Chiusura Punti nascita di Sapri e Polla solidarietà dalle Associazioni

Chiusura Punti nascita Sapri e Polla: Dopo la posizione dei Sindacati arriva la solidarietà del Comitato Salute Pubblica.

Rosa Adelizzi del Comitato per la Salute del Sele e Calore, condanna il ridimensionamento dei presidi ospedalieri a Sud di Salerno mortificando cosi le comunità ed i territori: ”Il livello della vertenza sociale che si sta creando, oramai, interessa tutta la parte a sud di Salerno”.

Rosa Adelizzi

Rosa Adelizzi

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

EBOLI – Continuano le prese di posizione delle formazioni sociali riguardo la recente scelta da parte dei vertici regionali sanitari di chiudere i punti nascita di Polla e di Sapri, parliamo di due entità  ospedaliere importanti per la conformazione orografica del territorio e la vastità dello stesso, che servono rispettivamente il Vallo di Diano ed il Cilento costiero, dove per raggiungere un P.O. in molti casi i cittadini devono percorrere diversi chilometri, tra strade anguste e in periodo invernale anche difficilmente praticabili.

Cosi dopo la durissima nota stampa unitaria, della “Triplice sindacale”, ossia le sigle sanitarie di: Cgil, Cisl e Uil, https://www.massimo.delmese.net/131127/chiusi-i-punti-nascita-di-polla-e-sapri-cittadini-e-sindacati-in-agitazione/, ora è la volta delle formazioni sociali operanti sul territorio. Registriamo infatti la presa di posizione di Rosa Adelizzi, presidentessa del Comitato per la Salute Pubblica del Sele e Calore che da oltre tre anni porta avanti la battaglia della salvaguardia dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) nella parte meridionale della Regione, i quali prima con Stefano Caldoro ed ora con Vincenzo De Luca, vengono “scientificamente” depotenziati, in una logica che mortifica i territori ed inasprisce il senso di abbandono delle comunità istanti.

Ospedali-Polla-Sapri

Ospedali-Polla-Sapri

Siamo vicini alle popolazioni del Vallo di Diano e del Saprese” – esclama la Presidente del Comitato per la tutela della Salute dei cittadini della Valle del Sele e del Calore Rosa Adelizzi questa è l’ennesima chiusura che il territorio della provincia di Salerno sta patendo, dopo la chiusura delle Ostetricie e delle Pediatrie degli Ospedali di Oliveto Citra e di Eboli nel 2016.

Vogliamo ricordare a tutti che il nostro territorio, pur avendo un fabbisogno di posti letto di Ostetricia pari a 55 e di Pediatria pari a 25,  ha solo 32 posti letto di Ostetricia e 12 di Pediatria residuati nel solo Ospedale di Battipaglia – conclude il breve ma esaustivo comunicato stampa del sodalizio ebolitano nel mentre sono stati disarticolati e soppressi gli altri punti nascita, andando ben oltre alla previsione della normativa nazionale. Il livello della vertenza sociale che si sta creando, oramai, interessa tutta la parte a sud di Salerno: no alla chiusura dei punti nascita di Sapri e Polla, ma, anche sì alla riapertura delle Ostetricie e delle Pediatrie di Eboli e di Oliveto Citra per una maggiore umanizzazione del parto che con la sola Battipaglia non è assicurata ai cittadini della Valle del Sele e del Calore.

Eboli 17 novembre 2018

 

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2020 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente