Teatro Verdi: Michele Placido nel tragico “Re Lear” di Shakespeare

La Stagione di prosa al “Teatro Verdi”, prosegue con Michele Placido in “Re Lear”.  

L’attore e regista pugliese sarà protagonista, da giovedì 1 a domenica 4 novembre” di un atteso Re Lear. La messa in scena è della Coop Teatro Ghione/Goldenart Production per la regia dello stesso Placido con Franco Manetti.

Michele Placido-Re Lear

SALERNO – Continua la Stagione di prosa al Teatro Verdi di Salerno, si prosegue con Michele Placido in “Re Lear”. Gli spettacoli in programma dal  1° al 4 novembre. Entra nel vivo così, la stagione di prosa del Teatro Municipale Giuseppe Verdi di Salerno. Dopo il successo di Massimo Ranieri che ha inaugurato il cartellone della stagione 2012-2013, un altro grande protagonista è atteso sul palcoscenico del Massimo cittadino, si tratta di MIchele Placido.

L’attore e regista pugliese sarà protagonista, da giovedì 1 a domenica 4 novembre” di un atteso Re Lear. La messa in scena è della Coop Teatro Ghione/Goldenart Production per la regia dello stesso Placido con Franco Manetti. Uno William Shakespeare attuale quello che Michele Placido porta sulla scena del Teatro Massimo di Salerno se si tiene conto di quello che sta accadendo oggi in Italia.

Re Lear Placido esplora l’esistenza umana e la sua stessa natura laddove l’amore e il dovere, il potere e la sua perdita, il bene e il male rappresentano quel baratro che ci porta alla fine. Raccontando proprio quella fine di quel mondo, e l’immancabile crollo di tutte quelle certezze che avevano caratterizzato un’epoca, e di quì la paura dell’uomo di fronte a quelle leggi dell’universo verso le quali nulla si può se non accettarle. La storia di Lear è la storia dell’uomo e della civiltà che si credono eterne, ma che non sono altro che parte di quella stratificazione del potere che di volta in volta prevale sugli altri e ne rimane poi sopraffatto, parte di quel processo che ricostruisce distruggendo e di quì macerie su macerie o ricostruzione su ricostruzione. Il Re Lear e la sua rappresentazione rievoca quelle ombre contemporanee degli uomini e  del mondo di oggi fatto di privilegi e di potere, che sembra cadere e poi si ricostruisce in un turbinio di eventi che staiamo vivendo più realisticamente de Re Lear, sperando di prendere definitivamente coscienza di volere una realtà diversa.

Ritornano anche gli appuntamenti di “Giù la maschera” organizzati dal Teatro Pubblico Campano e dall’Associazione Amici del Teatro Verdi per permettere agli spettatori di conoscere da vicino i protagonisti degli spettacoli in cartellone.

L’incontro con Michele Placido, condotto dal giornalista Peppe Iannicelli, avrà luogo venerdì 2 novembre alle ore 18.30 nel foyer del Teatro Municipale Giuseppe Verdi in via Roma a Salerno. La partecipazione a “Giù la maschera” è libera e gratuita.

Gli spettacoli son in programma da giovedì 1° novembre a sabato 3 novembre alle ore 21.00 e domenica 4 novembre alle ore 18.30.

…………………………………  …  …………………………………..

ERCOLE PALMIERI per GHIONE PRODUZIONI e GOLDENART PRODUCTION

Michele Placido

Re Lear

di William Shakespeare
traduzione e adattamento Michele Placido e Marica Gungui

con

GIGI ANGELILLO (Conte di Gloucester)

e con

MARGHERITA DI RAUSO, FEDERICA VINCENTI
FRANCESCO BONOMO, FRANCESCO BISCIONE
LINDA GENNARI, GIULIO FORGES DAVANZATI
BRENNO PLACIDO, ENZO CURCURU’
PEPPE BISOGNO, ALESSANDRO PARISE
RICCARDO MORGANTE

Scene

CARMELO GIAMMELLO

Musiche originali

LUCA D’ALBERTO

Costumi

DANILE GELSI

Disegno luci

GIUSEPPE FILIPPONIO

Aiuto Scenografo Emanuela Vicentini
Aiuto Costumista Andrea Grisanti
Aiuto Regia Andrea Ricciardi
Regia di
Michele Placido e Francesco Manetti

…………………………………  …  …………………………………..

Salerno, 1 novembre 2012

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente