Pontecagnano: Proposta di SEL sui Tributi locali

Sinistra Ecologia e Libertà di Pontecagnano propone una serie di emendamenti per la determinazione dei tributi locali.

Naddeo (SEL): Sostegno a famiglie e imprese, la riqualificazione urbana e l’economia, sono esigenze improcastinabili e gli atti assunti dalla Giunta in determinazione dei tributi locali, conducono a tariffe in rialzo e onerose.

Carlo Naddeo

Carlo Naddeo

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

PONTECAGNANO FAIANOSinistra Ecologia e Libertà di Pontecagnano in una nota avente ad oggetto:  Proposte-emendamenti per la determinazione dei tributi locali; inviata al Sindaco Ernesto Sica, al Segretario Generale del Comune, al Presidente del Consiglio Comunale e a tutti i Consiglieri, con la quale interviene sulla delicata questione dei tributi locali ritenendo che, il sostegno alle famiglie e alle imprese, insieme alla riqualificazione del tessuto urbano e dell’economia, è divenuto un’esigenza sempre più indispensabile e improcastinabile. Purtroppo – per SEL – gli atti assunti recentemente dalla Giunta comunale di Pontecagnano Faiano, per determinare i tributi locali, conducono a pessime notizie, le tariffe sono in rialzo ed onerose!

IMU – La prima casa è esente a meno che non trattasi di Abitazioni di tipo signorile, Abitazioni in ville, Castelli, palazzi di notevole pregio artistico o storico. Per queste tipologie si paga un tributo del 2 per mille con detrazione pari ad € 200,00. Lo stesso tributo senza alcuna detrazione è esteso alle pertinenze quali: Magazzini e locali di deposito, Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse (senza fine di lucro), Tettoie chiuse od aperte.

Per i fabbricati appartenenti alla ctg D: Opifici, Alberghi e pensioni (con fine di lucro), Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (con fine di lucro), Case di cura ed ospedali (con fine di lucro), Istituto di credito, cambio e assicurazione (con fine di lucro), Fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fine di lucro), Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni, Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio, Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole; l’aliquota passa dal 9,8 per mille al 10 per mille.

TASI – attualmente parametrizzata sul valore degli immobili, colpisce sia il proprietario che l’inquilino. Per le Abitazioni principali e le unità pertinenziali, come definite ai fini IMU, ad eccezione di Uffici e studi privati e relative pertinenze, l’aliquota è del 2 per mille e non si applica alcuna detrazione. Per i Fabbricati diversi dall’abitazione principale e le pertinenze, e per le aree edificabili l’aliquota e’ pari all’1per mille che, con deliberazione del consiglio comunale, può essere ridotta a zero.

A nostro avviso alla comunità di Pontecagnano Faiano non servono gli inasprimenti dei tributi comunali  bensì misure di impulso e di sostegno alle persone in difficoltà  e alle imprese che stanno per chiudere è ciò, riteniamo, sia realizzabile oltre che con incentivi mirati anche con una migliore impostazione delle tasse locali.

Per le famiglie, i pensionati, i lavoratori precari o stagionali e i senza lavoro sono assolutamente necessari dei correttivi deliberando dei regolamenti tributari tali da garantire :

  • l’esenzione per i titolari di pensione sociale;
  • l’esenzione per chi ha perso il lavoro o sia titolare di un di trattamento provvisorio a sostegno del reddito;
  • la riduzione dell’aliquota al 1,25 per mille per le famiglie con un ISEE inferiore a 15.000 euro;
  • lo sconto del 30% sull’aliquota per i  nuclei familiari con più di due figli a carico e con un  ISEE fino a  euro 18.000;
  • lo sconto del 30% sull’aliquota da riconoscere ai nuclei familiari in cui vi sono portatori di handicap;
  • l’esenzione totale dell’addizionale Irpef comunale per i redditi annui fino a 10.000 euro mentre superata tale soglia prevedere quattro scaglioni di reddito a fasce progressive.
  • prevedere una riduzione dell’imposta per le seconde case qualora essa sia stata locata a canone concordato o in comodato d’uso.

Particolare deve essere l’attenzione verso le imprese produttive locali che, in questo particolare momento dell’economia, possono procurare vere e durature occasioni di lavoro solo se l’amministrazione locale si fa carico di ridurre le imposte applicabili.

La nuova tassa (Tasi) sulle attività economiche, secondo noi, non dovrebbe essere applicata e l’IMU applicata solo al minimo consentito (8 x mille)  per tutti i piccoli commercianti, i laboratori artigianali locali e le piccole realtà di impresa agricola, turistica e culturale. A ciò andrebbe sommata uno sconto del 20% dell’imposta sugli immobili strumentali delle attività di impresa.

Siamo consapevoli – concludono nella loro nota – che le nostre proposte comportano sacrifici alla struttura comunale in termini di attività e gestione. Riteniamo, però, che i sacrifici  comunque richiesti ai nostri concittadini saranno maggiormente sostenibili ed accettati solo se accompagnati da una politica di risparmio e attenta agli sprechi affinchè non vi sia la spiacevole sensazione che sempre “i soliti” siano a pagare.

Pontecagnano Faiano, 16 maggio 2014

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente