La CIA tra passato e futuro: Oltre 30 anni di storia dell’Agricoltura salernitana

Venerdì 24 Maggio 2013, re 9.30, Centro Congressi Internazionale “Salerno Incontra” – Via Roma, la Confederazione Italiana Agricoltori ripercorrere le tappe dell’Agricoltura salernitana degli ultimi 30 anni.

Uno sguardo al passato progettando il futuro: Oltre 30 anni di storia dell’agricoltura salernitana. La testimonianza di imprenditori agricoli, che hanno vissuto le vicissitudini che la nostra provincia ha attraversato nel corso degli anni.

.

SALERNO – Venerdì 24 Maggio 2013, alle ore 9.30, nella splendida cornice del Centro Congressi Internazionale “Salerno Incontra” – Via Roma n.29 si terrà l’iniziativa organizzata dalla Confederazione Italiana Agricoltori di Salerno per ripercorrere le tappe dell’agricoltura salernitana degli ultimi 30 anni.

Attraverso la testimonianza di imprenditori agricoli, che hanno vissuto le molteplici vicissitudini che la nostra provincia ha attraversato nel corso degli anni, si cercherà di prendere utili spunti per il futuro prossimo dell’agricoltura salernitana.

Non un passaggio di consegne però, perché come risaputo, l’unica categoria che non va mai in pensione definitivamente è quella degli agricoltori, ma un voler tracciare una linea di continuità tra la vecchia e la nuova generazione di imprenditori agricoli. Lo si intuisce anche dagli interventi che si succederanno, dopo i saluti del Presidente della Camera di Commercio, Guido Arzano:

da quello di  Giorgio Giuliano, limonicoltore della Costiera amalfitana, che tanto ha dato per il riconoscimento del Limone IGP Costa d’Amalfi,  a quello di Mario Codanti, olivicoltore biologico, titolare di una fattoria didattica e di un agriturismo, di cui si conoscono le battaglie per il riconoscimento della multifunzionalità delle aziende agricole, a quello di Vincenzo Petrosino, orticoltore dell’Agro-Nocerino-Sarnese che inizia a lavorare nei terreni del padre dall’età di 12 anni e che tante iniziative ha promosso a difesa del Mercato ortofrutticolo di Nocera-Pagani, oppure  a quello di Carlo Lanaro, che in continuità con il padre Ortenzio, tutt’ora impegnato nell’azienda di famiglia, ha avuto l’intuizione di puntare sulla produzione della IV gamma.

L’intervento di Sergio Sollazzo, infine, Presidente provinciale dell’Associazione giovani imprenditori agricoli della Cia (AGIA), olivicoltore biologico e titolare di un’azienda di IV gamma,  da il senso al titolo dell’iniziativa promossa dalla Cia, il futuro progettato con uno sguardo al passato.

La Confederazione Italiana Agricoltori di Salerno, inoltre,  con questa iniziativa vuole rendere omaggio ai suoi iscritti storici,  attraverso la consegna formale di una “pergamena”  che testimoni la gratitudine per il forte senso di appartenenza manifestato nel corso degli anni.

Un legame di cui la CIA va fiera, perché nonostante le pesanti difficoltà che da sempre attanagliano il comparto agricolo, questi agricoltori,  hanno mantenuto vitale la loro attività e, di conseguenza hanno permesso alla CIA di continuare a rappresentare al meglio gli interessi del mondo agricolo salernitano, difendendo e presidiando intere zone della nostra provincia.

All’incontro parteciperà l’Assessore regionale all’agricoltura, On.le Daniela Nugnes, da sempre attenta e sensibile alle tematiche proposte. L’evento sarà moderato dal Direttore della Cia di Salerno, Domenico Oliva e vedrà l’intervento del Presidente provinciale Cia, Antonio Orlotti.

Le premiazioni agli oltre 100 associati saranno conferite dal Presidente Nazionale CIA, Giuseppe Politi. Dopo la cerimonia di consegna delle pergamene ci sarà il taglio della torta e un brindisi di commiato.

…………………………  …  …………………………….

.

Salerno, 23 maggio 2013

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente