Per Polito (FLI) è DISSESTO

Dissesto. E’ il Sindaco del dissesto: questo è Melchionda.E il Consiglio va deserto.

Due dissesti in 17 anni. Polito accusa Melchionda: “E’ una disgrazia … che questo Sindaco e questa Maggioranza continuino la marcia verso la meta più meschina: la bancarotta”.

Polito Paolo

EBOLI – A poche ore dall’ennesimo Consiglio Comunale andato deserto, per mancanza di numero legale, il Consigliere Paolo Polito di FLI, ricordando alcuni fatti ed alcune circostanze in una nota stampa ha dichiarato: “Noi lo diciamo da tempo, lo abbiamo scritto nel comunicato stampa del 10 settembre (Vi preghiamo di rileggerlo). Oggi lo certificano inesorabilmente il Ragioniere, il Segretario e i Revisori di questo Comune, che vanta un triste primato: due dissesti in 17 anni.

Proprio così, 17. – ricorda Polito, soprattutto mettendo in evidenza il numero “17” per indicare la sfiga che ha questa Città, costretta a subire un ulteriore fallimento a distanza di 17 anni. Secondo Polito l’assenza della Maggioranza a questo ultimo Consiglio comunale altri non è che la “fuga” dell’Amministrazione rispetto alle sue responsabilità. Quelle responsabilità che viene indicata come – una disgrazia … che questo Sindaco e questa Maggioranza continuino la marcia verso la meta più meschina: la bancarotta.

Tante città italiane sono in difficoltà, ma non ci pare che tutte siano a rischio fallimento. – continua Polito – Questi hanno superato ogni limite, ci hanno portato alla rovina. Alla protervia aggiungono incapacità amministrativa e miopia politica. – e richiamandosi al Consiglio comunale deserto – Non hanno neanche il coraggio di confrontarsi in consiglio comunale: che ne pensa il Sindaco?

Non hanno più neanche la forza di fare fisioterapia, – ironizza Polito nel momento in cui accusa i consiglieri di maggioranza di votare senza nemmeno sapere cosa votano – quando devono alzare le braccia per approvare provvedimenti che neanche conoscono.

In questi giorni – prosegue il Consigliere di FLI – sono tutti presi dalle “primarie” e stanno raccattando adesioni nella solita guerra tra bande, all’interno di un PD che ormai non ha più nulla da dire e da dare a questa Città. – E ipotizzando quello che accadde sia nella circostanza del tesseramento del PD che in quello del congresso si chiede – Chissà quanti comunitari ed extra hanno iscritto alle primarie; chissà chi ha cacciato di tasca i 2 €. Peraltro per persone che neanche possono votare alle elezioni politiche … ma questa per il Sindaco e per qualcuno della sua maggioranza è solo una questione anagrafica.

Ospedale, Multiservizi (con dipendenti in odore di licenziamento), Polizia stradale, Agenzia delle Entrate, Tribunale e Giudice di Pace … fra poco chiudono, tutti … e loro? SE NE FOTTONO!

E la Città muore. – rileva tristemente Polito – Tanti commercianti chiudono bottega. Al posto delle luminarie – aggiunge rincarando – dovremo mettere i lumini.

Grazie, Sindaco! Grazie Giunta municipale! Grazie Maggioranza! – scrive Polito – Ci avete portato al dissesto! Lasciate questa Città con oltre 50 milioni di debiti (se va bene). Debiti che dovranno essere pagati dai nostri figli.

Incompetenti! Incapaci! – continua nelle sue accuse – Date, almeno, il segno di un ultimo sussulto di dignità (se ve ne è rimasta): dimettetevi! Darete ad altri la possibilità di progettare il futuro di Eboli.

Avete amministrato questa Città, – Conclude il Consigliere di Futuro e Libertà per l’Italia – direttamente o per vie traverse, negli ultimi 16 anni. Avete cominciato dalle ceneri di un dissesto e lì ci riportate. Se noi restiamo in campo, al momento, è solo per un ultimo compito: l’operazione verità, per far emergere tutte le responsabilità, di chiunque abbia partecipato allo scempio.

Eboli, 22 novembre 2012

2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. ebbene si, questa volta si, i vostri figli pagheranno, vostri di quelli che si sono arricchiti per il passato e che poi si sono meschinamente chiusi come il peggiore convitato al tavolo di poker, questa volta si, infatti il dissesto sembra vada ripianato dalle tasse e entrate varie dello stesso ente che lo dichiara che non potranno che ricadere su chi ha e non certo su chi non ha

  2. ..cambiare residenza…immediatamente …..via da questa gentaglia !!! Popolo svegliati !!!!!!!

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente