Restano i punti nascita a Sapri e Polla. Soddisfazione dei Confederali

Salvi i reparti dei due nosocomi a sud della Provincia: Marcia indietro dei vertici sanitari regionali.

Soddisfatte le sigle Fp Cgil, Fp Cisl Salerno e Uil Fpl. “E’ la vittoria del buon senso. Quando le comunità decidono di riprendere in mano il proprio futuro alla fine riescono a fare in modo che la buona politica prevalga e di questo tutti coloro che hanno seriamente contribuito possono andarne fieri!

Confederali-punti nascita

Confederali-punti nascita

da POLITICAdeMENTE il blog di Massimo Del Mese

SALERNO – I sindacati esprimono soddisfazione per l’azione che ha evitato la chiusura dei punti nascita degli ospedali di Sapri e Polla.

E’ la vittoria del buon senso – hanno affermato i segretari provinciali di Cgil FpCisl Fp e Uil FplPasquale Addesso, Pietro Antonacchio e Lorenzo Conte – ma il plauso va a tutti i cittadini di Sapri e di Polla e a tutte le istituzioni politiche e dei comitati sorti a difesa del diritto alla salute per tutta la comunità di riferimento. Siamo felici per le scelte che hanno difeso il nostro territorio ma che soprattutto hanno riconosciuto che non si può continuare a non porre attenzione ai bisogni fondamentali delle persone. Sappiamo che il contributo determinante è stato quello messo in campo dall’attuale commissario straordinario dell’Asl Salerno, Mario Iervolino, che ha documentato senza tema di smentita che la analisi a base della irragionevole chiusura dei punti nascita era errata poiché le attività e la professionalità messa in campo dagli operatori delle strutture ospedaliere interessate era encomiabile e sottostimata”.

Un’azione a cui i sindacati ora si aspettano un seguito: “Nel rapporto tra parti e complicanze, parti e personale medico ma soprattutto tra diritto alla maternità e oneri per sostenerla in zone disagiate e purtroppo da troppo tempo abbandonate da politiche scellerate e poco attente ai bisogni della gente. Il riconoscimento della necessità di prevedere i presidi di Sapri e Polla quali Dipartimenti d’emergenza e accettazione, di primo livello apre uno scenario non solo di valorizzazione di strutte dimenticate nei piani di riordino della rete ospedaliera, ma impone che tutti gli attori si assumano la responsabilità di potenziare le strutture con investimenti concreti di risorse sia economiche ma soprattutto umane”, hanno concluso Addesso, Antonacchio e Conte.“La decisione assunta mostra che quando le comunità decidono di riprendere in mano il proprio futuro alla fine riescono a fare in modo che la buona politica prevalga e di questo tutti coloro che hanno seriamente contribuito possono andarne fieri”.

Salerno, 19 dicembre 2018

Lascia il tuo commento

Inserisci il tuo nome

Il tuo nome

Inserisci una email valida.

Inserisci una email valida (non viene pubblicata)

Inserisci il tuo commento

POLITICAdeMENTE – Il blog di Massimo Del Mese © 2019 All Rights Reserved

2009-2016 Fluidworks Web & Media Solutions

2009-2012 by Fluidworks Web Agency Eboli (Salerno)

PoliticaDeMente