Salerno: Ecco la nuova Giunta Comunale della “vecchia” era De Luca

Il Sindaco Enzo Napoli vara la giunta “lampo”: La prima del “dopo” De Luca.

Tre donne e cinque uomini. Tra le conferme, gli inamovibili: Avossa, Savastano e Di Maio; tra le “novità” anche Il figlio del Governatore De Luca. Si inaugura la nuova era deluchiana e il nuovo “cerchione” magico.

Roberto De Luca-Assessore Bilancio-Salerno

Roberto De Luca-Assessore Bilancio-Salerno

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – Il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli preannuncia la composizione della Giunta Comunale che sarà ufficializzata immediatamente dopo l’insediamento del Nuovo Consiglio comunale e la proclamazione degli eletti, prevista nei prossimi giorni. Giunta snella ed equilibrata nei generi, formata da 5 uomini e tre donne. E con questo si va oltre i dissapori e i mal di pancia di chi si è sentito escluso o chi si aspettava qualche riconoscimento che non è arrivato.Tanto a nulla serve essere contrari: “O si mangia questa minestra o cisi butta dalla finestra“, recita un detto popolare a significare qhe non ci sono altre vie a quelle indicate.

Enzo Napoli-Roberto De Luca

Enzo Napoli-Roberto De Luca

E tra le conferme preannunciate dallo stesso ex Sindaco Vincenzo De Luca, come quella di Savastano, De Maio e Avossa, a far parte della Giunta ci sono anche 5 novità: Caramanno, Giordano e Loffredo; e ciliegina sulla torta o meglio il “siggillo” di possesso quella del figlio dell’ex Sindaco e Governatore Roberto De Luca. Le nomine assessorili, consentono l’ingresso nell’assise di Palazzo di città di 4 consiglieri che sono Sara Petrone, Rocco Galdi, Pia Napoli e Veronica Mondany.

Sistemati i tre “intoccabili” e storici rappresentanti del percorso deluchiano, si è rispettato anche la rappresentanza delle Liste che hanno sostenuto Enzo Napoli, e così per: Dario Loffredo, primo eletto nella lista del “Partito Socialista Italiano”; Angelo Caramanno, primo degli eletti nella lista “Salerno per i giovani”; Gaetana Falcone, prima delle donne tra i non eletti, della Lista “Moderati per Salerno”; Maria Rita Giordano in vece dell’ex Assessore all’Ambiente Gerardo Calabrese per la Lista “Davvero Verdi” ispirata dall’On. Michele Ragosta; da esterno entra anche il secondogenito di Vincenzo De Luca, Roberto, al quale, in ragione del suo perorso politico di responsabile economico provinciale del PD, si occuperà della delega più importante, quella del Bilancio, Sviluppo e Società Partecipate.

De Luca-Napoli

De Luca-Napoli

Inizia così la seconda era deluchiana, verso la quale si può annotare insieme alla volontà di voler proseguire nelle scelte programmatiche fino ad ora programmate e attuate anche quella di voler mettere un “sigillo” padronale che non aggiuge e non toglie nulla rispetto a quanto in questi ultimi anni è stato a Salerno e dalle parti del Partito Democratico, che non si è mai trascurato di mettere opportunamente da parte, ogni volta si tratta di gestire nomine e potere, ma che all’occorrenza si utilizza per conquistare e ottenere piazze politiche, ogni volta che è necessario, con il controllo di tessere e seguaci, i quali, questi ultimi, pur di stare vicini o apparentemente vicini al “Sole” (De Luca Senior), accettano di essere corollario insignificante di un “sistema periferico” inutile e completamente subalterno al “Sistema Salerno“.

Si comprende, e senza nessun equivoco, che si è voltato pagina, e questo comporta che molti di quelli individuati come il “cerchio magico” del potere deluchiano, devono necessariamente “sloggiare“, e lasciare il campo libero al nuovo “cerchione“. E se è andata bene sia a Franco Picarone, Alfonso Buonaiuto, Enzo Maraio, Nello Fiore, tutti “traslocati” a Napoli, in liquidazione c’é anche il Segretario provinciale del PD Nicola Landolfi, che traslocato a Battipaglia, ha già dato prova del suo rinnovato impegno, partecipando con successo alla debacle del PD e del suo candidato Sindaco, conquistando un ragguardevole quinto posto in lista.

Questo è quello che succede quamdo si inaugurano i “nuovi” corsi. E nuovi corsi a parte ecco la nuova giunta Napoli di ispirazione De Luca, con “siggillo” Roberto.

  1. Eva Avossa:
    Vice Sindaco. Delega Pubblica Istruzione; 
  2. Angelo Caramanno,
    Delega Ambiente e Sport; 
  3. Roberto De Luca,
    Delega al Bilancio, allo Sviluppo e alle Società Partecipate;
  4. Domenico De Maio,
    Delega all’Urbanistica e alla Mobilitá;
  5. Gaetana Falcone,
    Delega alle Pari Opportunità;
  6. Mariarita Giordano,
    Delega alle Politiche giovanili e all’Innovazione;
  7. Dario Loffredo,
    delega al Commercio;
  8. Giovanni Savastano,
    Delega alle Politiche Sociali.

Resta nella competenza del Sindaco tutto quanto non espressamente delegato.

Salerno, 10 giugno 2016

4 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Siamo una monarchia repubblicana. ..di padre in figlio.

  2. Il vero assessorato in mano al rampollo.

  3. Il vero sindaco il figlio,Napoli continua il ruolo di facente funzioni….

  4. Il padre governatore
    Un figlio parlamentare
    Altro super assessore e futuro sindaco.
    E il popolo?
    Suona i piattini….naturalmente.

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente