Il Procuratore Lembo al Convegno su “Giustizia penale e mass media” di Battipaglia

Lembo al convegno “Giustizia penale e mass media” all’Hotel San Luca di Battipaglia: “Preferisco la giustizia razionale a quella emozionale”.

Hanno partecipato al convegno-dibattito, organizzato dalla componente penalnet Ucpi: il Procuratore della repubblica di Salerno Lembo; il Presidente Vicario della Corte d’Appello di Salerno Trincali; il responsabile della redazione de Il Mattino di Salerno Russo.

Sofia-Lembo-Mastia-Tringali-Russo

Sofia-Lembo-Mastia-Tringali-Russo

da (POLITICAdeMENTE) il blog di Massimo Del Mese

BATTIPAGLIA – Si è tenuto nella mattinata di oggi sabato 13 dicembre 2014, presso il Centro Congressi San Luca di Battipaglia, organizzato dall’avvocato penalista Giovanni Sofia della componente penalnet Ucpi,il convegno su “Giustizia penale e mass media“, tema continuamente dibattuto per quelle che vengono definite le continue “scorribande” informative offerte all’opinione pubblica sia dalla carta stampata che dalle Radio, le Televisioni, i siti web e i blog.

Il convegno ha ottenuto il patrocinio del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno e della Bcc di Battipaglia Rovella. All’incontro, valido per 4 crediti formativi,  hanno partecipato il Presidente della Corte d’Appello Matteo Casale, il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Salerno, Americo Montera, mentre ha fatto giungere i suoi saluti il presidente distrettuale dell’Anm Massimo Palumbo, presenti tra l’altro in sala le massime utorità istituzionali: tra cui il Comandante della Polizia Municipale di Battipaglia e il Commissario Governativo del Comune di Battipaglia dott.ssa Ada Ferrara, i comandanti territoriali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, e della Polizia di Stato.

Sofia-Lembo-Mastia

Sofia-Lembo-Mastia

I lavori così come da scaletta precedentemente annunciata sono stati introdotti, coordinati e condotti dall’Avvocato Leonardo Mastia, componente penalnet Ucpi.

Ad introdurre il dibattito è stato l’Avvocato Giovanni Sofia dopo un interessante ed eloquente video che ha ricostruito lo scempio di quello che viene definito: “processo spettacolo televisivo“, seguito dagli interventi: del Presidente Vicario della Corte di Appello di Salerno Claudio Tringali; del giornalista Paolo Russo, responsabile della redazione de “il Mattino” di Salerno; del Procuratore capo della Procura della Repubblica di Salerno Corrado Lembo che ha concluso i lavori.

Il tema interessante ed intricante nel suo genere non ha escluso riferimenti sall’equilibrio dei poteri e la differenza tra loro, elemento indispensabile a qualsiasi approfondimento, rispetto alla tematica proposta e che si contesta sia nella forma che nella sostanza, ma che soprattutto è contraria ad un disposto legislativo del 2006, così come ha ricordato il Procuratore Lembo, ma che viene continuamente disatteso. Nei vari interventi si è anche fatto riferimento ai tempi processuali e una riforma della Giustizia che ovviamente, si auspica non sia in chiave “punitiva”, “limitativa”, “ubbidiente”, ma che rispetti l’autonomia della Magistratura, che assicuri la parità tra l’accusa e la difesa e in maniera assoluta garantisca si celebrino processi giusti sia nell’interesse dello Stato che dei colpevoli come degli innocenti.

Sofia-Lembo-Mastia-Tringali-Russo-2

Sofia-Lembo-Mastia-Tringali-Russo-2

«Sarò molto attento a questa problematica. – Ha detto il Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Salerno Corrado Lembo, a conclusione del Convegno e del suo intervento, riferendosi alle “fughe” di notizie e al racconto processuale che spesso non segue gli atti e che talvolta, per assurdo, arriva anche ad anticiparli, non facendo un buon servigio al normale decorso della giustizia – Ovviamente – ha aggiunto – ci sarà un controllo autocratico. Per questo ho già messo sotto processo qualcuno – e assicura – Non ci saranno più fughe. – E confermando non tanto una sua impostazione ma un disposto legislativo del 2006 sottolinea – Un unico soggetto può dare informazioni alla stampa. – facendo capire di voler rigidamente provvedere a quella applicazione non tollerando altre forme di comunicazione e facendo intendere, nel contempo, di non voler per nessuna ragione al mondo una sua sovraesposizione, lasciando immaginare che le comunicazioni saranno essenziali, e concludendo, rispetto alle notizie in libertà e a quelli che vengono ormai definiti processi mediatici – Preferisco una giustizia razionale piuttosto che emozionale“.

Il messaggio è forte e chiaro ed è giunto senza mezzi termini a chi doveva giungere, anche perché se c’é la pubblicazione e il racconto di una notizia, ovviamente c’é anche chi quella notizia l’ha fornita, la bisbigliata o l’ha suggerita, se poi si aggiungono altre motivazioni che mirano a “deviare” informazioni, ebbene quelle distorsioni possono disturbare e complicano le cose e rendono più difficile l’individuazione dei veri responsabili.

I corvi sono stati avvisati, ma sono stati avvisati anche chi spesso si lascia affascinare da un microfono, da una telecamera, da una foto su un giornale stampato, on line, o magnificarsi di qualche dichiarazione, che oggettivamente si potrebbe risparmiare.

Convegno-Giustizia.e.Mass-media-Hotel San Luca-pubblico

Convegno-Giustizia.e.Mass-media-Hotel San Luca-pubblico

Battipaglia, 13 dicembre 2014

2 total pingbacks on this post
Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente