Raggiunto l’accordo ASL – Sindacati sulle indennità

CGIL FP, CISL FP, UIL FPL, UIL PA: Primo passo importante sulla omogeneità del trattamento con la sottoscrizione delle indennità presso l’ASL Salerno.

Da oggi a circa cinque anni dall’ASL unica rilevando che ancora esistono difformità, bisognerà accelerare su altri fondamentali istituti quali produttività e progressioni orizzontali e parte variabile del coordinamento.

.

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – “La sottoscrizione dell’accordo sulle indennità presso la ASL Salerno segna un primo ma importantissimo passo verso la uniformità del trattamento giuridico ed economico – affermano  Pietro Antonacchio Segretario Generale della CISL FP, Biagio Tomasco Segretario Provinciale della UIL FPL e Margaret Cittadino Segretaria Provinciale della CGIL FP  – e da oggi bisognerà accelerare su altri fondamentali istituti quali produttività e progressioni orizzontali e parte variabile del coordinamento, atteso che a circa cinque anni dall’ASL unica ancora esistono difformità.

L’aspetto essenziale – per le Associazioni di categoria – è il ricompattamento delle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto nazionale che molto probabilmente darà un impulso nuovo all’azione delle rappresentanze dei lavoratori a tutela e difesa dei lavoratori ma soprattutto degli utenti che troveranno un innegabile beneficio dalla ritrovata tranquillità di tutti gli operatori e che nel breve periodo, qualora il processo avviato di concreto confronto continuerà alacremente, non si sentiranno più discriminati. Favorire il senso di appartenenza aumenterà la dedizione al lavoro di quanti, nell’ultimo decennio, sono stati mortificati continuativamente nei fatti attraverso la mancata sottoscrizione dei contratti e mediaticamente grazie a insensate quanto inopportune illazioni nei confronti dei lavoratori pubblici.

Partendo – conclude la nota dei sindacati – da questo ultimo elemento che CGIL FP, CISL FP e UIL FPL e UIL PA hanno indetto assemblee per il 23 maggio p.v. in tutto il pubblico impiego per avviare una concreta e vera riforma della pubblica amministrazione che ritorni ad investire sul lavoro e sul sistema dei servizi ai cittadini e la riapertura di una stagione contrattuale per il rinnovo dei contratti. La sfida è di riaprire ad un confronto partecipato per riqualificare  la spesa, eliminare sacche di spreco e investire in servizi efficienti. Processi di riorganizzazione, razionalizzazione ed ottimizzazione dei servizi non possono essere attuati senza una partecipazione condivisa ai processi da parte delle organizzazioni sindacali”.

Salerno, 22 maggio 2014

1 pingback on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente