Riqualificazione Costa Salerno-Agropoli: Firmata l’intesa e… nasce “l’Area vasta”

Sottoscritto un protocollo d’intesa tra Comuni e operatori per la riqualificazione ambientale e turistica della fascia costiera salernitana.

Con questa intesa nasce di fatto: “L’AREA VASTA”, ponendosi come obiettivo quello di definire una programmazione condivisa, capace di attuare azioni di sviluppo turistico dell’intera costa salernitana con opere e progetti che migliorino l’assetto territoriale e favoriscono lo sviuppo turistico.

Intesa comuni fascia costiera

Intesa comuni fascia costiera

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – I Comuni scendono in campo, attraverso i loro sindaci, rispondendo all’appello lanciato dagli operatori turistici della balneazione e dai Distretti Turistici per un intervento formulato attraverso concertazione e partenariato che progetti e realizzi opere capaci di aumentare l’attrattività dei luoghi e delle imprese, nel rispetto dell’ambiente e dei criteri urbanistici. Il relativo protocollo di intesa è stato firmato questa mattina presso il Comune di Salerno, che ha svolto un indispensabile ed apprezzato lavoro di coordinamento, dai sindaci, oltre che del capoluogo, di Eboli, Pontecagnano Faiano, Agropoli, Battipaglia e Capaccio. Alla firma hanno partecipato, costituendo il partenariato, i rappresentanti di Distretto Turistico “Sele-Picentini”, Distretto Turistico “Riviera salernitana” e Consorzio Turistico “Lidi di Paestum”.

Vincenzo Consalvo Intesa comuni fascia costiera

Vincenzo Consalvo Intesa comuni fascia costiera

«Con la sottoscrizione di questo protocollo di intesa – dichiara uno dei protagonisti di questo progetto che da anni ha lavorato per la sua definizione di oggi, l’Architetto Vincenzo Consalvo, Presidente de Distretto Tutistico, “Sele Picentini” – è nata una sinergia storica tra pubblico e privato che consentirà di riqualificare il tratto costiero che va da Salerno ad Agropoli.

Da questa proposta, – sottolinea Consalvo – fortemente  voluta dal distretti turistici Sele Picentini e Riviera Salernitana e dal Consorzio Lidi di Paestum ed immediatamente condivisa e sostenuta dalle amministrazioni rivierasche con in testa il Comune di Salerno al quale vanno i ringraziamenti per aver coordinato i lavori che hanno consentito la formalizzazione degli atti, dovrà prendere forma la rinascita della costa Salerno-Pontecagnano-Battipaglia-Eboli-Capaccio-Agropoli; è necessario che questa parte degradata di costa che ci ha allontanati  dal sistema turistico di qualità, torni a splendere e recuperi lo svantaggio sociale ed economico che la tracotanza e l’indifferenza di tanti ha fatto accumulare in quantità sproporzionate, consentendo il proliferare di attività illecite e il degrado costante dell’area.

Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa-Dalerno

Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa-Dalerno

Infrastrutture primarie ma anche una puntuale individuazione di funzioni da assegnare a questo territorio – aggiunge Vincenzo Consalvo presidente del distretto turistico Sele Picentini spiegando il valore complessivo dell’accordo stipulato – saranno la struttura portante dell’idea progetto che ci avvieremo a costruire in modalità partecipata, condivisa e determinata. Per questo rivolgo un particolare ringraziamento al dott. Alberto Di Lorenzo Dirigente del Comune di Salerno con il quale è stato possibile avviare, condividere e realizzare quanto stiamo facendo.

Entusiasti sono anche Alberto Serritiello, presidente del distretto turistico Riviera Salernitana e Albertino Barlotti, presidente del Consorzio dei Lidi di Paestum che sottolineano come sia necessaria la partecipazione di tutti gli operatori turistici a questa nuovo percorso virtuoso e di decollo della nostra costa. Barlotti, Consalvo e Serritiello, ringraziano i Sindaci dei Comuni rivieraschi che hanno sottoscritto l’intesa: Enzo Napoli, Ernesto Sica, Cecilia Francese, Massimo Cariello, Italo Sica, Franco Alfieri; per l’attenzione manifestata sull’iniziativa che certamente resterà alta per consentire la fattibilità dell’intervento.

massimo-cariello-vincenzo-napoli-intesa-comuni-firma

massimo-cariello-vincenzo-napoli-intesa-comuni-firma

Tra i sindaci a mostrare entusiasmo è quello di Eboli, Massimo Cariello, tra l’altro che con gli 8 Km di Fascia Costiera e pinetata, che attraversano il suo comune, è di fatto uno dei maggiori “azionisti”: «L’accordo di questa mattina – spiega il sindaco di Eboli, Massimo Carielloè strategicamente rilevante non solo per Comuni come Eboli, che hanno una lunga fascia costiera e dunque sono particolarmente interessati a questa iniziativa. E’ anche un messaggio al territorio, che in questa occasione fa rete e moltiplica gli sforzi per garantire ai propri operatori la possibilità di essere presenti in maniera ancora più concorrenziale sul mercato dell’offerta turistica. Inoltre, in una logica di partenariato pubblico-privato in tema di concessioni del demanio marittimo, puntiamo a stabilire le linee guida per un comune progetto di sviluppo infrastrutturale di area vasta».

«Abbiamo messo in campo un programma condiviso di pianificazione territoriale, – conclude il sindaco Cariello – guardando a progetti concreti e realizzabili di insediamento turistico, che coinvolga capitali pubblici e privati in una logica di sviluppo condiviso e di pieno partenariato pubblico-privato».

Vincenzo Napoli-Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa

Vincenzo Napoli-Mimmo De Maio-Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa

Obiettivo dell’accordo è la definizione di atti della programmazione condivisi, per costituire una rete di collaborazioni e cooperazioni capaci di attuare azioni di sviluppo turistico, guardando all’opportunità di risorse finanziarie che siano il più possibile rispondenti alla domanda di sviluppo. L’accordo prevede opere di disinquinamento, con riqualificazione e recupero ambientale e naturalizzazione di fiumi e canali; barriere frangiflutti idonee alla protezione ed al ripascimento della spiaggia, con ricostruzione dei cordoni dunali; adeguamento dei sistemi di depurazione; rivisitazione del sistema dei canali di scolo; potenziamento delle strade locali interne che collegano la litoranea all’Aversana e i centri cittadini, prevedendo aree di parcheggio pubbliche e private; completamento dell’Aversana.

Con la sottoscrizione di questa intesa nasce di fatto: “L’AREA VASTA“; sebbene per questo progetto specifico ci si pone come obiettivo quello di definire una programmazione condivisa dei territori aderenti, che sia capace di attuare azioni di sviluppo turistico dell’intera costa salernitana, pensando, immaginando e programmando opere e progetti che migliorino l’assetto territoriale e favoriscono lo sviuppo turistico, non è affatto escluso il coinvolgimento delle altre aree che non sono rivierasche ma che completano lassetto i quello che dovrebbe esser l’Ambito Territoriale, capace di contrapporsi, ma solo ai fini progettuali e di acquisizione di finanziamenti europei e nazionali con l’Area metropolitana di Napoli, e cogliere l’occasione di realizzare quelle infrastrutture necessarie che siano quella spinta economica necessaria alla ripresa

……………….  …  ……………….

De Maio-Barlotti-Villecco-Consalvo-Napoli-Francese-Alfieri-Cariello--Di Lorenzo-Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa

De Maio-Barlotti-Villecco-Consalvo-Napoli-Francese-Alfieri-Cariello–Di Lorenzo-Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa

Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa-pubblico

Intesa comuni fascia costiera-protocollo intesa-pubblico

Eboli, 6 ottobre 2016

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente