Eboli- In Consiglio passano Bilancio e Piano Industriale della Multiservizi

Il PD in Consiglio si divarica . Consumato l’ultimo strappo, i contiani votano contro e sono sempre più fuori dal PD.

Approvato il Bilancio di previsione 2011 e il rendiconto finanziario 2010: 17 voti favorevoli (PD, API, UDC) e 8 contrari (SEL, Nuovo PSI, PDL, contiani). Approvato anche il Piano Industriale della Multiservizi con 17 voti favorevoli (PD, API, UDC) e 2 contrari (contiani).

Consiglio Comunale

EBOLI – Nonostante una serie di polemiche e di accuse, anche se con 6 mesi di ritardo, il Consiglio Comunale ha approvato il Bilancio di previsione del 2011 e il rendiconto finanziario del 2010. Il Bilancio è passato con 17 voti favorevoli e 8 contrari. Hanno votato favorevolmente, la maggioranza consiliare del Partito Democratico, l’UDC e l’API; contrari, i contiani, il Nuovo PSI, il PDL, SEL.

E’ passato anche il Piano Industriale della Eboli Multiservizi S.p.a. con 17 voti favorevoli espressi dalla nuova maggioranza composta dalla parte maggioritaria del PD, dall’UDC e dall’API, e 2 voti contrari dei contiani, mentre le opposizioni con SEL, Nuovo PSI e il Popolo della Libertà, hanno preferito, dopo aver portato una serie di attacchi, abbandonare la seduta senza partecipare al voto finale sul Piano Industriale della Multiservizi, lasciando alla maggioranza e soprattutto al Partito Democratico che ne è il maggiore azionista risolvere i problemi in “famiglia”. Peccato che quella “famiglia” si occupa di problemi della Città e nelle loro “guerre” ci danneggiano irreparabilmente.

Un Consiglio Comunale, sotto gli occhi degli operai della ditta appaltatrice che sta costruendo per conto della Società che sta realizzando il Parcheggio Multipiano in Via Adinolfi, e che non hanno ricevuto le loro spettanze e quello degli operai della Multiservizi, focalizzato non sul Bilancio ma sulla Multiservizi.

E infatti la Multiservizi ha tenuto banco, anche perché sia il Presidente Gianfranco Masci, che i componenti del CDA Caputo e Rimoli, si sono dimessi prima del Consiglio Comunale, sulla scorta anche di una mozione di sfiducia, presentata dai contiani Salvatore Marisei, Antonio Petrone, Carmine Campagna, Armando Cicalese.

Un Piano Industriale redatto dal Prof Gerardo Metallo dell’Università di Salerno, che dovrebbe rilanciare la Multiservizi, ripianando i suoi debiti e mettendola in carreggiata. Un progetto quello del Prof. Metallo che prevede un intervento di ricapitalizzazione, attraverso il conferimento di un bene, nella fattispecie il Parcheggio Multipiano, per consentire alla Società di poter contrarre un mutuo con una Banca per poter fare fronte ai suoi impegni debitori ed istituzionali.

Il Piano, prevede tra l’altro: un ridimensionamento anche sul fronte occupazionale, individuando un esubero di ben 13 unità, che attraverso i vari ammortizzatori, dovrebbero essere accompagnati al fine rapporto; prevede anche l’aumento delle tariffe di parcheggio, che passerebbero dagli attuali 50 centesimi per ora a un euro, e da 1 euro e cinquanta a 2 euro per il Parcheggio Multipiano dell’Ospedale; La trasformazione parziale di alcune strade cittadine da parcheggio libero a parcheggio a pagamento.

Ed è qui la notizia più importante: è sulle considerazioni e sul voto attraverso gli interventi di Paolo Polito (indipendente), Salvatore Marisei (PD dissidente), Roberto Palladino (PD osservante) e il Sindaco Martino Melchionda, che si è consumato un ulteriore strappo sancito dal voto contrario dei contiani, tutto interno alla maggioranza e al Partito Democratico tra i contiani e il resto del PD. Uno strappo difficile a ricucire e una posizione che allontana sempre di più i contiani dal PD, specie adesso che è stato nominato il Commissario del Circolo PD di Eboli.

Ma strappo a parte le posizioni erano diametralmente opposte, da una parte Marisei che faceva rilevare la gestione fallimentare della Multiservizi e ne chiedeva la liquidazione e Polito e Palladino che invece vedevano nel Piano Metallo, la possibile ripresa della Multiservizi.

Il Sindaco Melchionda invece, dal canto suo individuava, oltre che alcuni errori commessi dall’Amministrazione, delle responsabilità trasversali di oltre 10 anni di gestione oltre che gli errori iniziali attribuendo un peso rilevante attribuendo a quella Società il peso rilevante del personale, sovradimensionato rispetto alle reali possibilità della Multiservizi. Ricordando anche che oltre quello indicato dal Piano Metallo non è possibile fare altro.

Insomma si è consumato un altro Consiglio Comunale sulla Multiservizi nella più totale ipocrisia, nel tentativo di dare una giustificazione ad una Società che dovrebbe svolgere una serie di servizi per conto del comune, ma che non riesce ad assolverli a causa del suo originario difetto: quello di avere un personale, che oltre a fare i parcheggiatori, non riesce a fare più nulla, e proprio sulla scorta di questa considerazione è che si muove il Piano Metallo, che agisce principalmente sull’ampliamento delle aree di sosta a pagamento, sull‘aumento delle tariffe, e sul ridimensionamento del personale accompagnandoli in pensione, più che agire sulla sua formazione. Quindi una Multiservizi “monoservizi” che si occupa di parcheggi, e per una società di parcheggiatori forse è un poco troppo tenere su un S.P.A.

Eboli, 29 ottobre 2011

36 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. concordo con te admim più che il prof metallo, che è venuto a risolvere i suoi problemi e non quelli della multiservizi, ci vorrebbe un marchionne della situazione, per cui più che i contiani dal pd dovrebbero uscire gli antagonisti

    • Per Fressola-
      se se ne uscissero entrambi il PD ne guadagnerebbe, sicuro si farebbe pulizia.

  2. Ma di cosa vogliamo meravigliarci? L’idea di Rosania era ben altra ma come succede sempre in questo paese maledetto tutto finisce a pane e puparuoli così che oggi è diventato il solito baraccone che supera l’ostacolo del blocco delle assunzioni nel settore pubblico con quest’ammortizzatore sociale dando speranze a qualche povero disgraziato in attesa di un lavoro ed una vita più dignitosa. E mentre questi paria della società pregano e sperano c’è gente che balla sulle loro carcasse. Ignobili!!!!!!!!!!!!!

  3. qualcuno potrebbe spiegare alla gente le menate sui giornali del consigliere e presidente del consorzio bonifica destra sele Vito Busillo?
    Ha inaugurato una centrale idrolelettrica a corno d’oro,che significa ,li non ci sono dislivelli geologici tali da permettere una condotta A SCORRIMENTO FORZATO SFRUTTANDO LA GRAVITA’ PER ENERGIA PULITA.CHE SIGNIFICA DICE STRONZATE O è VERO. OPPURE SONO VELATURE PER GIUSTIFICARE I FONDI EUROPEI SPESI .

  4. Una domanda per admin: la ditta che protesta in consiglio lavora presso il cantiere di via Adinolfi oppure, come è stato detto su qualche giornale, lavora a Potenza? e in questo caso perchè protestano a Eboli?
    @fressola rosania propone sempre di far raccogliere i rifiuti alla multiservizi, ma come possono farlo se rosania stesso, quando era sindaco, affidò il servizio alla Seta donandogli anche quei pochi mezzi che il comune aveva?

  5. IL TIRARE A CAMPARE NON PORTA NULLA DI POSITIVO, ANZI I PROBLEMI SEDIMENTATI SI ACUIRANNO E DOVREMO SBOLOGNARCELI NOI CITTADINI.QUALE è LA MAGGIORANZA,QUANTE CE NE SONO E CHE CREDIBILITÀ POSSIEDE? MA AGLI AMICI PDIELLINI DICO, LA SITUAZIONE DI EBOLI E DEGLI ENTI LOCALI E’ ANCHE FIGLIA DEL MALGOVERNO BERLUSCONIANO, CHE NEGLI ULTIMI DIECI ANNI HA GOVERNATO X OTTO.NON POSSONO CRITICARE DI MALAGESTIONE CITTADINA,COLORO CHE SIMPATIZZANO PER I FAUTORI DELLA MALAGESTIONE NAZIONALE,BARZELLETTA AMBULANTE DELL’UNIONE EUROPEA NE NON SOLO,VEDI G8 E G20.DUNQUE IL POPOLO SIA VIGILE E SCELGA MEGLIO NELLO PROSSIMO FUTURO.

  6. La verità è che questa gente combatte una guerra di potere (da conservare o da conquistare) e lo fa sulla nostra pelle. Mentre ci sono famiglie disperate con mariti disoccupati o che hanno perso il lavoro, pensionati alla fame, lavori bloccati, operai senza paga, commercio prossimo alla paralisi, giovani senza speranze, questi “signori”, in giacca e cravatta si incontrano nei bar a prendere caffè e cornetto e a discutere di chissà quali progetti o spartizioni di poltrone e potere. Questa classe dirigente (formata da quei giovani che avrebbe dovuto portare una ventata di novità e di freschezza) si stà rivelando più famelica ed attaccata alla poltrona dei loro predecessori (professionisti della politica). Ma la cosa che mi sconvolge di questa gente è la loro assoluta mancanza di sensibilità, di empatia con la gente che sta male. Sono di una arroganza, di una insensibilità da fare spavento. Davanti a questa tragedia sociale queste persone avrebbero dovuto dimostrare meno arroganza e scendere a patti con tutti e formare un “governo di salute pubblica” e di salvezza nazionale nel quale tutti avrebbe dovuto profondere il massimo degli sforzi per farci uscire da questo pantano accettando le idee migliori anche quelle proposte dagli avversari politici pur di salvarci dal baratro verso il quale ci stiamo dirigendo. Come fanno a non capire che una ampia fascia sociale di emarginati è una bomba pronta ad esplodere? Quando non basteranno più i vari sussidi, quando non si potranno più donare pasta e pane ai più bisognosi, questa gente verrà a sbranarvi in casa. Nessuno potrà più dormire tranquillo, questo paese verrà ancora di più inondato di droga (divenuta l’unica fonte di reddito), i reati piccoli e grandi cresceranno e forse solo quando sarà tutto irreversibile lo Stato si accorgerà di questo paese inviando poliziotti, carabinieri e finanzieri (ma anche l’esercito) a presidiare le strade nel tentativo di far dormire sonni tranquilli agli impiegati, agli insegnanti, ai professionisti, a qualche commerciante, agli amministratori … che in questo disastro girano la faccia dall’altra parte. Guai a distrarli dalle loro passeggiate serali a parlare di aria fritta, alle loro incursioni nei centri commerciali o a fare shopping nelle città vicine, alla rituale piuzza del sabato sera o a qualche cena a casa di amici. Che me ne fotto degli altri, si arrangino. Questa indifferenza ed insensibilità presto ci costerà cara. E’ solo questione di tempo … vedrete

  7. Concordo con Armando su quanto dice e che sostengo da sempre.
    In questo paese lo sport preferito dai nostri politici è solo e soltanto quello di distruggere. Nel frattempo c’e’ una polveriera sociale che cova sotto la cenere e invece di costruire anche solo almeo un barlume di sperasnza questi sono attenti solo a distruggere. Bah!!! ………………..fin quando dura, ma non credo durerà molto.

  8. Bravo Prof. Metallo,
    la sua ricetta di continuare a VESSARE tutti (i cittadini Ebolitani, i familiari che si recano a visitare gli ammalati ricoverati presso il nostro decadente Nosocomio, gli ammalati che si recano presso gli sportelli per prenotare visite mediche e pagare il Ticket, i poveri ed i meno abbienti che si recano al Mercato Settimanale per tentare di vestire e calzare i loro figli con i pochi spiccioli che hanno in tasca, qualche sparuto visitatore o acquirente proveniente da altri Comuni), è una trovata originale (Sic), partorita, forse dai suoi profondi Studi e moderne Ricerche Universitarie? Da bravo tesserato PD, per ricapitalizzare la Multiservizi, già depredata da chi l’ha amministrata (controlli le spese per acquisti e consumi, vi troverà, a sostegno di Melchionda, immense somme spese per pranzi, cene, viaggi, caffè e cappuccini, manifesti e lettere elettorali, carburanti e vettovaglie varie, alte prebende per amministratori, – A PROPOSITO L’AUTO DIMESSOSI PRESIDENTE È ANCORA DIRETTORE GENERALE DEL COMUNE, CON COMPENSO ANNUALE PER SVARIATE DECINE DI MIGLIAIA DI EURO ALL’ANNO? SI DICE, ANCHE, CHE IL FIGLIO, CERTAMENTE NON COLPEVOLE, DIVENTERÀ UNO DEI MASSIMI DIRIGENTI DELLE “BOLLE”- controllori dei conti tesserati PD, 50 assunzioni in soprannumero durante la campagna elettorale) propone di donare il PARCHEGGIO MULTIPIANO dell’Ospedale ( a proposti: fate controllare la stabilità del manufatto, la gara fu vinta da un certo La Torraca con un ribasso del 50%, si tratta dello stesso costruttore Campanino che affidò la realizzazione, in subappalto, dell’impianto elettrico dell’Ospedale di Eboli, a una Ditta Camorrista di Marano di Napoli) per poi contrarre un mutuo, senza domandarsi a chi affidare la gestione delle relative. La soluzione ideale, gentile Professore Metallo, sarebbe di mettere all’asta la Multiservizi SpA, dotata del parcheggio suddetto, della gestione dei parcheggi Ebolitani, del Cimitero, dell’illuminazione Pubblica, della cura dei giardini e di tutto il verde pubblico, della manutenzione di strade, fogne e acquedotto, della raccolta e smaltimento dei RSU, con l’obbligo si assumere, a tempo indeterminato, tutto il personale tecnico e manuale in forza attualmente, dopo corsi di qualificazione specifici. Gentile Professore pensi ad insegnare con diligenza e passione, perché la sua ricetta, certamente, le è stata dettata da Melchionda, Masci & Company per continuare a gestire a loro piacimento e non certamente per Eboli e gli Ebolitani. Anche a lei racconto una Favola: C’era una volta un bravo Assessore Comunista, di professione Imprenditore Edile, che, per dissensi politi nel suo partito, aveva minacciato di dimettersi e di creare una crisi Amministrativa, col conseguente scioglimento della Giunta e dimissioni del Sindaco (allora i Sindaci sentivano il dovere morale di passare la mano e non patteggiare con ex avversari per continuare ad Amministrare). Per evitare tale scioglimento e farlo desistere dai sui proponimenti, NOTTE TEMPO, l’Assessore, svegliato nel sonno, ricevette, presso la sua abitazione, la visita del noto camorrista Papuorco, accompagnato da altro camorrista Ebolitano, da un dipendente Comunale (che ancora oggi, con botte e minacce, spadroneggia nella MULTISERVIZI SpA e per le stanze Comunali) e da un’altro Assessore. Le criminali minacce, di cui fu fatto oggetto, sortirono il risultato che l’Assessore non si dimise e L’Amministrazione continuò ad amministrare.
    Cordiali saluti.
    Elio Presutto

  9. Eboli come Casal di Principe. Se questa gente non viene eliminata dalla vita civile rassegniamoci a quest’idea

  10. wowwwwwwww e che accuse pesanti. il dott. Presutto conosce questi fatti criminali, strano che li racconti soltanto adesso (alla sua veneranda età) su un blog e non ai tempi in cui sono accaduti. E addirittura il signor Armando V. parla di eliminazione dalla vita civile di questa gente, ELIMINAZIONE DALLA VITA CIVILE.
    Sicuramente il signor Armando non voleva intendere ciò che si capisce. @Admin, permetti la scrittura di queste frasi gravissime? non ravvedi istigazione alla violenza o come dice il Ministro Sacconi oggi che questo clima di violenza e di antipolitica possa portare alla violenza organizzata ed addirittura ad omicidi tipo quello Biagi?

  11. Ma il prof. Metallo dov’era quando il multipiano fu occupato militarmente, mentre i dipendenti della Multiservizi” scioperavano, dalle truppe di Fabiano con “capa ‘e vitiell’ alla testa delle bande armate fabianesche? Certo bisognava pagare il soldo a questi loschi figuri storici militanti della destra ebolitana che in cambio di un piatto di lenticchie sono passati, armi e bagagli, all’altra sponda! Che ne pensate se domani i parcheggi dovessero essere affidati a un rapinatore di orafi del grossetano, di agenzie ippiche o punti SNAI? E se il domani fosse gia’ oggi? Al prof.Metallo e’ stato detto che il servizio parcheggi e la vigilanza su di esso non l’ha svolti la Multiservizi? Come hanno giustificato il mancato svolgimento degli stessi? E per quanto riguarda la manutenzione del verde pubblico? Si possono affidare questi servizi a ditte esterne e tenere in CIG i di pendenti della municipalizzata? Io ho l’impressione che i nostri amministratori abbiano protezioni cosi’ altolocate da farli sentire intoccabili e secondo il mio modesto parere ….mo ce vo’ sul ‘a paroccola!
    Pensate che parla di camorra addirittura Presutto, che e’ stato il datore di lavoro di Papuorco e Giuvanniello e condannato per camorra, in appello, nel processo California. Pensate che lo stesso parla male dei direttori generali, quando aveva chiesto, durante la campagna elettorale e Cariello vincente, che il posto da D.G. fosse riservato al suo buon figliolo. Se uno in odore di camorra e uno che lottava strenuamente affinche’ il figlio diventasse direttore generale del Comune, parla male della camorra e dei direttori generali vuol dire che abbiamo la merda alla gola ed e’ giunto il tempo del bastone … che deve essere usato per tutti nessuno escluso.

  12. errata corrige : non li ha svolti. Ho scritto di getto e non ho riletto il tutto. Scusatemi.

  13. Premetto che non sapevo che il nostro consiglio comunale si è dotato di un’altro gruppo, “Osservante”, che pena, un’amministrazzione che spende per una manifestazione “sbarco alleato 1943” *60.000* Euro (La Graticola ottobre 2011 pag.16 Delibere e Determine settembre-ottobre2011), con tutto il rispetto della stessa, mi domando cosa ha dato e lasciato alla collettività questa manifestazione? “Soldi” sperperati, da utilizzare per tenere la città più pulita con le strade e marciapiedi in ordine.

  14. Che strano, questi tesserati PD e amici del Fascista Fini, invece di commentare cosa scrive, con saggezza, acume, intelligenza e conoscenza dei fatti, il sig. Armando V.(persona che non conosco, si accaniscono con ODIO e violenza contro chi non la pensa come loro. Che peccato che il sig. Geronimo non ha colto il messaggio che intendevo mandare ai giovani che non hanno vissuto la tragica violenza dei Camorristi Ebolitani. I fatti narrati, furono denunciati, a tempo debito, a chi di dovere e Giovanniello, quando fu assiunto per tre mesi (non Papuorco), sotto minacce e pressioni, era un libero cittadino, messo in libertà, dopo un lungo Processo, dai Pubblici Manettari Italiani. L’assunzione avvenne nel rispetto delle Leggi vigenti e del Contratto di Lavoro Nazionale dei Chimici, come per tutti gli assunti presso le Aziende della famiglia Presutto ( tutte fatte fallire non per mancato rispetto delle norme finanziarie e nemmeno per frodi e mancato rispetto delle Leggi sul Collocamento ma dalla furia Giacobina di chi voleva distruggere i Socialisti e le loro famiglie) ed era a conoscenza di tutti, compreso Carabinieri e Pubblici Manettari Salernitani. Ho lanciato la mia proposta per risolvere il problema della fallimentare e clientelare gestione della Nultiservizi SpA, ma qualcuno che sa di LATINO, invece di commentare o criticare la proposta, si sente in diritto di darmi del Camorrista, solo perché, in primo grado e non in Appello, un manipolo di Pubblici Manettari, senza prove e senza riscontri, tenta di continuare a flagellare i Socialisti Craxiani e affermare che , chi comanda, sono loro. Il commentatore LATINISTA , non avendo argomenti validi e non BILIOSI , per controbattere le verità che vado narrando, anche se vecchio, prigioniero ed ammalato, e fingendo di ignorare o ignorando la verità, tira in ballo la legittima ispirazione, se c’è stata (da quale documento programmatico o di legittime previsioni di divisione di incarichi per una coalizione che si candida a gestire una Città, ha riscontrato tale informazione?), di un Giovane in possesso di tutti i requisiti (Laura estera in Ingegneria Industriale e Diploma di City Manager) per ricoprire tale carica. Invece di approfondire o controbattere quello che, sotto la mia totale e esclusiva responsabilità, denuncio, rischiando, ancora oggi, la propria incolumità fisica e quella dei suoi cari, si lanciano, nell’anonimato, a profferire aggettivi calunniosi ed offensivi, senza darne la prova concreta. Il LATINISTA ha detto una sola verità, quando ha affermato che sono contro qualsiasi incarico clientelare, ben prezzolato, nella cosa Pubblica, di falliti politici, di bocciati dalla società, portaborse e leccapiedi vari. Ai giovani Ebolitani lancio ancora l’invito a controllare come avverranno le ASSUNZIONI nelle “Bolle” e nelle varie “Balle” confezionate da Melchionda per allocarvi i suoi clienti elettorali. Il vostro Sindaco Melchionda , da “Angelo caduto dal Cielo” di è rivolto ai suoi amici Pubblici Manettari Salernitani, pensando che sono tutti Catto/Comunisti e asserviti alla Finanza Italiana e Internazionale e alle Banche che continuano a sfruttare i poveri, gli operai, la media borghesia, i pensionati e chi si affanna a produrre qualche posto di lavoro. Stia attento Sindaco Melchionda potrebbe incappare nelle mani pulite di qualche Pubblico Ministero (ve ne sono tanti), non soggiogato ai Golpisti Italiani , che potrebbe approfondire le denuncie fattegli . Se ciò avverrà, ne vedremo delle “Belle” e non le “Barzellette” della decorrenza dei termini per i Reati appioppati al suo amico De Luca, che non ha avuto il coraggio di rifiutare la decorrenza dei termini ed affrontare il Processo per affermare la sua innocenza e sbeffeggiare i Pubblici Manettari che avevano avuto l’ardire di infangare il “Duce” di Salerno. Coraggio, Giacobini e Giustizialisti Ebolitani, attaccate con Odio, Violenza e improperi chi cerca, affannosamente, di trasmettere la verità e nient’altro che la verità alla gente onesta, ai giovani disoccupati, ai poveri, ai soggiogati a Melchionda, agli affamati di giustizia sociale, libertà, umanità e fratellanza.

    • Per Elio Presutto –
      Già ti avevo suggerito nel passato, ma senza farti nessun tipo di violenza, di evitare di fossilizzarti sul passato e sulla storia che tu vuoi per forza raccontare e magari pretendere sia accolta dagli altri, giovani e non, cercando di farla passare come storia in assoluto, codificata, certificata, raccontando episodi, oggettivamente raccapriccianti, che vanno da affari giudiziari a colloqui e rapporti personali e privati, divenuti poi fatti di cronaca giudiziaria e non storia, e quindi affari penali, indipendentemente dal coinvolgimento e dalle responsabilità dei singoli attori che a vario titolo sono stati coinvolti, arrovellandoti il cervello ed essendo anche monotono, non possono essere il corollario di uno sfogatoio pieno di livore e di acredine verso persone semplici e che svolgono ruoli istituzionali, che hanno tante colpe ma non quelle che per forza gli vuoi attribuire.
      Tengo a precisare che non condivido affatto i giudizi che tu spesso dai sugli altri, salvando giustamente e puntualmente te e la tua famiglia, ma colpendo in maniera indiscriminata uomini e personaggi politici insieme ai loro familiari, e mi riferisco al giovane figlio dell’ex Direttore generale Masci, che nulla ha a che vedere con le tue vicende e con quelle dell’amministrazione, semmai avendo solo la colpa, e per lui sicuramente l’onore, di essere figlio di Masci.
      E’ una sortita veramente di cattivo gusto, e non può essere accettata, ma allo stesso modo non condivido nella maniera più assoluta che i Magistrati vengano definiti, “pubblici giustizialisti”. I Magistrati italiani, con tutta la corruzione e tutta la camorra e mafie che, c’è nell’apparato dello stato e nella società, che tu stesso racconti a modo tuo, e per come sono lasciati soli dallo Stato, specie adesso che il Governo è retto da un bel pò di persone, e non per fantasia ma per fatti concreti, che sfuggono alle Procure di tutt’Italia, devono essere considerati degli eroi.
      Tu trasformi in manettari e giustizialisti tutti quelli che individui siano per impegno o appartenenza politica diversa da quella che evidentemente apprezzi e lanci strali da un osservatorio, il tuo, che è sicuramente parziale, che è sicuramente influenzato dalla tua rabbia e la tua delusione per fatti ed episodi che ritieni siano stati lesivi per te, per la tua famiglia e via di seguito, ma non puoi sparare irresponsabilmente nel mucchio e poi rizelarti per i commenti che in qualche modo condannano e non condividono quello che tu scrivi, ripeto prospetticamente proiettato all’indietro.
      I giovani hanno bisogno di certezze, e la giustizia ha bisogno di prove confutabili e di percorsi di garanzia per evitare di essere considerata “giustizialista”, e ai giovani bisogna inculcare la fiducia verso le istituzioni e trasmettere il senso più assoluto della legalità come fatto culturale patrimonio dell’individuo, ma senza che perdano lo spirito critico e l’autonomia intellettuale.
      L’odio, il rancore, la rabbia, non sono il miglio viatico per garantire futuro, democrazia e libertà.
      Massimo Del Mese

  15. Ancora questo Presutto con tutte le sue storie di fatti, che con la legalità non hanno nulla a che vedre, di un contesto che gli consentirebbe nemmeno di parlare, tanto fanno ribbrezzo, figuriamoci se questo personaggio puà ergersi a moralista intriso come é nelle sue vomitate di illegalità. E’ semplicemente immorale tutto quello che dice dice. Credo sia giunto il momento che se ne renda conto.

  16. Per Massimo del Mese. la tua parzialità non ha limiti e fingi d’ignorare la realtà che ci circonda. Ti ergi a difensore di qualche maleducato che pascola su questo blog, senza tradire le tue simpatie politiche per il Melchionda ed il suo compare Duce di Salerno. Quello che scrivo appartiene non solo a me ma anche a quelli come te e a tutti quelli che odiano e sprizzano veleno verso chi dice la verità. Tu pensi che quel che scrivo sgorga da miei risentimenti personali, mentre , invece, tutto scaturisce dal saper discernere i malfattori da chi opera per il bene comune. La tua sortita in difesa dei Pubblici Manettari Salernitani, mi convince che non hai compreso, (o fingi?) nulla di cosa accade in Italia e solo perchè il blog è tuo, ti consenti di zittirmi e di nascondere i miei scritti, eliminando dai “Commenti Recenti” il mio nome. Questa è la Democrazia di voi Catto/Comunisti, traditori del Socialismo Craxiano di cui ne facevate parte integrante. Quando la nave affonda, i primi a mettersi in salvo sono i Ratti (Zoccole e Topi), mentre chi resiste con onore, forse da novello Don Chisciotte (illuso), viene tacciato di bugiardo, di spergiuro , di incazzato. Che tu non condivida, da Solone e da super intellettuale, quello che scrivo, a me non meraviglia, constatando cosa scrivi e di chi scrivi su questo blog. N on sono contro l’innocente figlio del Dott. Masci, al quale chiedo venia per averlo nominato. ma contro il clientelismo sfrenato e la prepotenza di chi ha il potere, in tutti i settori della nostra malata società. Io chiamo Manettari e Giustizialisti tutti quelli, di qualsiasi appartenenza politica, senza alcuna parzialità, che negano la libertà e la verità Storica che si ripete quotidianamente a danno dei cittadini Italiani. Tu ti consenti, con acredine e rabbia, di chiamarmi deluso, non conoscendo cosa sia la dlusione e cosa significa sparare nel mucchio, perchè scrivo solo di fatti e di personaggi colpevoli dei danni procurati a Eboli e a tutti gli Ebolitani. Anche io ho fatto tanti errori nell’amministrare la cosa Pubblica, ma certamente senza cattiveria e protervia e non come quelli che oggi amministrano alcune Città e Paesi Meridionali. Se sforzi il tuo onesto cervello, senza farti influenzare da qualche Masci di turno che non accetta di essere squalificato, come merita, e dal corrotto Melchionda, ragioneresti come me e non ti presteresti al gioco malefico di questi esseri immondi. Se spremi il tuo onesto cervello, saprai che quello che è accaduto a me e a tutti I socialisti è lesivo per la libertà, la giustizia e la democrazia Italiane. Non sparo irresponsabilmente, perchè mi firmo e faccio nome e cognome dei soggetti oggetto delle mie esternazioni e, se noti che quel che dico può essere lesivo o offensivo per qualcuno, sei in dovere di trasmettere i miei scritti alle Autorità competenti, come pure chi si sente offeso è libero di denunciarmi e di chiedere la mia condanna. Sei poco attento, quando leggi le mie risposte a qualche scostumato di turno, perchè invece di controbattere quello che scrivo, come hai fatto tu, scendono nel turpiloquio e nella dietrologia, senza conoscere quello che è accaduto nel passato in questa Città, in questa provincia, in questa Italia. Se leggi con il dovuto acume, e nei hai tanto, noterai che quel che scrivo è sempre attinente al contenuto dei tuoi articoli e se li trovi, a volte, infarciti di dietrologia, significa che per rendere chiaro il mio pensiero bisogna giocoforza parlare del passato per collegare il tutto al presente. Sforzati di essere imparziale e di trasmettere ai giovani la verità in modo che comprendano come affrontare il loro avvenire.
    Elio Presutto
    Caro Azzo, anche se agli anonimi non si risponde, perché vigliacchi, cerca di ricordarti quello che scrivo, perché un giorno mi darai ragione e sappi che solo il Nazismo, il Comunismo e il Fascismo , negavano la libertà di pensiero e di parola, oggi, invece, consentono anche a quelli come te, grazie a Dio, di dire cose offensive e stupide, senza incappare nella solerte e puntuale cazziata di Admin.

    • Per Elio Presutto-
      La mia non è affatto una cazziata, non avrei nessun titolo per farla. Purtroppo, e lo hai fatto ancora in questo tuo intervento, che al pari degli altri è stato pubblicato, pur non condividendone, impostazione e contenuti, continui a dare patenti di corruzione e di immoralità, o per quanto mi riguarda di parzialità e addirittura di connivenza.
      Caro Elio, chi mi deve mettere la penna in mano e le idee nel cervello ancora deve nascere e tu lo sai benissimo. Parli sempre al passato e traspare nei tuoi commenti un livore smisurato e mal riposto verso tutti quelli che a torto a ragione individui come persone che non ti garbano o che hanno evidentemente abusato di te o di qualche tuo familiare. Queste cose non mi interessano.
      Certo, non sono perfetto, altrimenti mi avvierei alla santità, ma da uomo democratico, veramente democratico e non a chiacchiere, non ho preconcetti verso alcuno, ne talpoco nei tuoi confronti. Ma non devi dire bugie e fare la vittima con me, quando asserisci che ti ho oscurato e non ho pubblicato i tuoi interventi, ripeto, dei quali ti riconfermo non condivido nemmeno una parola. Hai avuto spazi che non ho dato ad altri, e non mi serve che adesso fai le scuse ad un giovane che non c’entra niente dopo che lo hai tirato in ballo. Non ti è consentito e non è giusto. le tue scuse non valgono niente, mi dispiace, ormai il danno lo hanno già fatto.
      I giudizi che ho nei confronti di chi governa a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale, sono quelli che quotidianamente esprimo liberamente, frutto di valutazioni politiche e non di fatti personali. Non mi sogno di attribuire del “corrotto” a chicchessia, non sono un tribunale e non sono nessuno dei tre gradi giudicanti che sono la garanzia del sistema giudiziario italiano che molti gaglioffi contestano solo per sminuire le proprie colpe.
      Le mie critiche sono critiche basate su fatti ma con valutazioni politiche che non toccano le sfere personali se non nel momento in cui queste si mescolano con i ruoli che i vari soggetti politici ricoprono.
      Non sono un seguace di Melchionda, e anche se lo fossi, la mia onestà intellettuale non mi impedirebbe di criticarlo se sbaglia nel suo operato di uomo politico, allo stesso modo non sono un catto-comunista, non appartengo a nessuna delle due definizioni, sono un lib-lab un laburista-liberale e in quanto tale aborro nella maniera più assoluta i riferimenti che tu spesso ti aggrappi quando citi il socialismo craxiano, quella distorsione del socialismo è fatto di corruzione e di malaffare ed è stato il più grande tradimento che si poteva fare ai danni del socialismo.
      Possibile che tu parli e sparli e accusi gli altri di essere “comunisti” come se fosse un peccato, “nazisti”, “fascisti” e magari poi hai parole di giubilo nei confronti del Ministro dell’Agricoltura Saverio Romano, e chi è più libero di te?
      Inviti ad inviare alla magistratura i tuoi scritti. Mandali tu. Possibile che non sappia scrivere critiche che non siano offensive e che non contengano giudizi sommari sulle persone?
      Puoi farlo e come, per dimostrare che il tuo cervello non sia obnubilato dall’odio. Ma in ogni caso non ti è consentito sputtanare le persone e ne talpoco un giovane.

  17. Ultimissime dal fronte della Societa’ Risanata : il sedicente avvocato C….o ancora frequenta i locali della municipalizzata, (le dimissioni sono ancora di la’ da venire) solo per contare i proventi dei parcheggi e “staccare dividendi ” cioe’, in parole povere e colorite “fare le spartenze a cumpagniello” ,come si dice nella “Societa’ Riformata”, dei soldi raccolti alla rinfusa e senza controllo alcuno dalle truppe fabianesche con “capa ‘e vaccina” (alias il Minotauro allevato nelle cardielliane stalle) in testa. Affidare gli unici proventi di questa societa’, perche’ da ora in poi si occupera’ solo di parcheggi, anche se scelleratamente gestita , cosi’ facilmente e alla buona, senza controllo alcuno, al primo venuto e’ semplicemente pazzesco…. e se uno di questi per un motivo qualsiasi si trova in difficolta momentanee …e infila le mani nel sacco e poi ..se strada facendo trova un amministratore …il quale chiede a sua volta di attingere dal sacco e poi un poco piu’ in la’…qualcun’altro.. .vi renderete conto che un bilancio, con questo modus operandi, non potra’ che chiudere in passivo, nonostante la consulenza del professor Tungsteno.
    Sapete perche’ la sera, in cui si sono esibiti i Modalist al Palabrunocapumasci, e’ finita a pugni e’ schiaffi? Ve lo dico io e potete chiedere lumi anche alla caserma dei carabinieri dove il fatto e’ stato denunciato dalla parte lesa : una questione di contabilita’ … piu’ di uno ha messo le mani nel sacco, qualcun’altro ha cercato di mettercele… fino a quando qualcuno vi e’ stato pizzicato con le mani dentro dagli operai , ne e’ scaturita la discussione che e’ degenerata in quell’incontro di catch che e’ finito su tutti i quotidiani locali : dai circa euro.. dopo il trattamento il sacco ne conteneva meno della meta’.. era bucato e nessuno se ne accorto… e in quella serata sono circolati molti blocchetti di ricevute “appezzottati”. E’ semplicemente vergognoso questo orrendo modo di gestire una societa’ pubblica e il silenzio connivente dei complici e di chi dovrebbe opporsi e denunciare questi comportamenti da soci di consorzio criminale.
    Per far fallire una societa’ che si occupa della gestione di parcheggi e di un palazzetto dello sport, non bisogna fare altro che affidare a terzi i parcheggi e non farsi pagare il fitto degli impianti sportivi gestiti e delle strutture ad essi collegati.

  18. Caro Massimo.
    ti voglio veramente e fraternamente bene e ho sempre apprezzato la tua intelligenza, ma ciò non toglie che sei ingiusto nel paragonarmi a molti gaglioffi che contestano solo per sminuire le proprie colpe, cosa che può, legittimamente, pensare chi non conosce i fatti del passato ma non tu che dovresti conoscere, a mena dito, la verità sulle tragedie subite dai Socialisti Italiani. Offendi la memoria di un grande statista, ignorando che Craxi, da novello Robin Hood, nella Foresta del Giustizialismo Catto-Comunista, tolse ai ricchi per finanziare la Cultura Socialista ed i Popoli oppressi del Medioriente. I Comunisti, invece, si fregavano i soldi del Popolo Russo e frodavano i soldi dei poveri lavoratori delle Coop, dell’Unipol e delle Imprese Pubbliche, per pagare i Funzionari del loro Partito (a Salerno ricordo un certo De Luca), per impossessarsi del Potere Politico ed Amministrativo Italiano. I Democristiani Sinistrorsi, frodavano ricchi e poveri per rimpinguare le tasche personali (Scalfaro, De Mita, Prodi, fino all’infinito).
    Bettino Craxi, intuì che l’Italia, solo geograficamente unita, con un Centro Nord, ricco e potente ed un Meridione e la Sicilia, poveri ed indifesi, aveva bisogno di riscoprire i valori ed i mezzi, per riunificare idealmente ed economica la Nazione. Con Giuseppe Garibaldi e la legge Craxi a favore delle imprese del Sud, riuscì a ridestare, in tutti gli Italiani benpensanti, i sentimenti di Patria e di fratellanza. A questa colossale opera di rilancio economico dell’ex Regno delle due Sicilie, parteciparono, con la loro Cultura ed intelligenza, i Compagni Giacomo Mancini (Calabria), Enrico Quaranta (Salerno), Rino Formica e Claudo Signorile (Puglia), Salvo Andò e Salvatore Lauricella (Sicilia), Caldoro padre e figlio e Giulio Di Donato (Napoli), Silvano Labriola, Carmelo Conte (Eboli, Salerno, Campania, Italia), i Democristiani Aldo Moro (Puglia), Emilio Colombo (Basilicata), Bernardo D’Arezzo (Campania) e milioni di Amministratori Regionali, Provinciali e Comunali.
    Memore degli insegnamenti di Nenni, Lombardi, De Martino ed ispirandosi alla Rivoluzione Francese, lottò per l’affermazione della Libertà, dell’Umanità e della fratellanza tra i popoli, giungendo a difendere ed imporre l’Europa Unita.
    Solo l’Odio e l’Invidia di uomini che non avevano saputo avvertire la rivoluzione Culturale del rinnovamento e del Riformismo Democratico, lo fermarono e lo trucidarono vilmente, nel Parlamento Italiano. Ho sempre apprezzato la tua disponibilità nel pubblicare qualche mia riflessione, però non tollero che il mio nome non appare nei “Commenti Recenti”, cosa che appare volutamente discriminatoria nei riguardi miei e di quelli (sono molti) che mi stimano e apprezzano quello che scrivo e che, pur non partecipando alla dialettica di questo blog, quotidianamente leggono cosa scrivi tu e i commentatori. Ti perdono per il gaglioffo (perdona quelli che non sanno), anche se, nel profferire tale appellativo, evidenzi una dose di odio e di disprezzo verso la mia persona. Cosa che mi duole molto è la tua finzione di non comprendere che non sparo nel mucchio e i miei giudizi non sono sommari e non colpiscono tutti, ma sono ben indirizzati a personaggi ben noti che continuano a dominare l’Italia, le Città e i cittadini, senza alcun ritegno. Sappi che l’odio, la cattiveria, l’acredine e non fanno parte del bagaglio della mia cultura e della mia modesta intelligenza ed anche se ho citato il figlio (le mie scuse sono sincere e a te non è consentito fare il Solone) di uno dei responsabile dei misfatti compiuti contro il popolo Ebolitano. Hanno aggredito con odio e con violenza la mia persona ed i miei cari, senza che tu intervenissi a tacciarli di spergiuri, costringendomi a parlare di miei fatti personali per rintuzzare gli stolti che, invece di criticare le miei riflessioni, anche se non gradite a te e a pochi, si lanciavano e si lanciano a sparare giudizi poco accorti ed offese che, persone come me, certamente non meritano. Forse, a ben pensarci, i vostri epiteti offensivi, mi hanno spronato a raccontare, per chi non conosce la verità, abusi e soprusi, prepotenze, misfatti, delitti e fatti compiuti da irresponsabili Pubblici Manettari, da corrotti Amministratori della cosa Pubblica, da Sindaci incapaci e, alcuni, corrotti e dalla pletora di leccapiedi che sguazzano in questa galassia alla deriva. Menti quando asserisci che ho inneggiato all’On. Ministro Romano, mi costringi ad invitarti a rileggere la mia lettera per constatre che conteneva un semplice benvenuto verso un Ministro della Repubblica che veniva ad Eboli per inaugurare Opere Pubbliche realizzate anche grazie al suo interessamento. Ha ragione il Compagno Socialista Ministro Sacconi, quando afferma che sapete solo seminare odio e inculcare nella mente dei giovani, la ribellione e la violenza, come accaduto a Marco Pannella, durante la manifestazione Romana, travolto da sputi e da invettive minacciose, da parte di giovani che stavano marciando in corteo per contestare democraticamente contro gli abusi di Banchieri e Finanzieri. Sappi, una volta per sempre, che non ho nulla da farmi perdonare e che sono io che dovrei perdono gli sciacalli e i portatori di distruzione delle famiglie e della società, al solo scopo di impossessarsi del potere o di decidere i destini degli Italiani, con mezzi medioevali e contro qualsiasi etica e morale. Sappi che non riesci ad offendermi con le tue sortite, perchè esse si rivoltano contro di te nella mente di tutti quelli che leggono ma non scrivono.

    • Per Elio –
      Poiché ti conosco e so che sei intelligente, escludo che non hai compreso quello che ho scritto, vuol dire che, volutamente, non hai intenzione di comprendere.
      Sgombriamo il campo immediatamente: non nutro odio per te. Perché dovrei odiarti? Sgombro immediatamente un altro campo, riguardo alla discriminazione: quello che non appari nei commenti recenti. Non so perché succede, è capitato anche ad altri, appena sarà reevisionata la nuova veste grafica, si partirà da zero e forse, qualche errore di smanettamento che ho commesso, spero di non ripeterlo più. In ogni caso sono sempre stati pubblicati.
      Riguardo ai contenuti, ripeto, sebbene non li condivido, non apprezzo i tuoi giudizi sommari, che continui a dare anche in questo post, Su Prodi, Scalfaro, De Mita, De Luca, e che c’entrano? per il resto, al contrario, se esprimi opinioni e tuoi punti di vista, non si può che rispettarli, se al contrario vuoi condirli di storia, mescolando fatti, avvenimenti, cronaca e politica recente o meno, facendola passare per verità, allora la cosa si complica e si è costretti a dire di non essere affatto d’accordo e prenderne subito le distanze, che diventano siderali, soprattutto quando associ uomini di grande spessore politico come Nenni, Lombardi e De Martino, facendo eccezione del mio amico Conte, anche lui uomo di grande spessore politico ma criticabile per altri aspetti, ad altri che quello spessore non avevano, ma che al contrario, proprio per quella “deviazione/distorsione”, condannabile a piè pari, pur occupando il proscenio perché ingombranti per il potere che esercitavano e per quello che rappresentavano, non hanno lasciato niente se non macerie.
      Elio, la vita è complicata, abbiamo consegnato ai giovani un mondo senza futuro, si siamo frusciati il loro futuro, credo dobbiamo prenderne atto e almeno nel corso della nostra vecchiaia essere sereni ed affiancarli per proteggerli.
      Massimo Del Mese

  19. Geronimo. Per “eliminazione dalla vita civile” intendo dire VIA DALLA VITA POLITICA ATTIVA. Non capire male. Chi istiga alla violenza non è chi parla ma chi agisce male danneggiando i propri cittadini!! Admin questo è il senso delle mie parole che, se non hai censurato, avevi capito molto bene

  20. Per l’uomo che piscia dai balconi e dice che piove.
    Come si dice al paese mio : “tu si’ ‘na carta letta”!
    Non sforzarti a cercare pezze d’appoggio o capri espiatori, tanto ti conoscono tutti.
    Di te la gente conosce anche i minimi particolari percio’ non sforzarti, nella tua rete di menzogne non ci cadra’ mai nessuno, perche’ ti conoscono tutti e non sei un esempio da seguire e fino a quando ci saranno persone come me e come Massimo che conoscono i fatti che ti hanno visto come attore non protagonista, perche’ gli attori protagonisti erano di ben altro spessore, e criminale, e politico, tu eri una comparsa ben retribuita ma sei rimasto sempre un buon “attore caratterista”. I tuoi problemi sono iniziati con la fine delle organizzazioni criminali e politiche che in provincia di Salerno dettavano legge e tu ci sguazzavi dentro, altro che perseguitato politico, in Italia non ce ne sono, tu sei incorso nei rigori della giustizia perche’, come gia’ ti ho detto in passato, frequentavi gente della peggiore risma e le cose non potevano che andare diversamente. Ti capisco, oggi le cose ti vanno male, e hai dovuto cambiare tenore di vita …non piu’ automobili di lusso…guardaspalle e autisti…. non piu’ “paranze” …fine della dolce vita….condanne per camorra che ti sono state comminate da giudici comunisti i quali non ti hanno “aiutato” nonostante abbia fatto, a un fratello di uno di questi, vincere un concorso e meno male che ce ne e’ ancora qualcuno e non continuo enumerando tutte le altre stronzate ….e alla fine concludi quella schifezza di intervento ergendoti a “moralizzatore” affinche’ i giovani seguano i tuoi consigli per affrontare meglio il loro avvenire.. “ma ce si’ o ce fai?” quei giudici manettari e cattocomunisti dovrebbero solo per questo farti tradurre a Barcellona Pozzo di Gotto.

  21. errata corrige.Andare diversamente.

  22. Ancora continua chisto. A noi non interessano tutte queste prediche sbagliate e corrette ad uso proprio e nemmeno tutti questi reati commessi e magari qualcuno è anche sfuggito alla giustizia. Per favore risparmiatecelo.

  23. Preferisco cento Presutto, e nemmeno un cicirinella, julius evola, az 2o, geronimo, the dandy ecc. ecc.
    Ho molte motiviazioni ma ne espongo SOLTANTO una :
    Quando parlo con il Dott. Elio Presutto so con ki parlo………………………

    P.S. Uno degli attuali e veri problemi di Eboli e che oggi vi sono troppi filosofi, oratori e poilitici anonimi……

  24. Invece uno dei veri problemi , anzi, una vera piaga di Palermo è………………

    http://www.youtube.com/watch?v=ssohRl-rxtU

    P.S.: della serie “PAESE CHE VAI PROBLEMA CHE TROVI”!

  25. La ” diatriba” apertasi fra Elio e Massimo ( uno mio vecchio amico e l’atro più giovane ma altrettanto amico) NON MI PIACE.
    Non mi piace , perchè da me non condiviso ” l’escursus storico del Socialismo “craziano” che fa Elio, in quanto è un periodo storico che abbiamo vissuto intesamente insieme, ma su posizioni ed impegno politico diverso.
    Elio con la stragrande maggioranza dei compagni socialisti negli anni 80 e 90, avevano una “visione” della politica nazionale, ma in particolare locale, proiettata al raggiungimento ed alla gestione del potere e questa idea maggioritaria nel Partito, ha consentito che salissero sul treno ( il PSI) un sacco di personaggi che delle idee del socialismo, non avevano alcuna identificazione. Alla prima fermata sono scesi e saliti su altri “treni”. Abbiamo, abbiamo, caro Elio commesso troppi errori e chi sbaglia ….DEVE pagare, non deve trovare motivazioni e giustificazione negli errori che altri hanno commesso e continuauno a commetere nel nome della DEMOCRAZIA PARTECIPATA per giustifica la propria STORIA e le proprie sconfitte.
    Caro Massimo, non mi piace l’approccio nelle risposte che spesso fai ad Elio, in quanto sento nelle tue parole un leggero soffio di autorimprovero e rincrescimento per non condividere l’impostazione che Elio fa dei suoi interventi.
    E’ difficile, molto difficile condividere quello che Elio in questi “ultimi anni” ci propina, ma io lascere ai frequentatori la libera interpetrazione delle sue elucubrazioni,
    Anche io sono fra quelli che amichevolmente avevano suggerito ad Elio di condividere il vecchio adagio ” IL SILENZIO E’ D’ORO”, ma lui lo ha interpetrato male e per la stima che lui ha nei miei confronti ( più volte ed in tante occasioni dimostrato) e per l’affetto che io nutro nei suoi confronti ho smesso di suggerigli di “smetterla” nell’usare toni che irritano e creano confusione fra i lettori di questo blog. Pertanto, credo, che se Elio intende insistere, tu dovresti evitare commenti giustificatori, ma limitarti a dirCI, che ANCHE TU NON CONDIVIDI quello che il nostro comune amico imperterrito diffonde.
    Con grande affetto per entrambi, antonio lioi

  26. Per Carmelo C. . Non poteva essere altrimenti! Pure tu discendi da una famiglia di “perseguitati politici” ed infatti uno, quello che ti è più vicino, è stato arrestato e successivamente condannato per aver rubato le caramelle a un bambino che aveva il padre e il nonno ferventi missini, mentre l’altro ….l’altro non è stato …ancora assolto perchè ha incontrato, sulla sua strada, solo giudici giustizialisti e cattocomunisti!
    Tu, invece, resta dove sei e, probabilmente, resterai fuori da queste brutte storie di persecuzione politica, anche perchè tra questi giudici potrebbe esserci un cultore della “nemesi storica” e farti pagare le colpe di tuo padre, che a mio modesto parere, non ha pagato quanto doveva.
    Io mi rendo conto che tu parteggi per Presutto non perchè tu condivida le sue idee e le sue malefatte, ma solo perchè tu sei affetto dalla “sindrome di Stoccolma”, la sindrome di Stoccolma è un particolare stato psicologico che interessa le vittime di un sequestro o di un abuso ripetuto che nutrono sentimenti positivi verso l’aguzzino che vanno dalla solidarietà all’innamoramento, quindi non ti poteva accadere cosa diversa essendo il tuo ambiente composto, soprattutto durante la fanciullezza, da centinaia di simil Presutto.

  27. Stolto Latinista, accetto qualsiasi oltraggio ed offesa, quando sono corroborate da elementi certi e non da vaghe illazioni. Quando si accusa qualcuno di malefatte è d’obbligo citare e precisare quali sono i crimini commessi da chi tu, anonimamente, ti prendi la libertà di aggredire continuamente. Aggredisci anche un giovane che, più volte, ha dichiarato di non condividere, in toto,le mie riflessioni (non elucubrazioni, caro e fraterno amico Antonio) tacciando di camorrista il Padre che, assolto in primo grado, con formula piena, ora si vede, per l’odio e la frustrazione di una Pubblica Giustizialista, richiamato sul banco degli accusati, per continuare a far soffrire i suoi cari e far sollazzare chi non riesce ad elevarsi in questa società di ruffiani. Caro Antonio, i pochi uomini che ho portato nel PSI,( in cui ero solo un semplice e fervente militante, anche se ho ricoperto cariche prestigiose (Consigliere Comunale, Assessore, Vice Sindaco, Sindaco e Manager della Sanità Salernitana), svolte con amore, umanità, abnegazione, trasparenza e qualche errore di valutazione, si sono dimostrati, nella loro opera, a qualsiasi livello, appassionati Socialisti. La mia principale colpa è stata quella di aver contribuito, con la mia travolgente, intelligente e moderna capacità amministrativa, al grande successo del PSI a Eboli (quasi il 50% dei consensi elettorali), e nella provincia tutta, con oltre il 35%. Colpa, nel senso che questi successi (anche Avellino e Benevento oltre il 30%), scatenarono l’invidia e l’ira di De Mita e dei Comunisti (quelli con i paraocchi). Acido LATINISTA , rivela la tua identità e la tua appartenenza politica e vedrai che ti svelerò tutte le possibili malefatte della tua famiglia e dei tuoi amati referenti politi. Certamente non sei un Laburista (Giustizia sociale, fraternità,libertà, umanità, difesa dei lavoratori e del lavoro, a tutti i livelli della Società che produce) come il caro Massimo, a cui concedo qualsiasi libertà di giudizio sulla mia persona, perché non dettata dall’odio e dal livore, cosa di cui sei capace solo tu e tutti quelli che vogliono ignorare la Storia e aggrediscono con violenza chiunque si sforza, a volte anche con noiose ripetizioni, di tramandare ai giovani la Memoria.

  28. Grazie Armando V. per la precisazione. Non avevo dubbi, ma ho preferito puntualizzare perchè ultimamente si incappa in facili strumentalizzazioni e il clima è rovente.

  29. @ Carmelo C.
    Tienitelo caro caro ma non lo lasciare, per te sicuramente è prezioso e non vale la pena dividerlo con gli altri.

  30. X Julius,
    se devo pagare x le colpe di mio padre, ben venga……..
    Però nn capisco che centra con il fatto che io ho detto che mi piace parlare con Presutto poikè so chi ho di fronte.
    Non parteggio affatto x lui, infatti molte volte ci sono state anche delle discussioni basate xò sull’EDUCAZIONE E LA CORRETTEZZA reciproca.
    Nn posso in nessun caso parteggiare x te, x il solo fatto che nn ti conosco e nn so che sei.
    I tuoi scritti, mi fanno dare ragione di nuovo al Dott. Presutto, quando vi chiama tifosi dei giudici giustizialisti e cattocomunisti. Ed è un signore .
    Io direi ben altro, personalmente xò se te me ne dessi la possibilità.
    A me piace parlare di politica ed altro con chi si mette in discussione e chi ci mette la faccia. Te nn lo fai, quindi spero di chiudere qua il discorso.
    Sono sempre disponibile xò x un qualsiasi chiarimento, sempre se viene fatto xò da uomo a uomo come fanno le persone adulte. Nn come quelli che si nascondono dietro un pc ed un nick name.
    Sei scorretto e poco informato quando dici che mio padre nn ha pagato x i suoi reati POLITICI.
    Nn voglio polemizzare ulteriormente e adesso ti saluto, anke se fidati nn lo meriteresti .

    P.S. Nn fare la vittima come gli altri, che dicono che hanno paura di ritorsioni. Poikè faresti ridere, infatti di fronte hai il Dott. Presutto che è settantenne ed io ke nn siamo affatto dei camorristi.

  31. qualche cattiveria ,
    , , riguardo la MULTISERVIZI:
    – nientedimeno il prof. METALLO, amico del Sindaco, ha partorito il piano industriale della FIAT, pardon, della Multiservizi; e che ha fatto ? come illustrato da un altro illustre economista locale il cons. Caputo, ha aumentato le tariffe dei parcheggi cittadini del 33, 34 %.
    – come non bastasse, un altro illustre amministratore locale, celebre trapezista, il prof. Arturo Marra, ha fatto inserire nel piano industriale della FIAT, pardon, della Multiservizi e fatto votare con 17 voti striminziti l’adozione dei parcheggi a pagamento in due strade vitali per la città; via Matteotti e via Nobile!!!!!!!!!!!!!!!! –
    – e l’opposizione ??????????????? D O R M E !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    -ma a proposito delle tariffe uniche, ma questi egregi e ben pagati economisti,nonchè i consiglieri della maggioranza, sono mai usciti dal guscio cittadino??? ma sanno lor signori che in tutte le città italiane, nel centro, davanti agli ospedali, alle Stazioni Ferroviarie, agli aereoporti e nei luoghi di grande stazionamento viggono tariffe A TEMPO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!; se vado in ospedale aCampolongo o ad Eboli e devo stare per pochi minuti ma perchè devo pagare una tariffa unica ora di € 1.50 e fra poco di € 2.00 ( + 33 %) e non una tariffa oraria ???????????
    – ma certo dobbiamo appianare i debiti dei 40 e passa addetti Multiservizi; a proposito ma come vengono impiegati questi addetti e in quale mansione???? visto che ormai la riscossione dei parcheggi cittadini e del nostro FETIDO LITORALE sono in mano a varie persone scelte in base a che cosa?
    – ma non è che l’allargamento dei pacheggi a nuove vie cittadine voglia far fuggire gli utenti delle attività commerciali alla panacea di tutti nostri guai : il CENTRO COMMERCIALE ” LE BOLLE ” e poi fra poco al CILENTO OUTLET?????; a proposito, rivolto ai manutengoli dell’Amministrazione Comunali, come va con la spartizione delle CENTINAIA di promesse di posti di lavoro???? Certo avete tanto da fare, da dividere , e da ripromettere!!!!!!!!!!!
    BASTA. NON NE POSSO PIU’. povera E B O L I , in mano ai serresi, ai campanini e tanti manutengoli giunti e ben sistemati da altre contrade.

  32. Chiedo scusa di non aver mai citato il MEGA PRESIDENTE, di nome e di fatto, dott. Masci Gianfranco, calabrese, che si è dimesso dalla carica, guarda caso,in prossimità della discussione sul Piano Industriale della FIAT, pardon , della Multiservizi. MAH !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente