Bando Migranti e 2milioni di €: Più chiarezza e legalità

Cardiello (FI): «Bando migranti: fare chiarezza subito. Legalità sia la bussola. Si smentisca l’apertura di centri Spar a S. Cecilia».

Il capogruppo azzurro interviene a seguito dell’inchiesta de “Il Mattino” e si rivolge all’Amministrazione: «Si occupi della fascia costiera che è rimasta una giungla dove a governare sono migranti senza scrupoli.anzichè concentrarsi su feste e tagli di nastro, torni a porre la legalità al centro dell’azione amministrativa».

Damiano Cardiello

Damiano Cardiello

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – «L’inchiesta de “Il Mattino” – scrive in una nota il capogruppo in Consiglio Comunale di Forza Italia Damiano Cardiellofa luce sulla gara svolta per la gestione migranti ad Eboli, centro di affari legato all’immigrazione. – che aggiunge – Sono mesi che lo stiamo ripetendo: quel settore va inevitabilmente attenzionato dalle Autorità competenti, perchè ci sono troppe ombre.

Il quadro delineato dalla stampa e che emerge anche alla luce di nuovi dettagli, è profondamente sconcertante e merita un approfondimento in altre sedi. – prosegue Daminano Cardiello avanzando una specifica domanda che evidentemente egli pone anche a se stesso, atteso che sul nostro territorio vi sono più di una struttura privata che ospita cittadini extracomunitari – Possibile che accadano cose del genere?

Eppure il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione lo aveva detto: occorre maggiore attenzione per questo tipo di gare ma anche successivi all’aggiudicazione. – ricorda ancora Cardiello formulando un altro interrogativo che andrebbe afatto attraverso il Presidente dell’ANAC Raffaele Cantone al Governo e questi poi trasmettere ai Prefetti per assicurarsi della corretta appplicazione e alla Procura della Repubblica per accertarsi attraverso le Forze dell’Ordine della contravvenzione alle norme – Quali sono i controlli effettuati prima di aggiudicare 2.000.000 € pubblici?

Cardiello prosegue con una ulteriore domanda che ovviamente apre ad altri dubbi, lasciando intendere che quel “requisito” in questa specifica cìvicenda non vi sia, e nel contempo che non sia stato preso in considerazione da chi avrebbe dovuto farlo, leggendo attentamente nelle carte – E il requisito di moralità professionale da verificare in corso di gara come è stato riscontrato?

E Cardiello prosegue nel suo affondo chiedendo ulteriori informazioni – Inoltre, vogliamo sapere dove e quando saranno collocati i migranti, visto che il primo cittadino aveva garantito che non sarebbero sorti altri centri di accoglienza nella nostra Città. – rivolgendosi all’Amministrazione il Capogruppo di FI allunga la domanda sperando in una smentita alle voci che si stanno diffondendo in Città e soprattutto in periferia laddove i cittadini hanno più volte protestato lamentando una deriva della sicurezza rispetto al numero esorbitante di cittadini extracomunitari che hanno alterato gli equilibri e ne soffrono spesso per i continui episodi di intemperanza che attraversa anche i residenti – Smentisca categoricamente l’apertura di centri Sprar in località Santa Cecilia, dove si registrano punte del 35% di stranieri e la sicurezza non viene più percepita dalla popolazione residente. – E di quì i

E di quì, allargando il fronte di quelle che sono le criticità del tutto insolute e anzi consolidate dall’inerzia di chi dovrebbe essere preposto ad assicurare i controlli, arriva il suggerimento di Damiano Cardiello, evidenziando l’abbandono in cui versa l’intera fascia costiera e tutta la pinetata, ormai terra di nessuno se non di tutte quelle attività illecite che vi si nascondono fidandosi sulla certezza di non essere mai scovati – Si occupi della fascia costiera che è rimasta una giungla dove a governare sono migranti senza scrupoli. – e alla luce di tutte le sue rappresentazioni il Capogruppo di Forza Italia Damiano Cardiello conclude invitando altresì l’amministrazione ripristinare la “legalità” piuttosto di continuare sull’aspetto festaiolo – Torni a porre la legalità al centro dell’azione amministrativa, anzichè concentrarsi su feste e tagli di nastro».

La verità che 2.000.000 di euro fanno gola a chiunque e se si pensa che si uccide per meno, si può immaginare lo scrupolo che si può avere per questa tematica, che coinvolge sicuramente i migranti, ma che attraversa anche chi ci specula su, guadagnandoci, e guarda caso legalmente, sempre che queste persone siano quantomeno incensurate, rispondendo al dubbio di Cardiello, e non appartengano al mondo degli avventurieri e dei delinquenti.

Ormai dalle nostre parti è più conveniente “allevare” migranti che coltivare cetrioli, insalata e pomodori. Così come è più remunerativo mettere su un’impresa che si occupi di rifiuti piuttosto che organizzare una impresa agro-alimentare, in tutti e due i casi per le prime iniziative quelle che ospitano i migranti e quelle che trattano i rifiuti, arrivano solo i soldi e niente controlli, basta vedere solo quello che accade tra Eboli e Battipaglia, per le seconde oltre ad avere degli operai e pagarli sono sottoposti a controlli continui ed interminabili.

Ci dobbiamo rassegnare oppure vale la pena di correggere il tiro e mettere a posto nelle proprie caselle sia il flusso dei migranti, l’accoglienza e il loro utilizzo mirato e sia le produzioni agroalimentare che rappresentano l’economia primaria della nostra Piana? Ma ognuno svolga il suo ruolo e lo svolga bene.

Marina di Eboli-Migranti ai supermercati-prostitute a mare

Marina di Eboli-Migranti ai supermercati-prostitute a mare (Foto POLITICAdeMENTE)

Eboli, 25 agosto 2017
2 commenti su questo articoloLascia un commento
  1. Per alcuni militanti di estrema sinistra della nostra cittadina che hanno pubblicato su Facebook una tabella dove i migranti sono pochi rispetto al numero degli abitanti nazionali.

    noi siamo razzisti quindi ne vorrebbero altri di presunti profughi non si rendono conto che i razzisti sono loro che fomentano odio tra italiani e stranieri.

    una cosa vergognosa una cosa che va affermata un buon italiano deve impedire questo scempio.

  2. A S. Cecilia esiste già uno Sprar ora ne apriranno un altro in zona Epitaffio. In autunno…….

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2021 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente