Convegno a Caposele: “Dall’Irpinia alla Valle del Sele: Terre da avvelenare o salvaguardare?

Sabato 22 febbraio 2014, ore 17:00, Aula polifunzionale, Comune di Caposele, convegno: “Dall’Irpinia alla Valle del Sele: Terre da avvelenare o salvaguardare?

Un tavolo tecnico di esperti a livello internazionale e di associazioni campane, discuterà dei problemi legati all’ambiente e alla salute, problemi vitali, dai quali non si fugge, e semmai con l’informazione indicare i pericoli che corrono i territori dell’Irpinia – Valle del Sele.

forum-ambientale dell'appennino

forum-ambientale dell’appennino

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

CAPOSELE (AV) – Le associazioni S.I.L.A.R.I.S., SeLeDonne, Gruppo Attivo Luciano Grasso, Associazione Dodekathlos Contursi nel ciclo di eventi promossi dal Forum Ambientale dell’Appennino, www.forumambientale.org, hanno organizzato per il 22 febbraio alle ore 17:00 nella Sala Polifunzionale del Comune di Caposele l’incontro pubblico per discutere di Ambiente e di salute dal tema: “Irpinia e Valle del Sele in silenzio: terre da avvelenare o salvaguardare?”.

Il Convegno sarà un tavolo tecnico di esperti a livello internazionale che affronteranno la “questione ambientale e conseguentemente i problemi legati alla salute con: Antonio Giordano, Direttore dello Sbarro Institute di Philadelphia USA; Giulio Tarro, primario emerito dell’Azienda Ospedaliera Cotugno di Napoli; Piernazario Antelmi, Vicepresidente del WWF Campania; Michele Buonomo, Presidente Legambiente Regione Campania; Raniero Maggini, Vice presidente nazionale WWF Italia; Franco Ortolani, ordinario della cattedra di geologia all’università Federici II; Antonio D’Avanzo, presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Avellino; Rosa Codella, Commissario capo comando provinciale Corpo Forestale dello Stato.

«Mai come in questi giorni, – dichiara il presidente del WWF Campania arch. Piernazario Antelmi, – stanno ritornando di attualità due parole molto importanti, “salute” e “ambiente”; nel significato di queste due parole, e nelle loro relazione forse sono racchiuse le battaglie che da anni chi ha a cuore le sorti del pianeta, ma anche semplicemente le sorti dei propri figli e del luogo in cui vive o lavora, vive e porta avanti.

Viene naturale pensare oggi alla Terra dei Fuochi, – prosegue Antelmi –come punto di non ritorno della distruzione di un territorio e di un ambiente una volta incontaminato, ma anche di un vero e proprio allarme sanitario, dobbiamo partire da questi esempi e da queste emergenze per scoprire una volta per tutte quelle terre o quei corsi d’acqua ugualmente contaminati che magri perché non hanno la visibilità oggi della terra dei fuochi non rientrano in qualche decreto o legge speciale per tamponare un’emergenza ormai cronica.

Dobbiamo necessariamente accettare la sfida e non abbassare la guardia, conclude il presidente del WWF Campania arch. Piernazario Antelmi – e sfruttare questo momento per chiedere una maggiore sensibilizzazione degli enti preposti, delle amministrazioni che governano il nostro territorio ed in ultimo dei cittadini i quali per primi sono tenuti a rispettare le norme e le regole ma allo stesso momento devono essere loro le vere sentinelle del territorio dove vivono. Noi per il momento dobbiamo tenere alta la guardia ed agire su ogni singolo aspetto che possa pregiudicare la sicurezza e la salute di un territorio e degli esseri viventi che lo popolano, sia essi umani o animali».

La questione ambientale, e conseguentemente quella della salute, diventano problemi impellenti, vitali, dai quali non si può fuggire e che bisogna combattere soprattutto attraverso l’informazione. Un confronto fra i maggiori esperti e le associazioni del territorio campano, porteranno all’attenzione della popolazione sui pericoli che l’ambiente e la salute del territorio Irpinia – Valle del Sele stanno correndo. Le malattie tumorali, il cui nesso con l’inquinamento ambientale è ormai verificato, sono sempre in costante aumento e rappresentano un allarme che rimbomba sempre più forte e al quale non si può rimanere più indifferenti.

Caposele (Av), 20 febbraio 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente