una difesa contrapponendo a giustificante episodi similari che colpiscono uomini politici dello schieramento avverso, o peggio ancora dubitare e mettere in forse l’azione della magistratura e delle forze dell’Ordine, adducendo come motivazione sterile e colpevole i comportamenti amicali che si intrattengono con gli indagati o peggio ancora accentuare i dubbi sol perché questi si sono sempre comportati bene.

Questo modo di agire è veramente preoccupante specie se viene da esponenti delle Istituzioni vieppiù uomini proveniente dalle Forze dell’Ordine. E’ vero anche che Cirielli dichiara sempre che “Bisogna difendersi nei Processi e non dai Processi”, ma se da una parte evidenzia questa verità assoluta, dall’altra cercando una pariglia sminuisce l’azione dei Magistrati e delle Forze dell’Ordine.

In tutta sostanza per Cirielli, chi è amico suo, è immune da qualsivoglia azione, truffaldina, tangentista o criminale, avendone soppesato l’onestà a vista. Sarebbe il caso di suggerirgli di cambiare metodo di valutazione e provare a soppesare le carte dei processi, e magari, da uomo onesto quale è, prendere le dovute distanze, anche per evitare si possa dire che si accompagna proprio male.

Salerno, 29 luglio 2011

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente