Istituito il Registro dei Tumori: Ok dal Consiglio Regionale Campano

Con l’unanimità dei presenti, 54 su 54, il Consiglio Regionale della Campania ha istituito il “Registro dei Tumori”. Soddisfazione Bipartizan.

Il testo approvato all’unanimità.”Strumento fondamentale per la prevenzione e la rilevazione dei dell’incidenza delle patologie oncologiche su tutto il territorio campano”.

palazzo-santa-lucia

NAPOLI – Il Consiglio regionale della Campania all’unanimità dei presenti ha approvato la proposta di legge che istituisce il Registro dei tumori, atto richiesto da più partiti già nei scorsi mesi. E’ stata espressa, piena soddisfazione sia da parte della maggioranza come dell’opposizione. Per favorire l’accordo che poi ha portato al voto unanime, la seduta è stata sospesa per oltre 4o minuti, e così il testo, appena si è ripresa la seduta, e dopo aver raggiunto l’intesa tra il Presidente della Commissione Sanità, Michele Schiano (Pdl) e il consigliere del Pd Nicola Caputo, è stato approvato all’unanimità dei presenti con 54 voti su 54 votanti, sono stati ritirati numerosi emendamenti, ad eccezione di quelli che sono stati recepiti nel testo definitivo.

Nicola Caputo PD

“E’ un risultato molto importante che il Consiglio regionale sia riuscito finalmente, a varare la legge che istituisce il Registro dei Tumori in Campania. – Dichiara Nicola Caputo Consigliere regionale (PD) e Presidente della Commissione Trasparenza. – “Non si può non dire – continua Caputo – che l’approvazione di questa importante norma, arriva con un gravissimo ritardo e solo dopo le vibranti proteste di gruppi, associazioni, nonché del mondo scientifico. Si poteva evitare di perdere tempo prezioso, – aggiunge Caputo – io stesso già nel 2010 presentai una proposta di legge per l’istituzione del registro dei Tumori e nonostante le mie insistenze e le richieste di messa all’ordine del giorno per la discussione dell’aula, anche richiamandola ai sensi dell’articolo 59 del regolamento, la legge è stata sempre accantonata. Oggi con il varo di questa legge dotiamo finalmente, la regione di uno strumento indispensabile, di monitoraggio e di valutazione di tutte le azioni poste in essere in tema di prevenzione oncologica. Si è perso troppo tempo – conclude Caputo – ma alla fine vale il detto: meglio tardi che mai! Oggi si è portato a compimento un importante passaggio normativo la cui valenza contraddistinguerà l’attività dell’intera Legislatura”.

Luigi-Cobellis-conferenza-UDC

Tutti i Partiti hanno espresso un giudizio positivo, mostrando sensibilità nei confronti dell’iniziativa. “La Campania ha finalmente un registro regionale dei tumori, – Ha dichiarato Luigi Cobellis, capogruppo Udc in Consiglio regionale della Campania e Segretario provinciale di Salerno, commentando l’approvazione della legge che istituisce il registro regionale del tumori – uno strumento fondamentale per la programmazione e la prevenzione. Per questo voglio esprimere la mia più viva e sincera soddisfazione, sia come rappresentante delle istituzioni che come medico”.

“Con il registro – spiega il Capogruppo Regionale dell’UDC Luigi Cobellis sarà possibile avviare la rilevazione dei dati riguardo all’incidenza delle patologie tumorali sull’intero territorio campano, e attraverso l’istituzione di una rete di conoscenza dall’alto valore scientifico saremo finalmente in grado di stabilire i vari indici che identificano l’evolversi della malattia e referenziarli dal punto di vista geografico. Si tratta di una mappatura importantissima per un territorio come quello campano sottoposto ad alti rischi ambientali”.

Napoli – 18 giugno 2012

1 commento su questo articoloLascia un commento
  1. Era ora. Adesso bisogna garantire anche i livelli minimi di assistenza.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente