Voza e il Piano di Zona S/10: Un Piano concreto di contrasto alla povertà

Serve la Rivoluzione delle Politiche di contrasto alla povertà e di sostegno alla sicurezza sociale nel PdZ S\10.

il Sindaco di Santomenna Voza, ha chiesto al Sindaco del Comune Capofila Caporale, al Coordinatore e al Sociologo progettista del Piano di Zona delle Politiche Sociali S\10 di Comune di Palomonte (SA), più attenzione ai bisogni e più sostegno alla sicurezza sociale.

Pietro_Caporale_sindaco_Palomonte

Pietro_Caporale_sindaco_Palomonte

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

PALOMONTE – «Serve una rivoluzionare nelle Politiche di contrasto alla povertà – si legge nel comunicato perevenutoci – e di sostegno alla sicurezza sociale. Bisogna mettere in pratica l’esortazione di alto valore solidale e quanto mai attuale di Bartolomeo Vanzetti: volli un tetto per ogni famiglia, del pane per ogni bocca, educazione per ogni cuore, luce per ogni intelligenza“. Perciò è necessario  che il  Piano di Zona delle Politiche Sociali S\10 si adoperi, da una parte, per intercettare le eccedenze alimentari prodotte da questo modo di produzione e consumo capitalistico a favore di chi versa in gravissimo disagio socio-economico, e, dall’altra parte, che ai meno abbienti si  insegni a pescare, e non si regali solo il pesce! Occorre fare ciò anche mediante un nuovo modello di pratica di associazionismo tra comuni, che rompa il circuito tra amministratori locali e bisognosi, per rilanciare quello tra politica e bisogni, rendendo i cittadini più svantaggiati parte attiva delle politiche di sostegno alla sicurezza sociale».

Massimiliano Voza

Massimiliano Voza

Per questo, il Sindaco di Santomenna Massimiliano Voza, ha chiesto al Sindaco Comune Capofila Pietro Caporale, al Coordinatore e al Sociologo progettista del Piano di Zona delle Politiche Sociali S\10 di Comune di Palomonte (SA),  di attuare l’esortazione di Bartolomeo Vanzettivolli un tetto per ogni famiglia, del pane per ogni bocca, educazione per ogni cuore, luce per ogni intelligenza”, prendendo in considerazione:

  1. di impegnare una parte cospicua dei fondi del Piano di Zona destinati al “contrasto della povertà” tramite apposito convenzionamento con strutture che trattano il recupero delle eccedenze alimentari – del tipo “Banco Alimentare” o “Banca delle opere di carità”, che dir si voglia – per un più efficace sostegno delle famiglie che versano in grave condizione di disagio economico;
  2. di mettere a disposizione dei singoli Comuni il know-out maturato dall’Ufficio del Piano di Zona – nonché la “terzietà” opportuna e la professionalità necessaria nell’ambito delle politiche sociali – per la realizzazione di progetti, finanziati dai singoli Comuni, per offrire la possibilità di occupazione temporanea ai componenti delle famiglie che versano in grave condizione di disagio economico, avvalendosi del sistema dei Buoni lavoro (Vouchers) dell’INPS per lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti; lavori in occasione di manifestazioni sportive, culturali, fieristiche o caritatevoli; lavori di emergenza; lavori di solidarietà; in maniera da consentire con una sola mossa ai Comuni di assolvere a pieno a una serie di funzioni e servizi indispensabili, di realizzare in modo più professionale e “imparziale” politiche di contrasto alla povertà e rendere i cittadini più svantaggiati parte attiva delle politiche di sostegno alla sicurezza sociale, come dire: non regalare il pesce, ma insegnare a pescare!
Considerato, da una parte, che l’attuale fase di crisi economica globale e locale mina la tenuta sociale delle nostre comunità favorendone impoverimento e spopolamento; dall’altra, che i Comuni incontrano numerose difficoltà ad assolvere a pieno a una serie di funzioni e servizi indispensabili relativamente alla sicurezza sociale, anche in considerazione del fatto che i Comuni più piccoli dell’ambito spesso non posseggono le risorse, le strutture e talvolta il know-out necessario per affrontare, adeguatamente alla bisogna, la problematica in oggetto.
Palomonte, 20 febbraio 2014
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente